Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Disturbi Dellovulazione La Sindrome Dellovaio Policistico E Non Solo Cmp 024

Disturbi dell’ovulazione: la sindrome dell’ovaio policistico e non solo

Redazione

Ultimo aggiornamento – Gennaio 31, 2019

Disturbi dell’ovulazione: la sindrome dell’ovaio policistico e non solo

La funzione ovulatoria richiede l’integrazione e il funzionamento congiunto di diversi sistemi dell’organismo, ovvero: funzionalità tiroidea, azione dell’insulina, funzionalità adrenale, funzionalità dell’asse pituitario ipotalamico.

Quando la funzionalità di uno o più di questi sistemi è compromessa, anche la funzione follicolare viene alterata, provocando l’interruzione dell’ovulazione e quelli che vengono definiti disturbi dell’ovulazione, di cui la sindrome dell’ovaio policistico è tra i più noti.

La sindrome dell’ovaio policistico

La sindrome dell’ovaio policistico (anche nota come PCOs, acronimo derivante dall’inglese Polycystic Ovary Syndrome) è una sindrome complessa, caratterizzata dalla presenza di ovaie ingrandite e micropolicistiche e alterazioni endocrinologiche (iperandrogenismo, disordini del ciclo mestruale, obesità).

Si tratta di uno dei disturbi più comuni nelle donne in età fertile, che colpisce tra il 5 e il 10% della popolazione femminile e rappresenta la causa più frequente di infertilità legata ad anovulazione cronica.

Quali sono le cause?

Le cause della PCOs non sono ancora del tutto chiare. L’ipotesi più accreditata è quella di un’origine multifattoriale, influenzata da fattori di rischio genetici e ambientali, in grado di determinare il quadro sindromico che caratterizza la sindrome dell’ovaio policistico. Quello che appare certo, invece, è che, a prescindere da quale sia l’evento scatenante, si determina una condizione di iperandrogenismo, in grado di provocare un’eccessiva produzione aciclica di estrogeno, che a sua volta determinerebbe una iperproduzione di gonadotropine (LH e FSH), ormoni in grado di regolare l’attività e le funzioni degli organi riproduttivi femminili.

Quali sono i sintomi?

La PCOs, solitamente, si manifesta già in epoca puberale con disordini mestruali, irsutismo e obesità. I sintomi principali includono:

  • irregolarità del ciclo mestruale: quindi oligomenorrea, amenorrea o metrorragie;
  • ovaio policistico;
  • iperandrogenismo: le cui manifestazioni includono irsutismo, acne, alopecia;
  • obesità: condizione spesso associata ad uno stato di iperinsulinismo legato, a sua volta, all’insulino-resistenza.

A questi sintomi possono accompagnarsi anche disturbi metabolici, quali intolleranza glucidica, diabete mellito, dislipidemia, iperfibrinogenemia oltre a un aumento del rischio cardiovascolare.

Come si effettua la diagnosi?

La diagnosi di PCOs è confermata quando ci si trova in presenza di 2 dei seguenti 3 criteri diagnostici:

  • disfunzioni ovulatorie (confermate dall’anamnesi sulle caratteristiche del ciclo mestruale e sulla storia riproduttiva della donna);
  • iperandrogenismo (acclarato sulla base dei dati clinici e sulla base degli esami di laboratorio);
  • ovaio policistico (diagnosticato tramite ecografia transvaginale).

La diagnosi precoce della PCOs e il trattamento tempestivo di questa sindrome contribuiscono a scongiurare il verificarsi di conseguenze a lungo termine, quali iperplasia endometriale, tumore dell’endometrio, ipertensione, iperlipidemia, insulino-resistenza, diabete mellito di tipo II e infertilità.

La terapia

l trattamento della sindrome dell’ovaio policistico varia a seconda del quadro clinico della paziente e del suo desiderio di maternità. La terapia, quindi, può essere volta alla regolazione dei cicli mestruali e all’induzione dell’ovulazione nelle pazienti che vogliono ottenere una gravidanza oppure volta ad attenuare gli effetti dell’iperandrogenismo.

Per correggere le irregolarità mestruali, l’acne e l’irsutismo, una terapia adeguata consiste nell’assunzione di una pillola anticoncezionale contenente estrogeni e progesterone. Per le donne il cui obiettivo primario è la ricerca di un figlio, la terapia prevede invece il ripristino dell’ovulazione spontanea.

Nelle pazienti obese o in sovrappeso è consigliabile un calo ponderale attraverso un regime alimentare sano ed equilibrato e l’esercizio fisico costante.

Gli altri disturbi dell’ovulazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stilato la seguente classificazione dei disturbi ovulatori, basandosi su tre diversi criteri:

  1. Livello della prolattina
  2. Livello delle gonadotropine LH ed FSH
  3. Livello degli estrogeni

GRUPPO I – Fallimento ipotalamico pituitario: donne con amenorrea e assenza di segni di produzione di estrogeni, livelli di prolattina entro i limiti, bassi livelli di FSH, assenza di segni rilevabili di lesioni nella regione ipotalamo-ipofisaria.

GRUPPO II – Insufficienza ipotalamo-ipofisaria (causa più comune): donne con disturbi del ciclo mestruale, quali insufficienza della fase luteale, cicli anovulatori, PCOs, assenza di mestruazioni, con segni di produzione di estrogeni e livelli di FSH e prolattina nella norma.

GRUPPO III – Insufficienza ovarica: donne con assenza di mestruazioni, assenza di segni di funzionalità ovarica, livelli elevati di FSH e valori di prolattina nella norma.

GRUPPO IV – Disturbo congenito o acquisito del tratto riproduttivo: donne con assenza di mestruazioni che non rispondono a cicli ripetuti di estrogeni.

GRUPPO V – Donne infertili con iperprolattinemia e lesioni a livello della regione ipotalamico-ipofisaria: donne con vari disturbi del ciclo ovarico, alti livelli di prolattina e segni di lesioni a livello della regione ipotalamico-ipofisaria.

GRUPPO VI: Donne con infertilità, iperprolattinemia e assenza di lesioni a livello della regione ipotalamico-ipofisaria: come nelle donne del gruppo V, ma assenza di segni di lesioni.

GRUPPO VII: Donne con amenorrea in assenza di valori elevati di prolattina e segni di lesioni nella regione ipotalamico pituitaria: donne con una ridotta produzione di estrogeni e valori di prolattina nella norma o bassi.

Come capire se si sta ovulando? 

Come capire se si sta ovulando? 

Disturbi a parte, per molte donne è importante capire quando si sta ovulando. Come farlo? Esistono dei test che è possibile eseguire anche a casa. Il Test Ovulazione-LH, infatti, permette di rilevare i livelli dell’ormone luteinizzante LH presente nelle urine, segnando in maniera chiara il normale picco che precede l’ovulazione e il periodo fertile.

Parliamo, quindi, di un test veloce e utile soprattutto quando si cerca di rimanere incinta. Maggiori livelli dell’ormone luteinizzante sono indice di una ovulazione imminente e i risultati si possono avere in soli 5 minuti!

Insomma, un modo semplice per valutare la propria ovulazione e ascoltare ancor meglio il proprio corpo!

Mostra commenti
Prezzemolo? Consumato crudo, aumenta le difese immunitarie (e non solo)
Prezzemolo? Consumato crudo, aumenta le difese immunitarie (e non solo)
Polisonnografia: cosa è, come funziona e quando farla
Polisonnografia: cosa è, come funziona e quando farla
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus
Non avere paura di niente? È una brutta malattia


Non avere paura di niente? È una brutta malattia


Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
Perché NON dovresti mai interrompere l’antibiotico
10 modi per aumentare la dopamina (in modo naturale)
10 modi per aumentare la dopamina (in modo naturale)