Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Disturbo alla tiroide o carenza di ferro?

Disturbo alla tiroide o carenza di ferro?

Ultimo aggiornamento – 29 maggio, 2020

Disturbi alla tiroide o carenza di ferro
Indice

La tiroide è una ghiandola endocrina responsabile della produzione degli ormoni T3 e T4, regolata da sofisticati meccanismi che coinvolgono l’ipotalamo e l’ipofisi che garantiscono il corretto funzionamento della stessa.

Tuttavia, in alcuni casi, la tiroide smette di funzionare correttamente e, pertanto, i livelli degli ormoni tiroidei nel sangue appaiono alterati. Dal momento che questi sono responsabili di importanti attività legate al metabolismo del corpo, un loro squilibrio può portare a gravi conseguenze.

I disturbi della tiroide più comuni sono infatti causati da una produzione anormale di ormoni tiroidei. Un’insufficiente produzione di ormoni tiroidei porta a una condizione nota come ipotiroidismo, mentre una loro eccessiva produzione porta a ipertiroidismo.

Vediamo insieme quali sono i sintomi di patologie legate ad un malfunzionamento della tiroide, per non cadere in inganno nel caso in cui il problema sia una semplice carenza di ferro!

Ipotiroidismo e ipertiroidismo: i sintomi più comuni

L’ipotiroidismo è una condizione caratterizzata da una bassa produzione di ormoni tiroidei. Dal momento che gli ormoni tiroidei controllano la crescita, lo sviluppo e molti processi cellulari, una loro carenza ha conseguenze dirette su diversi distretti del corpo.

I sintomi dell’ipotiroidismo tendono spesso a confondersi con quelli di altre condizioni patologiche, magari legate all’invecchiamento. I pazienti con un lieve ipotiroidismo, talvolta, non presentano alcun segno evidente.

Comunque sia, i sintomi iniziano generalmente a presentarsi quando la condizione mostra segni di peggioramento, determinando un generale rallentamento del metabolismo. I sintomi principali comprendono:

  • sensazione di fatica;
  • depressione;
  • aumento di peso;
  • letargia;
  • crampi muscolari;
  • gonfiore alle gambe;
  • difficoltà di concentrazione.

Nel caso dell’ipertiroidismo, invece, si ha un’eccessiva attività della tiroide, provocando una sovrapproduzione di ormoni tiroidei. I principali sintomi comprendono:

  • improvvisa perdita di peso;
  • eccessiva sudorazione;
  • tachicardia;
  • tremore;
  • agitazione;
  • ciclo mestruale irregolare;
  • insonnia.

Anche in caso di ipertiroidismo, le persone anziane presentano sintomi meno specifici, come affaticamento e aumento della frequenza cardiaca che possono non essere immediatamente ricondotti a un malfunzionamento della tiroide.

Sia nell’uno sia nell’altro caso, ricordate che i sintomi della tiroide possono essere tenuti facilmente a bada con farmaci specifici. L’importante è riconoscere in tempo la patologia.

Ipotiroidismo o carenza di ferro?

In alcuni casi, quello che può apparire come un disturbo della tiroide, è in realtà da imputare ad altre condizioni. E’ questo il caso della carenza di ferro.

Infatti, si è osservato che donne con sintomi tipici dell’ipotiroidismo (letargia, sensazione di fatica) presentavano, in realtà, una carenza di ferro. E dal momento che può accadere che tali sintomi appaiono in assenza di anemia, la diagnosi può apparire più complicata del previsto.

Un parametro da prendere in considerazione è la quantità di ferritina presente nel sangue e la concentrazione di recettori della transferrina. Bassi livelli di ferritina e un’altra concentrazione di recettori della transferrina indicano, infatti, una carenza di ferro.

In ogni caso, la somministrazione di integratori di ferro e di farmaci per l’ipotiroidismo determinano una marcata riduzione di tutti i sintomi associati alle due condizioni.

Insomma, l’importanza della diagnosi è fondamentale: in presenza di questi sintomi, rivolgetevi ad un medico. Lui saprà come aiutarvi.

Mostra commenti
Gli alimenti con tanto fosforo fanno davvero bene?
Gli alimenti con tanto fosforo fanno davvero bene?
Setticemia: un biomarker potrebbe salvare la vita di molte persone
Setticemia: un biomarker potrebbe salvare la vita di molte persone
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?