Fecondazione in Vitro all’estero: come orientarsi?

Redazione

Ultimo aggiornamento – 13 Maggio, 2024

siringa-su-sfondo-rosa

Il progresso scientifico ha fatto passi da gigante, offrendo diverse opportunità per quella che è la procreazione assistita.

In questo articolo parleremo in particolare di fecondazione in vitro approfondendo la metodologia e le opzioni che gli altri paesi possono offrire per la procedura.

Fecondazione in Vitro: che cos’è?

La fecondazione in vitro è una delle tecniche di riproduzione assistita maggiormente diffusa. Consiste nell'unione degli spermatozoi e degli ovociti, in un ambiente controllato come una provetta o una placca di Petri. Questo processo avviene in laboratorio, dove gli ovociti prelevati dalla donna vengono uniti agli spermatozoi del partner o di un donatore.

Dopo la fecondazione, gli embrioni vengono coltivati in vitro per alcuni giorni, al fine di valutarne lo sviluppo e l’evoluzione. Successivamente, uno o più embrioni di buona qualità vengono selezionati e impiantati nell'utero della donna, con l'obiettivo di ottenere una gravidanza.

Per chi è indicata la fecondazione in vitro?

Ci sono diverse istanze in cui la fecondazione in vitro è un’opzione, tra cui:

  • Infertilità di coppia;
  • Problemi di salute femminili, come malformazioni uterine, endometriosi che rendono difficile il concepimento naturale;
  • Problemi di salute maschili, come bassa conta di spermatozoi e motilità spermatica ridotta;
  • Età avanzata della donna che comporta una ridotta riserva ovarica e una diminuzione della qualità degli ovociti;
  • Anomalie genetiche o malattie ereditarie di uno o entrambi i partner;
  • Procreazione assistita per coppie composte da donne dello stesso sesso.

Fecondazione in vitro all’estero: quali sono le opzioni

Ricercare un supporto concreto nella fecondazione assistita può risultare un processo lungo e complesso, sulla base di quelle che sono le proprie esigenze.

Le difficoltà che si riscontrano potrebbero riguardare elementi legislativi, cure ed assistenza offerte, prezzi ed esami a cui sottoporsi.

Ecco perché è importante dove saper ricercare la soluzione più adatta per la propria situazione e desiderio.

Per questa ragione molte persone scelgono di rivolgersi a piattaforme come Cliniche Fiv all’estero, che fornisce tutti i dettagli necessari per fare una scelta consapevole.

Sulla piattaforma infatti, oltre alla Guida FIV all’estero 2024, sono presenti altre risorse utili, come contenuti con consigli su come scegliere la clinica e il paese più adatti alle proprie esigenze, come:

  • Selezionare clinica e luogo sulla base delle esigenze personali e stato civile (alcuni paesi potrebbero limitare il trattamento per coppie sposate eterosessuali, coppie composte dallo stesso sesso o donne single);
  • Costi e casi di successo. Il processo può risultare dispendioso pertanto è importante confrontare i diversi costi proposti vs. i casi di successo e il servizio offerto;
  • Continuo feedback e comunicazione. Una volta individuata la potenziale struttura è fondamentale condividere qualsiasi dubbio o domanda con i referenti, come: Quali esami è necessario fare? Qual è il tasso di successo? Qual è l’esperienza dell’equipe medica? Come posso essere certo/a che i donatori sono fisicamente e mentalmente sani (nel caso in cui si opti per un donatore), e via dicendo.

Avere una famiglia è un diritto per tutti, se la scelta è presa in maniera consapevole, e la fecondazione in vitro all’estero offre la possibilità di procreare in maniera sicura e controllata.

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1783 articoli pubblicati

Contenuti correlati
Donna parla con la ginecologa
Quanto liquido seminale serve per rimanere incinta?

Clicca qui per scoprire quanto liquido seminale serve per rimanere incinta, una domanda che molte coppie si pongono. Ecco un approfondimento.

icon/chat