Prurito intimo: i rimedi della nonna da provare

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 14 Maggio, 2024

ragazza seduta sul letto accusa prurito intimo

Irritazione, fastidio e sensazione di bruciore intimo possono risultare molto fastidiosi, ma come alleviare questi sintomi con i metodi naturali? Ecco tanti consigli per risolvere il prurito intimo e i migliori rimedi della nonna da mettere in pratica.

I migliori rimedi della nonna per il prurito intimo

Prurito intimo, bruciore e secchezza sono sintomi piuttosto comuni che molto spesso sono in relazione fra loro.  A soffrirne maggiormente sono le donne e, in svariati casi, essi rappresentano le prime manifestazioni di un'infezione intima. Le cause, tuttavia, possono essere differenti, e dipendere anche da uno squilibrio ormonale.

Contrastare le irritazioni intime con i rimedi naturali è certamente possibile, tuttavia la buona riuscita dipende anche dal motivo alla base del prurito: qualora il disagio fosse causato da un'infezione batterica, ad esempio, è opportuno indagare a fondo la situazione sottoponendosi a una visita ginecologica.

Per quanto riguarda il prurito intimo associato alla secchezza vaginale, esso costituisce una manifestazione tipica della menopausa ed è dovuto al calo degli estrogeni; altre cause possono includere poi:

  • gli squilibri ormonali, come nel caso della gravidanza o dell'allattamento;
  • un abbassamento delle difese immunitarie;
  • le malattie sessualmente trasmissibili;
  • le infezioni (come ad esempio la candida, la cistite);
  • l'eccessivo uso di biancheria intima in fibra sintetica o di misura troppo stretta.

Visto l'ampio ventaglio di cause che possono condurre a fastidi in quest'area del corpo, quali sono i migliori rimedi naturali contro prurito intimo, bruciore e secchezza?

Ecco alcune buone abitudini da tenere presente:

  • prestare attenzione all'igiene intima, cercando di evitare prodotti per la detersione troppo aggressivi, i quali sono in grado di alterare il pH vaginale e il microfilm protettivo che riveste la mucosa vaginale;
  • non utilizzare biancheria intima sintetica o colorata, ma preferire il cotone bianco e, in genere, le fibre naturali;
  • avere una dieta sana e bilanciata, mangiando alimenti ricchi di fibre e di probiotici;
  • evitare gli eccessi, in particolare moderare il consumo di alcol e il fumo;
  • avere rapporti sessuali protetti;
  • un rimedio naturale per prurito intimo e secchezza vaginale è rappresentato dall'utilizzo di lubrificanti. Essi vanno applicati in occasione dei rapporti sessuali con penetrazione e aiutano ad alleviare il fastidio causato dallo sfregamento tra le mucose vaginali e il preservativo.

Rimedi naturali contro il prurito intimo

Quali sono i rimedi naturali per bruciore e prurito intimo più efficaci? Eccone tre da provare subito.

Bicarbonato di sodio

Per contrastare il prurito intimo il bicarbonato è considerato uno dei rimedi della nonna più efficaci da utilizzare. Questa sostanza naturale è in grado di donare sollievo al corpo e, di conseguenza, di lenire il fastidio. Si può sfruttare in diversi modi, ad esempio mettendo a punto una specie di disinfettante intimo naturale. 

Per farlo occorre riempire una vasca d'acqua e sciogliervi mezzo bicchiere di bicarbonato in polvere, per poi rimanere in immersione per circa 15 minuti.

In alternativa, molto utili sono anche gli sciacqui, da provare non appena si avverte il prurito. In questo caso basterà sciogliere mezzo cucchiaino di bicarbonato in una bacinella con dell'acqua tiepida, e poi procedere con il lavaggio intimo.

Il bicarbonato di sodio rappresenta uno dei rimedi naturali per il prurito intimo più efficaci ed economici che vi siano in commercio: semplice e versatile, questo prodotto costituisce un'ottima alternativa alle lavande vaginali e ai classici rimedi farmaceutici che, in alcuni casi, sono troppo aggressivi per chi soffre di irritazioni temporanee.

Camomilla

La camomilla è una pianta nota per le sue proprietà lenitive e calmanti. Essa costituisce un ottimo rimedio naturale per contrastare l'infiammazione intima e può essere usata sotto forma di infuso. Una volta preparata e lasciata raffreddare, si applica sulle parti intime per lavarle o per eseguire degli impacchi. Essendo completamente naturale, l'infuso di camomilla si può usare diverse volte al giorno.

Una buona idea può quindi essere quella di preparare una lavanda intima a base di amido di riso, olio essenziale di tea tree e camomilla. Questo rimedio, che ha una funzione lenitiva, antimicotica e antibatterica, è un ottimo modo per combattere le irritazioni intime.

Si prepara in questo modo: portare a bollore 250 ml di acqua, poi spegnere il fuoco e mettere in infusione un cucchiaino di fiori di camomilla essiccata per cinque minuti. 

Una volta filtrato e lasciato raffreddare il composto, unirvi quattro gocce di olio essenziale di tea tree e poi sciogliere un cucchiaio di amido di riso in polvere. Mescolare bene e utilizzare il liquido ottenuto per effettuare degli sciacqui sulle zone intime.

Aloe vera

L'aloe vera costituisce un altro tra i rimedi naturali per prurito intimo e bruciore più utilizzati, visto che questa pianta ha spiccate proprietà lenitive. È possibile ad esempio applicare il gel di aloe vera sulle zone infiammate (anche più volte al giorno) per beneficiare di un'immediata sensazione di fresco che apporterà un notevole sollievo.

Prurito vaginale: 7 rimedi della nonna da provare

Per cercare di alleviare il disturbo causato dai vari fastidi intimi, ecco altri sette rimedi naturali da sperimentare per trovare sollievo.

  • l'aceto di mele. L'aceto di mele possiede note proprietà antibatteriche e antifungine e per questo motivo viene annoverato fra i rimedi della nonna contro il bruciore intimo. Si utilizza opportunamente diluito in acqua tiepida per effettuare degli sciacqui da una a due volte al giorno;
  • oltre alla camomilla, altre due specie vegetali indicate per contrastare le irritazioni della pelle sono la malva e la calendula. Entrambe, infatti, costituiscono due ingredienti comuni all'interno di creme e gel lenitivi ad uso topico;
  • per placare il prurito intimo esterno esistono numerosi rimedi naturali, fra cui anche l'olio di tea tree, che si caratterizza per avere un'efficace azione antibatterica;
  • il sale grosso. Rimedio della nonna estremamente economico, il sale grosso può essere sfruttato in virtù della sua capacità antibatterica solo se non sono presenti tagli ed escoriazioni sulle parti intime. Basta semplicemente far sciogliere una piccola quantità di sale all'interno del bidet e procedere ad effettuare degli sciacqui;
  • per il prurito vulvare uno dei rimedi naturali ad uso topico più utilizzato è il miele, il quale possiede proprietà antimicotiche e antifungine;
  • il rosmarino e il basilico. Entrambe queste piante possiedono un'azione antibatterica. Per sfruttarla è sufficiente far bollire una manciata di foglie in un pentolino d'acqua, poi filtrare e far raffreddare il tutto. Con il liquido ottenuto si potranno effettuare degli sciacqui ad azione lenitiva sulle zone intime;
  • i probiotici. La lotta all'irritazione intima include anche rimedi naturali a base di probiotici. In questo caso basterà inserire più alimenti che li contengono all'interno della propria dieta. Mangiare uno yogurt bianco non zuccherato al giorno, ad esempio, rappresenta un ottimo modo per incrementare il quantitativo di probiotici nell'organismo e per stimolare il sistema immunitario.
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Salute

950 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
icon/chat