Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Fumo e colesterolo alto: una combinazione allarmante

Fumo e colesterolo alto: una combinazione allarmante

Ultimo aggiornamento – 20 Febbraio, 2017

smettere di fumare per prevenire il colesterolo

Fumare fa male alla salute, ormai lo sappiamo tutti. Il fumo è causa della maggior parte delle forme di cancro al polmone, di altri tipi di tumore (alla vescica, all’esofago e al fegato, per citarne solo alcuni) e delle principali malattie del sistema cardiovascolare, aumentando il rischio di ictus e di malattie coronariche e il danneggiamento dei vasi sanguigni.

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il fumo causa circa 6 milioni di morti ogni anno in tutto il mondo, circa 80 mila in Italia. La situazione peggiora quando il fumo si associa al colesterolo alto, un altro noto fattore di rischio cardiovascolare.

Colesterolo buono e cattivo: qual è la differenza?

Il colesterolo è presente naturalmente nel corpo umano ed è una sostanza grassa. Esistono due tipi di colesterolo, quello “buono” e quello “cattivo”: il colesterolo buono è rappresentato dalle lipoproteine ad alta densità (HDL), quello cattivo dalle lipoproteine a bassa densità (LDL).

Entrambi sono importanti per il nostro organismo. L’LDL distribuisce il colesterolo alle cellule, ma se presente in eccesso provoca degli accumuli nelle arterie che diventano pericolosi. L’HDL aiuta a rimuovere e trasportare questi accumuli al nostro fegato, dove possono essere rimossi, proteggendoci dalle malattie cardiache.

Interazione fumo-colesterolo

Il fumo abbassa il colesterolo HDL, provoca danni al rivestimento dei vasi sanguigni e aumenta la probabilità che si formino coaguli di sangue e indurimento delle arterie, causando l’aterosclerosi. Anche l’aterosclerosi può portare all’ictus.

Anche se non è chiaro che il fumo provochi un eccesso di LDL, è dimostrato che ne aggrava l’effetto, favorendo la formazione di accumuli e ostacolando l’azione dell’HDL.

Smettere di fumare: i vantaggi per la salute

Se siete fumatori, sappiate che smettere di fumare è la cosa più utile che potete fare per il vostro organismo e otterrete due grandi vantaggi a breve e a lungo termine:

  • La pressione sanguigna migliora rapidamente e il rischio di soffrire un attacco di cuore migliora diminuisce di quasi un terzo in circa 12 mesi. Dopo circa 5 o 10 anni, il rischio di infarto è pari a quello di chi non ha mai fumato.
  • Vi aiuterà a praticare meglio l’attività fisica, con conseguente miglioramento dell’attività dei polmoni e del livello di colesterolo.

Come fare a smettere di fumare?

Se volete smettere di fumare ma non riuscite a farlo, il primo passo è parlarne con il vostro medico, che sarà felice di potervi aiutare. Il vostro medico potrà prescrivervi una terapia di sostituzione della nicotina della sigaretta, come l’utilizzo di alcuni prodotti, quali cerotti, gomme o spray, prescrivervi veri e propri farmaci o indirizzarvi ad un centro di supporto.

Mostra commenti
Sindrome da colon irritabile: i cibi senza glutine potrebbero aiutare
Sindrome da colon irritabile: i cibi senza glutine potrebbero aiutare
5 consigli alimentari per combattere l’artrite
5 consigli alimentari per combattere l’artrite
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Dormire bene: il segreto per una buona memoria
Dormire bene: il segreto per una buona memoria