icon/back Indietro Esplora per argomento

Hiv: un bacio è pericoloso? Quando fare il test e come si manifesta? Facciamo chiarezza

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

HIV: come si trasmette e cura

In collaborazione con LILA – Lega italiana per la lotta contro l’AIDS. 


Intervista al dr. Norberto Ceserani, Medico Specialista in Malattie Infettive ASST Bergamo Ovest, referente scientifico LILA.


Parliamo di HIV e di AIDS, un argomento ancora troppo poco discusso, da quanto emerge secondo le più recenti indagini. Nel 2018, infatti, l’Istituto Superiore di Sanità ha sottolineato come i soggetti colpiti dal virus fossero i giovani di età compresa tra i 25 e i 29 anni, a causa di rapporti sessuali non protetti. La cosa più grave è che si stima che circa 15 mila persone contagiate non sanno di avere il virus, non sottoponendosi al test.

Più del 50% delle diagnosi avviene, dunque, a condizioni avanzate, quando i sintomi iniziano a farsi evidenti.

In occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS, abbiamo intervistato il dr. Norberto Ceserani, infettivologo, con la collaborazione della LILA – Lega italiana per la lotta contro l’AIDS.

Partiamo dall’inizio: come si trasmette l’HIV?

La trasmissione e, dunque, il contagio dell’HIV avviene in 3 modi:

  1. per via sessuale (rapporti penetrativi non protetti dal condom, rapporti orali non protetti  per chi li pratica);
  2. per via parenterale (contatto sangue-sangue);
  3. per via verticale (trasmissione perinatale durante gravidanza/parto).

Sfatiamo un timore: potrebbe bastare un bacio?

No, in nessun caso il bacio può trasmettere il virus!

L’HIV provoca dei sintomi?

In funzione dello stadio dell’infezione, che può passare del tutto inosservata o presentarsi con sintomi iniziali molto aspecifici. 

Possono aversi dei sintomi poco dopo il contatto con il virus (infezione acuta), poi di solito vi è un lungo periodo in cui l’infezione decorre asintomatica, quindi si manifestano sintomi in presenza di una significativa immunodepressione (malattia conclamata).

HIV: si può trattare?

Sì, oggi esistono numerosi farmaci che sono in grado di cronicizzare l’infezione, bloccando la replicazione del virus. È ancora problematica la realizzazione di un vaccino efficace. 

Quali novità ci sono nelle terapie?

Le terapie disponibili, se assunte sempre e correttamente, permettono uno stato di salute soddisfacente e il raggiungimento di uno stato di non-infettività. I campi in via di sviluppo sono quelli di strategie terapeutiche integrate con l’obiettivo di arrivare alla eradicazione completa del virus, ovvero alla guarigione clinica.

Infine, in quali casi è consigliato fare il test?

Quando si è avuta una significativa esposizione al rischio di acquisire il virus, sia per via sessuale che parenterale, ad esempio: rapporti non protetti con partner di cui non si conosce lo stato sierologico, utilizzo promiscuo di strumentario per via parenterale, esposizione professionale, al momento della gravidanza. 

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1779 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
icon/chat