Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Disturbi dell’alimentazione nei bambini: l’importanza della prevenzione

Disturbi dell’alimentazione nei bambini: l’importanza della prevenzione

Ultimo aggiornamento – 13 febbraio, 2017

disturbi dell'alimentazione: anche i bambini possono soffrirne
Indice

disturbi alimentari possono condizionare notevolmente la vita degli individui, sia a livello fisico (ad es. edema alle caviglie, gonfiore addominale, macchie sul viso, battito cardiaco accelerato) sia a livello psicologico (ad es. ansia, sintomi ossessivi, irritabilità, sbalzi d’umore, depressione).

Individuare anticipatamente questa tipologia di disturbo e il relativo trattamento potrebbe essere un’ottima opportunità per la medicina del settore, prevenendo condizioni patologiche che a volte possono divenire estremamente serie, causando anche la morte.

Lo studio di Culbert Evans

La maggior parte degli studi medici di settore si sono limitati a individuare i sintomi da disagio alimentare presenti in una fascia d’età e ad intervenire di conseguenza.

Nel 2015, i ricercatori dell’Università inglese di Newcastle, guidati da Evans Culbert, sono andati oltre, la loro è stata un’indagine longitudinale, che si è focalizzata sulla possibilità di individuare precocemente i fattori di rischio che implicano il futuro manifestarsi di sintomatologia da disturbo alimentare.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Appetite, si è sviluppata su un campione di soggetti tra i 9 e 12 anni, monitorato per un totale di sei anni.

Dall’analisi del campione oggetto di studio è stata rilevata una maggiore concentrazione di fattori di rischio a 9 anni di età rispetto ai pazienti di 12 anni d’età. A questi soggetti contestualmente sono stati somministrati dei questionari di tipo psicologico.

A tal proposito sono state individuate 3 aree critiche che genitori ed educatori dovrebbero monitorare negli adolescenti in quanto evidente presagio di futuri disturbi alimentari:

  • Insoddisfazione del proprio corpo: i pazienti che presentano alti livelli di insoddisfazione corporea, hanno rilevato una maggiore concertazione di sintomi da disturbo alimentare. È un fattore che prescinde dal sesso del paziente.
  • Sintomi depressivi: in età adolescenziale giovane e adulta gli stati depressivi corrispondono a evidenti sintomi di futuri disturbi alimentari. Si rivelano maggiori casi tra adolescenti di sesso femminile.
  • Regime alimentare rigido e limitato: è il presagio di futuri disturbi alimentari, soprattutto nei soggetti di sesso maschile.

Il passo successivo è quello di riproporre allo stesso gruppo di pazienti coinvolti nell’analisi precedente, ormai diventano quindicenne, gli stessi test e gli stessi questionari per comprendere l’evoluzione della sintomatologia in quei soggetti che già a 12 anni presentavano una forte concentrazione di fattori di rischio e capire se se tali fattori sono rimasti inalterati o se ne sono comparsi alti.

Disturbi alimentari nei bambini

Il disturbi alimentari che possono rilevarsi con maggiore frequenza nei soggetti della fascia d’età presa in considerazione nella ricerca (dal 9 al 12 anni) sono i seguenti:

  • Anoressia, evitare di prendere peso rifiutando il cibo o espellendolo con vomito auto-indotto. È un disagio che nasce soprattutto dal confronto con i coetanei in età adolescenziale adulta: non sentirsi adeguatamente in forma come peso e fisicità può indurre ad uno stato d’animo depressivo e a un rifiuto del cibo. È molto frequente nei soggetti di sesso femminile.
  • Bulimia, il paziente tende a mangiare in maniera incontrollata, ad abbuffarsi di cibo, ma nel contempo vuole limitare l’assunzione di peso. Come nell’anoressia, l’adolescente adotta il vomito autoindotto.
  • Depressione o ansia, il bambino manifesta un disturbo dell’umore che condiziona il suo rapporto con il cibo.
  • Alimentazione selettiva, il paziente mangia esclusivamente determinati cibi, spesso poco salutari.

Educare a un’alimentazione sana ed equilibrata, confrontarsi con l’adolescente, indurre alla pratica di attività sportiva, creare le condizioni sociali e familiari idonee, sono alcune delle aree di intervento da parte di genitori ed educatori per contenere problemi legati a disturbi alimentari, che se non gestiti prontamente possono condizionare notevolmente la vita dell’adolescente.

In caso di evidente manifestazione di sintomatologia da disturbo alimentare, è sempre bene contattare un medico specialista.

Mostra commenti
Dermatite da fungo della quercia: cosa è e come si cura
Dermatite da fungo della quercia: cosa è e come si cura
Un nuovo contraccettivo per gli uomini?
Un nuovo contraccettivo per gli uomini?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La dieta per prevenire l’osteoporosi
La dieta per prevenire l’osteoporosi
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi