Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Meningite Roma

Minaccia meningite a Roma

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 10 Dicembre, 2014

Minaccia meningite a Roma

Dopo la tragica notizia della morte del piccolo paziente di 4 anni al Policlinico Gemelli di Roma per meningite, si torna oggi a parlare del virus e della minaccia che esso rappresenta.

Il caso

Il paziente è stato colpito dal meningococco che ha provocato una fulminante e letale sepsi meningococcica. Grazie a un’immediata indagine clinica del Dipartimento di Malattie Infettive Parassitarie e Immunomediate dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), i medici sono riusciti a identificare il ceppo batterico. Le analisi effettuate hanno mostrato il DNA del meningococco di sierogruppo Y, che è il terzo più diffuso tra i ceppi circolanti in Europa.

La gravità del caso ha suscitato subito allarme e paura tra i genitori dei bambini venuti a contatto con il piccolo paziente. Circa 60 alunni della scuola del Serafico, vicino all’Eur, sono ora sottoposti a un trattamento preventivo, attraverso la somministrazione di antibiotici. È da poco, inoltre, stata diffusa la notizia di un secondo caso in un istituto superiore del Collatino, a Roma. Non si è ancora certi che ci sia un collegamento tra le due vicende, quel che è certo è che entrambe suscitano molta preoccupazione. Le autorità rassicurano comunque che non si è in presenza di alcun tipo di focolaio.

Ma quali sono i sintomi che devono indurre in allarme?

Importante è che i genitori siano attenti a sintomi che potrebbero far pensare alla meningite, come:

  • dolori alle gambe
  • mani e piedi freddi
  • pallore
  • febbre
  • irritabilità,
  • mal di testa
  • fotofobia
  • torcicollo
  • eruzioni cutanee
  • convulsioni
  • vomito
  • diarrea

I primi sintomi iniziano a comparire dalle 10 alle 20 ore dopo il contagio e possono variare da soggetto a soggetto, anche a seconda dell’età. I neonati colpiti da meningite potrebbero manifestare solo irritabilità, letargia, o febbre. E ancora:

  • itterizia
  • rigidità del corpo e del collo
  • febbre
  • mancanza di appetito

È bene, inoltre, ricordare che la malattia si trasmette condividendo alimenti, bicchieri, stoviglie con una persona infetta. Le persone che vengono a contatto con pazienti infettati sono da ritenere a rischio.

La meningite: come curarla?

Sarà il personale sanitario, a seconda dei casi, a valutare la terapia più idonea per la cura della meningite. Il trattamento, solitamente, si basa sulla somministrazione di antibiotici, scelti a seconda del genere di agente infettivo.

Staremo a vedere l’evolversi della situazione a Roma.

Mostra commenti
Ebola: una app per monitorare gli espatriati dall’Africa dell’est
Ebola: una app per monitorare gli espatriati dall’Africa dell’est
Un nuovo metodo per diagnosticare l’autismo
Un nuovo metodo per diagnosticare l’autismo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Parodontite: un campanello di allarme per l’artrite reumatoide
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Hanno inventato un collirio per vedere al buio
Rosacea in estate: come comportarsi?
Rosacea in estate: come comportarsi?