icon/back Indietro Esplora per argomento

Occhiali da vista per i bambini: come scegliere i migliori!

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

occhiali per bambini: come sceglierli al meglio!

Non solo gli adulti, ma anche i bambini spesso hanno bisogno degli occhiali. Alcuni ne hanno addirittura bisogno già nel primo anno di età; in questo caso, servono in un certo senso da dispositivi di “allenamento”. Ma a cosa si dovrebbe prestare attenzione nell’acquisto degli occhiali?

Innanzitutto, gli occhiali devono calzare bene, ma allo stesso tempo non essere troppo stretti

Prima di acquistarli, l’oculista stabilisce il tipo di difetto della vista. Si può distinguere tra i seguenti:

  • Miopia: i bambini hanno problemi a riconoscere gli oggetti che si trovano lontano.
  • Presbiopia: gli oggetti vicino agli occhi appaiono sfocati. Questo tipo di difetto visivo rende difficoltosa in particolare la lettura.
  • Astigmatismo: questo difetto visivo comprende sia una miopia che una presbiopia.

A seconda del tipo di difetto, un ottico, come ad esempio Fielmann, dopo la diagnosi fabbricherà un paio di occhiali appositi. I costi per gli occhiali sono coperti dal Servizio Sanitario Nazionale in Germania, fino al compimento dei 18 anni.

Visto che i bambini molto piccoli passano la maggior parte del tempo sdraiati, è particolarmente importante nel loro caso che gli occhiali calzino proprio a pennello, altrimenti potrebbero scivolare giù dal naso. Non devono però neanche essere troppo stretti, causando dolore al bambino. I bambini più grandi possono portare già gli occhiali di tipo comune, anche se bisogna fare attenzione che siano adattati perfettamente alla loro testa.

La montatura degli occhiali deve essere stabile

difetti visivi nei bambini: i consigli per una vista sana

Giocando, saltando e scatenandosi è facile che gli occhiali scivolino via. È per questo che i genitori devono assicurarsi che la montatura sia stabile. È consigliabile, ad esempio, il titanio elastico, che è sia stabile che flessibile. Dopo che ha subito una deformazione, torna subito nella sua forma iniziale.

Inoltre questo materiale è molto leggero e di conseguenza è comodo da portare sul naso. Per le lenti un materiale adatto è un materiale plastico resistente agli urti. Le estremità delle stanghette e il supporto sul naso dovrebbero, inoltre, essere provviste di cuscinetti in plastica, in modo da far calzare gli occhiali perfettamente e comodamente.

Gli occhiali devono piacere al bambino

Oltre al materiale, naturalmente anche l’aspetto estetico è importante. Se al bambino non piacciono gli occhiali, potrebbe rifiutarsi di indossarli, perciò è importante che il piccolo partecipi alla scelta della montatura. Ormai ci sono moltissimi tipi di occhiali moderni che diventano dei veri e propri accessori alla moda.

La vista deve essere controllata con regolarità

Il bambino dovrebbe essere sottoposto regolarmente a controlli della vista; gli esperti consigliano a intervalli di massimo 18 mesi. Durante questi controlli, il medico può verificare se per i successivi occhiali sarà necessaria una diversa gradazione. In questo caso, si può tenere la montatura precedente e cambiare solo le lenti.

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1774 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
icon/chat