Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Perdita di equilibrio: perché è importante scoprire la causa

Perdita di equilibrio: perché è importante scoprire la causa

Ultimo aggiornamento – 05 giugno, 2020

Tutte le cause della perdita di equilibrio
Indice

Chi sperimenta – o ha sperimentato! – problemi di perdita di equilibrio può segnalare diversi sintomi: c’è chi avverte giramenti di testa, chi perdita di stabilità e chi si sente addirittura confuso, quasi stordito.

Molte parti del nostro corpo (compresi muscoli, ossa, articolazioni, l’organo a carico dell’ equilibro nell’orecchio interno, i nervi, il cuore e i vasi sanguigni) sono riconducibili a disturbi di equilibrio. Detto ciò, la causa più frequente associata alla perdita di equilibrio riguarda un disturbo dell’apparato vestibolare dell’orecchio.

Risulta quindi di vitale importanza scoprire la causa della perdita di equilibrio, per trovare il trattamento più adatto possibile.

Perdita di equilibrio? Attenzione anche ad altri sintomi

Tra i più comuni sintomi associati alla perdita di equilibrio ci sono:

  • Senso di movimento dello spazio circondante (vertigine)
  • Sensazione di svenimento o di confusione (presincope)
  • Perdita di equilibrio o della stabilità
  • Sensazione di galleggiamento o di stordimento
  • Alterazioni nella visione, come sfuocata
  • Confusione

I problemi collegati alla perdita di equilibrio potrebbero essere causati da diversi disturbi. È bene sottolineare che la causa è spesso associata a sintomi specifici. In particolare, se il paziente manifesta uno strano senso di vertigine, la causa della perdita di equilibrio potrebbe essere:

  • Vertigine Parossistica Posizionale Benigna (VPPB) – Si tratta di disturbo che si verifica quando i cristalli di calcio presenti nell’orecchio interno – che aiutano a controllare l’equilibrio – si spostano altrove rispetto alle loro posizioni normali. È proprio questa la causa più frequente di perdita di equilibrio negli adulti.
  • Malattia di Mèniere – Oltre a causare vertigini repentine e severe, può causare anche perdita dell’udito, ronzio o una sorta di sensazione di pienezza dentro l’orecchio. La vera causa di questa patologia è ancora sconosciuta, la malattia risulta rara e normalmente coinvolge persone in età compresa tra i 20 e i 40 anni.
  • Emicrania vestibolare – Ovvero giramenti di testa, risultanti sintomatici dell’emicrania, considerata una causa frequente di vertigine.
  • Neurinoma acustico – È un tumore benigno, che cresce lentamente su un nervo coinvolto nella regolazione dell’udito e dell’equilibrio.
  • Labirintite – Anche conosciuta come neurite vestibolare, è un disturbo infiammatorio, probabilmente causato da un virus, che può avere effetto sui nervi che riguardano l’equilibrio dell’orecchio interno. Si manifesta attraverso sintomi severi e persistenti, che comprendono nausea e difficoltà deambulatorie.
  • Sindrome di Ramsay Hunt – È un disturbo che si manifesta quando un’infezione da herpes zoster impatta sui nervi facciali, coinvolgendo anche l’udito e i nervi vestibolari vicini all’orecchio. La persona affetta può presentare sintomi come vertigini, dolore all’orecchio e perdita dell’udito.
  • Mal d’auto, mal di mare – Le persone potrebbero avvertire vertigini viaggiando su barche, auto, aerei e persino salendo su una giostra. Questo disturbo è comune nelle persone che soffrono di emicrania.

Le cause della perdita di equilibrio come conseguenza della sensazione di svenimento o stordimento potrebbero essere:

  • Ipotensione ortostatica – Si manifesta quando un semplice movimento, come alzarsi o sedersi troppo rapidamente, causa un calo significativo della pressione sanguigna, sfociando in una presincope.
  • Patologie cardiovascolari – Tra queste, non dobbiamo dimenticare ritmi cardiaci anomali, vasi sanguigni bloccati o ristretti, cardiomiopatia dilatativa o un aumento nel volume di sangue, che potrebbe ridurre il flusso sanguigno e causare una presincope.

Se invece i sintomi riguardano direttamente (e solo) la perdita dell’equilibrio o instabilità, le cause potrebbero trovarsi tra queste:

  • Problemi vestibolari – Anomalie nell’orecchio interno possono provocare una sorta di percezione di testa pesante o galleggiante, associata a una instabilità negli ambienti bui.
  • Neuropatia periferica – In questo caso, le lesioni possono impattare sulla mobilità, causando sensazioni di perdita di equilibrio.
  • Problemi alle articolazioni e ai muscoli o problemi di vista – La debolezza dei muscoli o delle articolazioni contribuiscono alla perdita di equilibrio. I problemi di vista, invece, impattano anche sulla instabilità generale.
  • Farmaci – La perdita di equilibrio potrebbe essere un effetto indesiderato dell’assunzione di certi medicinali.

Infine, la perdita di equilibrio come risultato di una sensazione di stordimento può essere causata da:

  • Problemi all’orecchio interno – Cioè anomalie nel funzionamento del sistema vestibolare, che potrebbe causare quella strana sensazione di galleggiamento.
  • Disturbi psichiatrici – Depressione (la più comune delle patologie psichiatriche), ansia ed altri disturbi possono causare tramortimento.
  • Respirazione rapida anomala (iperventilazione) – Questa patologia è spesso associata ai disturbi d’ansia.

È dunque importantissimo che il vostro medico sorvegli questi sintomi e comprenda la causa di questo fastidioso malessere. Una volta completata la diagnosi, lo specialista vi consiglierà di trattare tale campanello di allarme con esercizi per riqualificare l’equilibrio, con l’aiuto e la guida di un terapista esperto.

Dunque, come avrete notato, i problemi di equilibrio sono vari, si manifestano in diverse forme, e soprattutto, non è affatto facile scoprirne la causa. È chiaro, però, che i sintomi potrebbero aiutarci a rivelare le possibili cause della perdita di equilibrio: risulta allora fondamentale un’analisi dei segnali per capire la causa di questo disturbo diffuso e prescrivere il trattamento più adatto.

Mostra commenti
Minzione frequente di notte: hai già escluso questa causa?
Minzione frequente di notte: hai già escluso questa causa?
Emangioma: gli esami da fare per la diagnosi del tumore vascolare
Emangioma: gli esami da fare per la diagnosi del tumore vascolare
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Malattia di Crohn: vi è un nuovo farmaco che blocca i sintomi
Malattia di Crohn: vi è un nuovo farmaco che blocca i sintomi
Apnea dei bambini: quando è il caso di controllare le adenoidi o le tonsille
Apnea dei bambini: quando è il caso di controllare le adenoidi o le tonsille
Le attività di ricerca nella lotta contro il diabete
Le attività di ricerca nella lotta contro il diabete
Google Fit: la nuova sfida di Google nel mondo della salute
Google Fit: la nuova sfida di Google nel mondo della salute