Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Pitiriasi rosea: una strana malattia della pelle

Pitiriasi rosea: una strana malattia della pelle

Ultimo aggiornamento – 08 febbraio, 2017

pitiriasi rosea: le cause della dermatite
Indice

La Pitiriasi rosea di Gibert è una dermatite, ossia una malattia della pelle che si manifesta nei giovani e piuttosto raramente nei neonati e negli anziani. Sembra prediligere il sesso femminile.

Quali sono le caratteristiche della pitiriasi rosea?

Si manifesta con un rash cutaneo di colore rosso, squamoso, che coinvolge tutto il corpo. Le eruzioni possono essere pruriginose. Questa dermatite di solito scompare senza alcun trattamento nel giro di tre mesi.

La sua evoluzione segue degli stadi. L’eruzione cutanea inizia come un unica grande papula chiamata “araldo patch” che, in seguito, si estende in altre parti del corpo, quali:

  • Torace
  • Schiena
  • Braccia
  • gambe

Quali sono le cause della pitiriasi?

Le cause della pitiriasi rosea di Gibert sono sconosciute. Alcuni studi hanno suggerito che la causa potrebbe essere di origine virale. In alcuni casi, la pitiriasi rosea potrebbe essere indotta da farmaci e questi includono:

  • Barbiturici (sedativi)
  • Bismuto
  • Metronidazolo
  • D-penicillamina
  • Isotretinoina

La Pitiriasi rosea non è una malattia contagiosa.

Chi è più esposto ad essere colpito dalla pitiriasi rosea?

Le fasce di età comuni più colpite dalla Pitiriasi rosea sono i bambini oltre i 10 anni e i giovani adulti. Le donne sono generalmente più colpite rispetto agli uomini, probabilmente a causa di fattori ormonali.

La diagnosi di Pitiriasi rosea

La diagnosi della Pitiriasi rosea viene posta sia sulla base delle caratteristiche del rash cutaneo, sia sulla base di alcuni esami di laboratorio che escludono altre condizioni. Può essere necessaria anche una biopsia della pelle.

Come viene trattata la pitiriasi rosea?

Nella maggior parte dei casi, non serve alcun trattamento in quanto scompare da sola entro circa tre mesi.

Il trattamento, solitamente è a base di creme emollienti e idratanti per calmare l’eventuale comparsa di prurito. Se si verifica un contemporaneo stato infiammatorio della cute, potrebbero essere necessarie delle creme al cortisone. Alcuni consigli utili sono:

  • Mantenere l’area pruriginosa fresca e umida
  • Evitare bagni con acqua molto calda
  • Antistaminici per alleviare il prurito
  • Utilizzare degli antibiotici nel caso in cui fosse presente un’infezione batterica secondaria
  • Fototerapia ultravioletta B

 

 

Mostra commenti
Coronavirus e banconote: ci sono rischi reali?
Coronavirus e banconote: ci sono rischi reali?
Perché scegliere di bere il caffè e il tè
Perché scegliere di bere il caffè e il tè
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La dieta per prevenire l’osteoporosi
La dieta per prevenire l’osteoporosi
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi