Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Primo trapianto mandibolare in Italia

Primo trapianto mandibolare in Italia

Ultimo aggiornamento – 23 febbraio, 2016

Indice

Da cosa era affetto il paziente?

Per la prima volta in Italia, nello specifico la delicata operazione si è tenuta a Padova, è stata applicata una protesi in titanio di mandibola a un paziente affetto da osteonecrosi. Tale malattia, detta anche necrosi avascolare, è un infarto del midollo e del tessuto osseo e causa:

  • dolori articolari
  • gonfiore articolare
  • tenerezza articolare
  • movimento limitato

Il trapianto della mandibola era fortemente necessario, a causa delle ricorrenti infezioni che compromettevano le principali funzioni vitali del paziente.

Come si è svolta l’operazione?

Il trapianto è durato 4 ore, si è concluso con successo ed è stato seguito da un’equipe medica formata da:

  • medici ricercatori, Giorgia Saia e Giordana Bettini, coordinati da Alberto Bedogni;
  • medici ingegneri, appartenenti alla divisione di Chirurgia maxillo-facciale dell’Azienda ospedaliera, diretti da Giuseppe Ferronato.

Al paziente è stata installata una mandibola artificiale in titanio, del peso di 26 grammi, dotata anche di tutti i fori necessari per l’inserimento di muscoli e nervi.

Come è stata costruita la protesi?

La protesi è stata costruita in modo personalizzato, in base alle necessità del paziente. In particolare, sono state sostituite la porzione compromessa dalla malattia, come condilo e mento, che sono parti indispensabili per le funzioni primarie di:

  • articolazione della parola
  • masticazione
  • deglutizione
  • aspetto esteriore

I realizzatori sono un gruppo di ricercatori di Padova, insieme anche a ingegneri e bio-ingegneri. Anche in questo caso, il computer ha svolto una funzione più che importante, elaborando l’immagine dello scheletro facciale del paziente, per mezzo della tomografia computerizzata. In tal modo, è stato possibile realizzare un modello 3D della mandibola.

Seguendo la tecnica del mirroring (cioè dello “specchiato”), è stato creato il lato mancante della mandibola sulla base di quello sano. Infine, un raggio laser ha ricostruito in titanio la mandibola nuova.

Quali sono gli aspetti positivi?

Grazie a questa nuova tecnica, rende noto l’Azienda ospedaliera di Padova, si possono ridurre i rischi di rigetto e di complicazioni. Inoltre, con un solo intervento, si rende possibile il recupero della forma del volto e della respirazione autonoma post-operatoria, così come la possibilità del paziente di alimentarsi senza accesso tracheostomico. Questo trapianto favorisce in generale un totale recupero della salute e dell’aspetto fisico del paziente.

Esistono altri benefici?

Secondo il dottor Giuseppe Ferronato, le protesi hanno un’ottima resistenza al trattamento chemio-radioterapico e possono essere impiegate nella cura dei tumori maligni al cavo orale, soprattutto per i pazienti critici che non potrebbero sopportare interventi lunghi e complessi di ricostruzione.

Mostra commenti
Dormire in una posizione errata potrebbe aumentare il rischio di Alzheimer
Dormire in una posizione errata potrebbe aumentare il rischio di Alzheimer
Qual è il momento migliore per fare attività fisica?
Qual è il momento migliore per fare attività fisica?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Ectrodattilia: le mani a chela di granchio
Ectrodattilia: le mani a chela di granchio
Come combattere il dolore cronico o acuto
Come combattere il dolore cronico o acuto
Vaccini: dosi rinforzate per la prossima stagione influenzale
Vaccini: dosi rinforzate per la prossima stagione influenzale
Cosa fare o non fare se un cane mostra aggressività
Cosa fare o non fare se un cane mostra aggressività