Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. I rimedi contro la fame nervosa

I rimedi contro la fame nervosa

Ultimo aggiornamento – 04 luglio, 2017

I rimedi contro la fame nervosa
Indice

Capita a tutti, in certi periodi, di essere colpiti da un’irrefrenabile sensazione di fame, di addentare tutto ciò che capita a portata di mano e spesso senza un effettivo bisogno di cibarsi. Nonostante ciò, capita anche di non sentirsi completamente sazi persino dopo un’abbuffata poco salutare. È il tipico caso di fame nervosa!

Fame nervosa, come combatterla: ecco 7 semplici rimedi

Non scoraggiatevi se gli attacchi di fame nervosa sono più frequenti del solito. Esistono, infatti, alcune buone abitudini per contrastare questa senso continuo di appetito.

  1. Fare spuntini: gli spuntini di metà mattinata e pomeriggio aiutano a regolarizzare l’assunzione di cibo e ad arrivare ai pasti principali non particolarmente affamati. Parliamo di spuntino salutare: frutta secca, yogurt cereali, prosciutto. Aboliti snack e dolci!
  2. Mantenere un diario del cibo: è importante annotare su un quaderno tutto ciò che si mangia durante la giornata, indicando orario e stato d’animo corrispondente. In questo modo è possibile capire la causa di questa fame compulsiva e imparare ad autoregolarsi.
  3. Scegliere cibi sazianti: a tavola è bene prediligere frutta, verdure, pesce, carne bianca, latte e derivati.
  4. Mangiare semi di zucca e di girasole: sono particolarmente sazianti, da consumare quotidianamente in piccole quantità.
  5. Cucinare speziato: pepe, cannella, paprika e zenzero, oltre a conferire più gusto al piatto, prolungano l’effetto di sazietà.
  6. Evitare cibi non salutari: insaccati, snack dolci, bibite zuccherate, alimenti sottolio, alcolici, salse.
  7. Assumere integratori anti-fame: il magnesio, la rodiola e l’alga spirulina, il caffè verde e la Garcinia Cambogia, aiutano a produrre l’energia necessaria e a ridurre la sensazione di fame.

Fame nervosa: quali sono le cause?

Fame compulsiva… a tutto c’è un perché! Vediamo insieme quali sono le cause della fame nervosa:

  • Disidratazione: la poca assunzione di liquidi spesso si manifesta in sensazione di fame. Quando si avverte un’irrefrenabile voglia di cibo è bene, prima di abbuffarsi, bere dell’acqua. È buona abitudine bere un bicchiere d’acqua appena svegli al mattino e consumarne regolarmente durante tutto il corso della giornata.
  • Dormire male: dormire poco e male attiva due ormoni: aumenta il livello di grelina, ormone che stimola l’appetito e riduce quello di leptina, che regola il senso di sazietà. Dormire bene e per un numero adeguato di ore è un tassello importante contro quella fame compulsiva e ingiustificata.
  • Eccessivo consumo di carboidrati amidacei: l’assunzione di carboidrati genera un ciclo vizioso nel nostro organismo e, man mano che li assumiamo, il corpo ne richiede sempre di più. È ciò che avviene quando mangiamo cracker, merendine, pasticcini. È bene mantenere regolari i livelli di zucchero nel sangue per evitare sensazioni di fame intensa ingiustificate: ciò è possibile limitando l’assunzione di carboidrati e preferendo fibre.
  • Condizione di stress: lo stress produce l’aumento di adrenalina e cortisolo che inducono l’organismo a chiedere energia e quindi a cibarsi. Partecipare a sezioni di yoga, viaggiare e praticare sport sono alcuni rimedi efficaci per ridurre il livello di stress e quindi… di fame!
  • Eccesso di alcool: l’alcool stimola l’appetito anche a stomaco pieno. Esso genera disidratazione e quindi conseguente bisogno di mangiare. È bene alternare al consumo di alcool qualche bicchiere d’acqua per mantenersi idratati.
  • Assunzione di poche proteine: le proteine generano una sensazione di pienezza. Un consumo regolare di yogurt greco, uova e carne magra aiuta a ridurre la sensazione di fame.
  • Scarsa assunzione di grassi insaturi: sono grassi che stimolano i recettori del cervello dando all’organismo una sensazione di sazietà. Noci, semi, avocado e olio sono ricchi di grassi insaturi.
  • Pasti irregolari: se lo stomaco è vuoto per troppo tempo produce alti livelli di grelina aumentando la sensazione di fame. Non fate passare più di 4-5 ore da un pasto all’altro e alternateli spuntini. Anche fare colazione è una buona abitudine per limitare attacchi di fame compulsiva.
  • Evitare immagini di cibo: uno studio pubblicato sulla rivista Obesity nel 2012 ha dimostrato l’effettiva connessione tra ciò che vediamo e ciò che desideriamo: vedere immagini di cibo stimola lo stomaco e il desiderio di mangiare.
  • Mangiare velocemente: addentare e gustare i bocconi lentamente aiuta a sentirsi sazi.
  • Assumere medicinali: antinfiammatori e antidepressivi possono sollecitare la sensazione di fame. In questi casi potrebbe essere necessaria l’assunzione di integratori.

La fame compulsiva non è un fenomeno da trascurare, qualora si presenta ripetutamente può generare problemi a livello psichico e fisico, tra cui bulimia, sovrappeso, obesità. Al ripetersi degli eventi è bene consultare un medico per ottemperare a eventuali future problematiche legate a disturbi alimentari.

Mostra commenti
Melanoma: quando un neo è maligno
Melanoma: quando un neo è maligno
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione