Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come orientarsi nella scelta delle strutture per anziani

Come orientarsi nella scelta delle strutture per anziani

Ultimo aggiornamento – 27 aprile, 2018

Come scegliere le strutture per anziani
Indice

Orientarsi nella scelta di una struttura di ricovero per anziani non è affatto semplice. A partire dai nomi. Le Linee guida del ministero della Sanità (Indirizzi sugli aspetti organizzativi e gestionali delle Residenze Sanitarie Assistenziali), hanno introdotto la differenziazione tra Residenza Sanitaria Assistenziale (Rsa) e Residenza Assistenziale (Ra).

Una Residenza Sanitaria Assistenziale (Rsa) è rivolta ad anziani e altri soggetti non autosufficienti, dunque non assistibili a domicilio.

Le Residenze assistenziali (Ra) invece, offrono forme di ospitalità collettiva (case di riposo, case albergo, comunità alloggio), sono destinate ad anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti e dovrebbero prevedere assistenza alberghiera completa e attività ricreative e culturali. Non fanno parte delle strutture del Servizio sanitario nazionale, che non copre i costi dell’ospitalità ma solo le prestazioni sanitarie erogate attraverso i distretti Asl.

Cerchiamo di capirne di più.

Ra Versus RSA

Le Residenze assistenziali e le Residenza Sanitaria Assistenziale sono le principali strutture che nel nostro Paese si occupano delle persone anziane. Attenzione, però, a non confonderle: sono diverse. Le Residenza assistenziali si rivolgono generalmente ad anziani almeno parzialmente autosufficienti.

Al contrario, le RSA si occupano principalmente di persone più anziane e non completamente autosufficienti. Un adeguato livello di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa è garantita dal personale specializzato. Altre opzioni comprendono i ricoveri in lungodegenze e in strutture di riabilitazione.

Come accedere a una struttura per anziani

Una volta individuata la struttura per anziani adeguata, l’ingresso può avvenire in modi differenti a seconda della natura della struttura stessa. Cerchiamo di capire come sono state classificate dal Ministero della Salute:

  1. Residenze assistenziali (Ra)
    L’ingresso in una residenza assistenziale richiede diversi passaggi. Inizialmente bisognerà rivolgersi alla Ra per fissare un colloquio di tipo informativo: in questo modo verrai a conoscenza dei servizi e delle attività offerte. Successivamente è necessario compilare la domanda di ingresso, che può essere accolta immediatamente o potresti essere chiamato non appena si liberi un posto letto. Un secondo colloquio sarà infine necessario al fine di visitare la struttura e definire i tempi e la documentazione necessaria per l’ingresso.
  2. Residenza Sanitaria Assistenziale (Rsa)
    Puoi entrare in contatto con le strutture rivolgendoti direttamente alla RSA di interesse. Talvolta è possibile che l’Ospedale indirizzi ad una RSA un paziente dimesso. Questo avviene qualora fosse impossibilitato a sostenere il rientro a casa, ad esempio in caso di cure necessarie complesse. Il CAD (Centro Assistenza Domiciliare della ASL), sollecitato dai parenti o dal medico di famiglia, manda in ospedale una commissione designata, la UVG (Unità Valutativa Geriatria) o UVD (Unità Valutativa Distrettuale). Il fine è quello di esaminare le condizioni fisiche e decidere se approvare il ricovero. Nel caso in cui il paziente non sia ricoverato, i parenti o il medico di base possono richiedere una visita domiciliare da parte del CAD. Se l’esito è positivo, solitamente si viene aggiunti nelle liste d’attesa della struttura e il tempo per entrare può prolungarsi di molto. L’interessato resta nella Graduatoria Unica con questa valutazione fino a dodici mesi consecutivi. Trascorso questo arco di tempo risulta necessario eseguire nuovamente la valutazione; il soggetto sarà quindi ricollocato dall’U.V.M.D. e gli sarà notificata la validità della valutazione. Il tempo di permanenza è temporaneo e viene stabilito sulla base delle esigenze dei singoli individui. Per prorogare il periodo è necessario presentare una nuova richiesta al CAD, il quale incaricherà la propria commissione di svolgere una nuova valutazione che evidenzi la necessità di prolungare la permanenza.

Quali sono i costi

Purtroppo, non sempre i costi sono molto chiari. Spesso, per avere informazioni è necessario contattare direttamente l’Ufficio Rette della Resistenza assistenziale.

Le rette delle RSA sono invece mensili e si basano sulle prestazioni non sanitarie in rapporto alle proprie condizioni reddituali. L’ISEE del paziente è l’indicatore che permette di calcolare questa tariffa. Nel calcolare questo parametro è escluso il reddito dei parenti.

Come abbiamo visto, le strutture per anziane sono differenti: è proprio questa diversificazione a permettere di scegliere al meglio una struttura, considerando le esigenze dell’individuo. In ogni caso, per prendere questa delicata decisione, non esitate a chiedere il parere del medico curante o di altri esperti.

Mostra commenti
I conservanti alimentari sono nocivi? La parola all’esperto
I conservanti alimentari sono nocivi? La parola all’esperto
La dieta da seguire in caso di pancreatite
La dieta da seguire in caso di pancreatite
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Anca a scatto? Ecco cosa fare
Anca a scatto? Ecco cosa fare
Le proprietà curative del miele di Manuka
Le proprietà curative del miele di Manuka
Cadmio: anche l’esposizione a bassi livelli può indebolire le ossa
Cadmio: anche l’esposizione a bassi livelli può indebolire le ossa
Presentazione di reclami o disservizi nel Servizio Sanitario Nazionale
Presentazione di reclami o disservizi nel Servizio Sanitario Nazionale