Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Tosse di notte e respiro sibilante: i sintomi della pertosse

Tosse di notte e respiro sibilante: i sintomi della pertosse

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Pertosse: i Sintomi
Indice

A cura di 


Parliamo di pertosse e, ahimè, lo facciamo con la consapevolezza che non sempre è semplice riconoscere subito i segnali della malattia. A causare il disturbo è un bacillo gram-negativo, noto con il nome di Bordetella pertussis. Lo si trasmette da uomo a uomo, quindi attenzione ai colpi di tosse e alle secrezioni respiratorie, sebbene il bacillo sopravviva solo poche ore nell’aria.

Dopo quanto tempo dal contagio si manifestano i sintomi della pertosse?

Una volta contagiata, la malattia si manifesta anche dopo 2 o 3 settimane; il periodo medio di incubazione può durare dai 7 ai 10 giorni.

Quali sono i sintomi? Tosse, il cosiddetto “urlo respiratorio” e il vomito post-tosse si manifestano nei pazienti più piccoli, non vaccinati. Si tratta di una malattia che può avere complicazioni pericolose soprattutto per i neonati, privi della prima dose di vaccino, che possono sviluppare polmoniti, bronchiti e insufficienze respiratorie.

👉 Le 3 fasi della malattia

La pertosse si articola in 3 fasi:

  1. Fase catarrale: si manifestano i tipici segni di una infezione virale delle vie respiratorie superiori, una sorta di “raffreddore” con tosse secca e febbre.
  2. Fase parossistica o convulsiva: la tosse diventa sempre più frequente e si riscontra l'”urlo respiratorio“, soprattutto durante la notte. Non mancano, poi, vomito, cianosi ed epistassi. Senza alcun trattamento, questa fase può durare sino a 2 mesi (…).
  3. Fase di convalescenza: la tosse si attenua e, seppur lentamente, in un paio di settimane si tende a migliorare.

Cosa fare, quindi, quando c’è una diagnosi di pertosse?

Certamente, un intervento repentino è molto importante. Ma scopriamo di più, leggendo l’approfondimento pubblicato sul portale della SIP – Società Italiana di Pediatria, firmato dalla Dr.ssa Maria Rosaria MarchiliResponsabile U.O.S. Pediatria ad alta complessità assistenziale, U.O.C. Pediatria Generale e Malattie Infettive, Dipartimento Pediatrico Universitario-Ospedaliero 👇

CONTINUA A LEGGERE SUL PORTALE SIP

Mostra commenti
Il tonno in scatola fa male?
Il tonno in scatola fa male?
Aterosclerosi: quando si rischia la vasculopatia cerebrale
Aterosclerosi: quando si rischia la vasculopatia cerebrale
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quali esami sono più utili per la diagnosi del glaucoma. Il follow-up efficace
Quali esami sono più utili per la diagnosi del glaucoma. Il follow-up efficace
Seno gonfio e dolorante: quando prestare attenzione
Seno gonfio e dolorante: quando prestare attenzione
Piorrea: i rimedi per evitare la caduta dei denti
Piorrea: i rimedi per evitare la caduta dei denti
Quelle antiestetiche smagliature
Quelle antiestetiche smagliature