Vaccino antinfluenzale? Ecco 5 ottime ragioni per farlo (subito!)

Redazione

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

AVIS Vaccini
Indice del contenuto
In collaborazione con

A cura del dr. Antonio Silvestri, Medico Olistico, specialista in Malattie Infettive. 


Vi siete già vaccinati contro l’influenza? Non aspettate oltre! E se quest’anno siete più titubanti del solito, ci pensiamo noi, dandovi 5 ottime ragioni per farlo (subito!).

Già, non prender tempo è importante, soprattutto perché l’azione preventiva del vaccino è davvero efficace, se lo si fa da novembre sino a dicembre, prima che i contagi del virus risultino al massimo.

Ricordiamo che basta recarsi dal proprio medico di base o in farmacia.

Ed è per questo che, assieme ad AVIS Nazionale, vi diamo i motivi giusti per non attendere oltre!

  1. Vaccinarsi non protegge solo se stessi, ma anche gli altri da… polmoniti, otiti, sinusiti e, dunque, facendolo si scongiura l’insorgere di complicazioni – anche gravi – nelle persone con un sistema immunitario più debole.
  2. Perché conviene… proprio vero, seppur non si bada sempre a questo fattore, bisogna ricordare che ammalarsi costa!

Ma ci sono altri validissimi motivi per vaccinarsi, solo abbiamo deciso di non svelarveli tutti qui, ma – con un semplice click – di spostare la lettura all’interno del portale di AVIS Nazionale… Siete pronti? ?

CONTINUA A LEGGERE SUL PORTALE AVIS NAZIONALE

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1783 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
icon/chat