icon/back Indietro Esplora per argomento

Come allontanare i gatti dal giardino (senza far loro male)

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 06 Dicembre, 2022

Scopriamo come allontanare gatti dal giardino di casa

I gatti (sia quelli di proprietà che randagi) possono trovare spesso rifugio nei nostri giardini, andando, nella peggiore delle ipotesi, a rovinare le piante e – a volte – i frutti del duro lavoro nell’orto o del giardinaggio.

Possono anche graffiare i tronchi degli alberi e lasciare dei bisogni alquanto sgraditi. Ma soprattutto, nel caso in cui a nostra volta abbiamo un gatto, i gatti randagi potrebbero portare malattie infettive, per cui è opportuno evitare che il nostro giardino possa avere visitatori indesiderati.

Esistono, però, dei metodi per allontanare i gatti randagi dal giardino, sia per preservarne l’integrità, sia per difenderli da piante potenzialmente tossiche o velenose, naturalmente senza danneggiare la salute dei randagi.

Vediamo, quindi, quali rimedi esistono per allontanare e per tenere lontano i gatti dal giardino.

Perché allontanare i gatti dal giardino

I gatti sono animali simpaticissimi e giocherelloni, vivono bene in casa in compagnia dei loro padroni e, volendo possono anche essere educati a rispettare le regole.

Invece, quelli nati in libertà tendono ad avere delle abitudini particolari e a colonizzare i giardini, spesso rovinandoli.

Scacciare i gatti (sia di proprietà che randagi) può avere una duplice valenza:

  • è indispensabile per la loro sicurezza: il problema delle colonie di gatti in giardino può rappresentare un problema se in casa, ad esempio, hai un cane, soprattutto di taglia media o grossa. Trovare dei gatti randagi in giardino potrebbe essere una minaccia per la loro incolumità. Inoltre, occorre agire se nel giardino sono presenti piante e fiori velenosi; 
  • permette di salvaguardare l’aspetto del giardino: i gatti, infatti, potrebbero rovinare il verde e sfruttarlo per i loro bisogni. Spaventarli, senza fargli del male, tenerli lontani è importante inoltre se il proprietario del giardino è un soggetto allergico al pelo dei gatti.

Rimedi per tenere lontani i gatti

Come allontanare i gatti

È bene fare una doverosa premessa: prima di scegliere un metodo per scacciare e tenere lontani i gatti dal giardino, è bene chiedere consiglio ad un veterinario. Questi metodi devono servire a far desistere l’animale, senza arrecargli alcun tipo di danno.

Ecco, dunque, alcuni rimedi per tenere lontani i gatti da piante e fiori in giardino e sul terrazzo:

  • erba gatta (Nepeta cataria): oltre ad essere utile per allontanare i gatti da piante e fiori, aiuta anche a favorire il loro processo digestivo. I gatti ne vanno matti, quindi basterà posizionare una o più piante di erba gatta in giardino per distrarli e tenerli lontani dalle piante che devono restare integre; è opportuno metterla fuori dal giardino, se possibile, per evitare l’ingresso;
  • agrumi: l’essenza di questi frutti non è particolarmente amata dai gatti, i quali cercano di restare lontani dalle zone in cui si sente questo odore. Si può quindi riciclare le bucce di arance o limoni, sia fresche che essiccate, e metterli nel sottovaso o in giardino;
  • pepe: si tratta di una soluzione leggermente più aggressiva; questa spezia terrà lontani i gatti perché, se annusata, andrà a provocare prurito sul naso del gatto, senza però conseguenze per la sua salute;
  • piante officinali: per tenere lontani i gatti, un altro metodo è piantare o posizionare vasi di piante officinali sul balcone o in giardino (parliamo di menta, salvia, melissa, lavanda, citronella, rosmarino, timo e santoreggia). Queste piante emettono odori generalmente sgraditi ai gatti;
  • fare un recinto: una delle soluzioni più efficaci è costruire o installare un recinto o una staccionata. Sarà ancora più efficace se la metterai leggermente inclinato verso l'esterno in modo da rendere più difficile l'accesso;
  • usare impianti di irrigazione automatica: i gatti non amano l’acqua, quindi con questo sistema sarà possibile evitare l’ingresso in giardino. Tale metodo è molto efficace, perché il gatto hanno la capacità di associare le situazioni non gradite al luogo in cui le vivono: saranno quindi dissuasi dal tornare.

Prodotti per allontanare i gatti

Esistono anche diversi tipi di repellenti utili a tenere lontani i gatti. Come nel caso precedente, ricordiamo che è bene chiedere consiglio ad un veterinario prima di utilizzare questi prodotti: il gatto deve solo essere dissuaso dal circolare in giardino, tali prodotti e rimedi non gli devono fare alcun male.

Ecco alcuni prodotti per allontanare i gatti.

Repellente per gatti in granuli

Se si vuole allontanare il proprio gatto, o se l’area in questione è ben delimitata, i prodotti in granuli sono perfetti: hanno piccole sferette, in gel, che emanano un odore fastidioso per i gatti. Tale prodotto è utilizzabile sia all’interno che all’esterno, dove è possibile nascondere qualche granello del sottovaso o nel perimetro del giardino. La durata del repellente in granuli per tenere lontani i gatti può andare dai 7 ai 14 giorni;

Disabituante spray

Utilizzati generalmente quando un gatto ha cattive abitudini, come danneggiare la tappezzeria, fare i bisogni sul pavimento o danneggiare qualche pianta, i disabituanti saranno un’ottima soluzione anche in giardino.

Gli spray disabituanti possono avere due funzioni:

  • repellente: il prodotto emana odori che non piacciono ai gatti, quindi l’animale tenderà a non avvicinarsi. Si tratta di citronella, aceto o agrumi (ovvero tutti prodotti naturali che fungono solo da deterrente;
  • rilassante: alcuni questi prodotti contengono fragranze che rilassano il gatto e lo calmano (ad esempio l’erba gatta o la salvia, ideali per calmare l’istinto di affilare le unghie o morsicare le superfici).

Questo spray va spruzzato tutti i giorni, in modo da far disabituare i gatti che visitano il giardino.

Condividi
Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Valerio Guiggi
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Gatto e blister di medicinali
Antibiotico per gatti: quando e come somministrarlo

Quando somministrare un antibiotico per gatti e come capire se è realmente necessario? Approfondiamo le modalità di utilizzo di questa categoria di farmaci.

Un gatto arrabbiato
Gatto arrabbiato: segnali, cause e possibili soluzioni

Da cosa si capisce che un gatto è arrabbiato? Scopriamo quali sono i segnali da tenere in considerazione, le possibili cause e le strategie per calmarlo.

icon/chat