Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Agorafobia 20 Anni

Come può superare le sue paure una ragazza di 20 anni?

Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni. Ho sempre sofferto di agorafobia, ma in questo periodo, per la disoccupazione, per aver discusso con parecchi amici e per i pochi impegni, mi sono sempre di più chiusa in me stessa. Questi sintomi sono aumentati e sono molto peggiorati. Sto seguendo una terapia con il mio psicologo da un anno, per problemi in famiglia e questa agorafobia. Poche settimane fa, mi si è presentata un'occasione che aspettavo da quando ero piccola, un'occasione all'estero, ho subito accettato grazie anche all'aiuto del mio psicologo, ma con il passare dei giorni mi stanno salendo un sacco di dubbi, la paura dei miei blocchi, che comprendono vertigini, sensazione di vuoto. Lì, sarò sola, dovrei fare tutta da sola, ho molti blocchi, esco sempre con una mia fidata amica, informata di questa cosa, come se avessi bisogno sempre di un appoggio. Mi sono rivolta al mio medico e mi ha prescritto lo Xanax. Vorrei fare con tutto il cuore questa esperienza, se non mi tolgo da casa mia, questa mia agorafobia non passerà mai e io qui non ho la forza di ricominciare, sono successe troppe cose e voglio solo allontanarmi, infatti questa occasione cade a pennello. La dottoressa mi ha consigliato di prendere lo Xanax, iniziando la cura 2 volte al giorno 8 o 10 gocce, non oltre 8 settimane oppure prenderlo al bisogno. Non so proprio cosa fare, avete qualche consiglio? Alcune volte penso anche a rinunciare a questo progetto, ma non posso, se resto ancora qui, ho paura che la mia ansia peggiorerà soltanto. Grazie mille.

Rinunciare non è mai la soluzione giusta, perché semmai rinforza un problema di paura di mettersi a confronto con le sfide della vita.
Personalmente, ti suggerisco di parlare col tuo psicologo della possibilità di stendere un elenco di tutte le positive conseguenze che invece avrebbe una tua partenza e gli obiettivi che potresti raggiungere ottenendo proprio quei risultati che significherebbero sogni realizzati
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Domenico Giuseppe Bozza
Dr. Domenico Giuseppe Bozza
(0)
Roma - Viale Cesare Pavese, 40, 00144 Roma RM, Italia
Altre risposte di questo specialista
Emicrania e formicolio: potrebbe essere depressione?
La situazione che presenti è molto complessa e meriterebbe un'indagine più approfondita. Riferisci che sei stata da uno psicologo, ma non mi dici che cosa...
Negazione di rapporti sessuali: per quali motivi?
Buonasera,credo, da quanto riferisci, che vi sia, al di là di tutto, un reale problema di comunicazione all'interno della vostra coppia che impedisce una chiarezza...
Stimolazione clitoridea: perchè provoca dolore?
Buongiorno,la stimolazione clitoridea è prevalentemente quella deputata al piacere, poiché proprio lì risiedono molte terminazioni nervose (come il glande per il pene maschile). Se troppo...
Masturbazione: è normale in un matrimonio?
Buonasera,la masturbazione in sè non è nè un comportamento patologico nè una metodica per procurarsi piacere che deve essere vista come un ostacolo, sia...
Calo del desiderio sessuale: come intervenire?
Quanto descrivi si inquadra sicuramente in un ambito che ruota attorno al desiderio ed al suo calo. Ovviamente, andrebbe indagato ulteriormente se vi è stato, nel...
Vedi tutte

Risposte simili

Depressione : quali differenze esistono?
Esistono delle grosse differenze tra uomo e donna, se non altro per le fluttuazioni e variazioni ormonali che caratterizzano il percorso esistenziale femminile e che...
Sviluppo sessuale in adolescenza: come avviene?
Lo sviluppo sessuale nei maschi è più ritardato e più lungo di quello delle femmine: in genere, avviene intorno ai 12-13 anni.Uno dei primi segni...
Attacchi di panico: quali sono i sintomi?
I sintomi di un attacco di panico appaiono improvvisamente, senza alcuna causa apparente. Possono includere: aumento della...