Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Riabilitazione Dita Immobili

Quale riabilitazione seguire per trattare le dita delle mano rimaste immobili dopo un intervento?

Buongiorno, ho 49 anni e per molti anni ho sofferto di problemi cervicali. Alla fine di febbraio 2018, è iniziato il mio calvario: fortissimi dolori alla scapola dx, fascicolazioni al dorsale e al pettorale e scosse su tutto il braccio dx con parestesia parziale della mano, soprattutto su anulare e mignolo. Ho iniziato a fare indagini dapprima a livello ortopedico, poi neurologico con elettromiografia che evidenziava una denervazione in atto e rmn cervicale, il cui esito è stato di una compressione alle radici nervose in c5-c6 e c6-c7 causata da 2 ernie. Nel frattempo che effettuavo queste visite ed esami diagnostici, il tempo è passato (un paio di mesi) ed il braccio e la mano dx peggioravano, tanto che le ultime 2 dita hanno cominciato a chiudersi e non riuscivo più a distenderle e la forza nell'arto diminuiva giorno per giorno. Il 31/05 sono stato sottoposto ad intervento chirurgico con l'inserimento di 3 cages in tantalio c5-c6 c6-c7 c7-t1. Atteso il mese di routine, ho fatto la visita di controllo ed il neurochirurgo mi ha detto che il tratto cervicale era tornato nel giusto asse e che la compressione era rientrata. Ora, io non ho più ripreso la mobilità nelle dita della mano e vorrei chiedere a voi qualche consiglio su una giusta riabilitazione per questo tipo di problema, in quanto il neurochirurgo che mi ha operato è stato molto vago su questo aspetto, lasciandomi pensare che non ci sia molto da fare. Ringrazio anticipatamente chi vorrà darmi consiglio.

Buonasera,

a mio avviso, necessiti di fisioterapia. Nello specifico, si dovrà da una parte intervenire sul recupero della motilità e della forza di braccio e mano, dall'altra, sull'assetto posturale.

Puoi recarti in un centro di riabilitazione convenzionato oppure rivolgersi ad un fisioterapista che abbia una specializzazione in rieducazione posturale ed esperienza sul trattamento delle radicolopatie causate da ernia.

Molti auguri 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Emma Sorbo
Dr.ssa Emma Sorbo
(0)
Roma
Altre risposte di questo specialista
Pesistica: può far Male?
Rispondo che sicuramente la pesistica non è un'attività sportiva che mi sento di consigliare. La muscolatura si accorcia moltissimo e questo determina rigidità. Consiglio quindi...
Dolore al ginocchio: Che Fare?
Buongiorno. Ritengo che lo sport più adatto sia in nuoto, evitando lo stile a rana. Ma é a pratica constante dello stretching (quindi tutte le...
Tendinite: quanto stare a Riposo?
Buongiorno. Riguardo al dolore alla spalla dopo uno sforzo, il primo consiglio è quello di evitare sollecitazioni e sforzi. Probabilmente ha un tendine infiammato,...
Dolore al ginocchio: quali esercizi svolgere?
Gentile signore, dal referto della rmn emerge un processo infiammatorio dell'articolazione. Anche il legamento crociato anteriore si presenta edematoso e quindi infiammato, come se...
Ricostruzione del lca: qual è il post operatorio?
Buonasera, avrei aspettato 3 mesi prima di consigliare la bicicletta. Il ginocchio è stato sollecitato e ha reagito con un versamento. ...
Vedi tutte

Risposte simili

Terapia manuale in fisioterapia: che cos'è?
La terapia manuale è l'insieme delle terapie che vengono eseguite dal fisioterapista manualmente, agendo su tessuti come muscoli e tendini o in modo diretto sui...
Mal di testa da cervicale: la fisioterapia aiuta?
Il "mal di testa" può avere un'origine muscolo-tensiva, molto spesso legata alle tensioni alla muscolatura delle spalle e della nuca, che sono in continuità con...
Fisioterapia drenante: che cos'è?
L'effetto drenante in fisioterapia si ottiene con il linfodrenaggio manuale o strumentale, detto anche pressoterapia. Il drenaggio coinvolge i distretti corporei...