Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Rotttura Tendine Achille

Può dare problemi nel tempo la lesione del tendine?

Tre mesi fa, durante una partita di calcetto, mentre correvo ho sentito un dolore assurdo sulla zona del polpaccio, un tirare fortissimo, e sono caduto a terra. Il giorno dopo avevo la gamba gonfia, polpaccio e caviglia soprattutto, credevo non fosse nulla, ma dopo qualche giorno ho deciso di fare un'ecografia che ha evidenziato un forte ematoma al gemello e infiammazione tendinea. Mi hanno dato compresse e pomata per alleviare il dolore e in effetti polpaccio e caviglia si sgonfiavano giorno dopo giorno, ma sentivo sempre tirare. Ho rifatto l'ecografia da un altro specialista e mi ha evidenziato (cosa non vista prima) la rottura del tendine di Achille. Con urgenza mi hanno subito operato. L'operazione è andata bene, il tendine è stato risuturato anche se il mio medico mi ha sconsigliato di giocare a calcio dicendomi di condurre una vita regolare. Il mio tendine si era un po' ritirato per via del ritardo dell'operazione. Sono stato ingessato e ora ho il tutore per 60 giorni. Dopo la riabilitazione, questo tendine ritirato nonché danneggiato e poi suturato mi creerà conseguenze? Sarà problematico il recupero? Potrei in futuro accusare dolori o problemi? In attesa di vostre risposte, colgo l'occasione per ringraziarvi ancora e porgervi i miei distinti saluti.

Parti dal presupposto che ora hai un tendine lesionato e riparato che sicuramente non è come quello madre natura ti ha fornito. 

Per quanto riguarda il tuo futuro sportivo e le capacità di recupero funzionale di carico, molto dipende dalla situazione del tendine, dalla sua riparazione e dalla qualità della riparazione stessa, nonché dal tipo di intervento eseguito. 

Detto questo, sicuramente lo specialista che ti ha seguito finora saprà e potrà meglio rispondere a queste tue domande specifiche visto che è quello che materialmente ha visto le condizioni del tendine al momento dell'intervento. 

Saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giorgio Rotundo
Dr. Giorgio Rotundo
Bologna - Via Guelfa, 76, 40138 Bologna, Metropolitan City of Bologna, Italy
Risposte simili
Sindrome distrofica: come si può curare?
La sindrome algo-distrofica post-traumatica si può curare con la pratica di molti sport, come la ginnastica, la ginnastica in acqua, magnetoterapia e, se necessario,...
Corsa scoordinata: cosa fare?
Buongiorno, l'indicazione di peso ed età è utile, ma non sufficiente per farsi un quadro della condizione del bimbo: quanto è alto? ...
Frattura al piede: quali sono i tempi di ripresa?
Buongiorno, è difficile esprimere un parere sicuro su pazienti altrui e senza poterli vedere di persona. Premesso questo, mi impegno a rispondere al meglio di...
Altre risposte di questo specialista
Infiammazione alla spalla: quali esercizi effettuare?
Salve,sfortunatamente, le informazioni da te fornite non sono sufficienti per darti un'indicazione precisa ed utile.Fondamentale in qualunque caso rimane il visitare la spalla, poiché già...
Dolore alla parte alla della spalla: cosa lo provoca?
Salve,dalla descrizione dei tuoi sintomi, sembrerebbe invece una sezione di una parte diversa che non riguarda la spalla, la scapola o il collo. Nello specifico,...
Fili di Kirchner: per quanto tempo si possono tenere?
Salve,considera che i fili di K servono appunto a permettere all'osso di guarire e di consolidare in maniera completa ed opportuna, pertanto di massima vanno...
Frattura del trochite: come trattarlo?
Salve,innanzitutto, per poter correttamente valutare l'edema della spongiosa è necessario visualizzare le immagini e non solo il referto.Per quanto riguarda gli esiti della fattura,...
Lussazione della spalla: come trattarla?
Salve,la situazione della tua spalla purtroppo è abbastanza complessa e molti sintomi da te descritti potrebbero non essere compatibili con i risultati della risonanza magnetica...
Vedi tutte
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più