Dieta dopo le feste: i consigli per depurarsi

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 05 Gennaio, 2023

Ecco come mettersi a dieta dopo le feste e cosa mangiare per depurarsi

Il periodo delle vacanze natalizie può mettere a dura prova l'equilibrio del nostro corpo in quanto un eccesso di cibi calorici e pesanti, unito ad una scarsa attività fisica, porta molte persone ad accumulare qualche kg in più. Ecco perché molti intraprendono una dieta dopo le feste, con l'obiettivo di aiutare l’organismo a liberarsi più velocemente delle tossine e dal peso in eccesso. Vediamo allora quali sono i consigli da tenere presente e come strutturare un menù che aiuti a sentirsi più leggeri.

I benefici di mettersi a dieta dopo le feste

Le festività natalizie rappresentano un momento critico per il nostro corpo, appesantito da un eccesso di cibo e di alcol, dal cambiamento delle abitudini di vita e dalla scarsa attività fisica. L'abitudine di trascorrere lunghe ore a tavola, consumando preparazioni ricche di calorie e di grassi, può mettere a dura prova la capacità del fisico di mantenere il peso in equilibrio, tanto che molti, una volta trascorso il Natale e l'Epifania, lamentano un eccesso di kg in più e un aumento della ritenzione idrica.

Per chi sa di aver esagerato con dolci e alimenti grassi, può essere utile iniziare una dieta disintossicante dopo le feste natalizie, in modo da depurare il corpo dalla sovrabbondanza di calorie e dai liquidi in più accumulati soprattutto nella parte bassa del fisico. Al di là della riduzione dell'apporto calorico, sicuramente utile per contrastare i kg in più, è importante che la dieta post feste sia caratterizzata soprattutto dal movimento fisico.

Sia durante le giornate festive vere e proprie, che una volta terminato il periodo vacanziero, è fondamentale continuare a praticare attività sportiva: anche una semplice passeggiata post pranzo oppure l'abitudine di salire le scale a piedi invece che con l'ascensore, possono infatti essere delle utili abitudini per contrastare l'accumulo di grasso e aiutare il corpo e smaltire le tossine. Se con la fine delle vacanze natalizie, invece, ci si ritrova con qualche kg che non si riesce ad eliminare, allora è il momento di correre ai ripari aumentando il tempo destinato allo sport. Praticare un'attività di tipo aerobico (come ad esempio il nuoto, la corsa o il ciclismo) per tre giorni a settimana, infatti, è fondamentale per smaltire il peso in eccesso in modo sano e senza troppi sacrifici a tavola.

Dieta post feste: quali alimenti mangiare e cosa evitare

Dieta dopo le feste, cosa mangiare

Per alleggerire l'organismo è fondamentale evitare di mangiare zuccheri, alimenti ricchi di grassi saturi e alcol. L'alimentazione base dovrebbe sempre prevedere una porzione di cereali, meglio se integrali, abbinata a verdure di stagione e a una piccola quota proteica magra. Un regime detox, poi, dovrebbe includere il vasto mondo delle zuppe e delle vellutate che, se abbinate a del pane e a una fonte di proteine, rappresentano un eccellente pasto unico.

Via libera a tutti i tipi di verdura, in particolare a quella di stagione, e alla frutta. Quest'ultima può essere utilizzata come spuntino a metà pomeriggio oppure per preparare dei gustosi frullati completamente naturali. Un aiuto, poi, arriva dalla frutta secca, considerata un'eccellente fonte di omega-3 e da alcuni alimenti che si distinguono per le loro proprietà antinfiammatorie, come ad esempio lo zenzero.

Tutti coloro che intendono mettersi a dieta dopo le feste dovrebbero includere nel loro regime alimentare questi alimenti:

  • verdure a foglia verde;
  • legumi: ceci, fagioli, lenticchie e piselli spezzati sono ottime alternative proteiche alla carne e contengono un buon apporto di sali minerali;
  • crucifere, come il broccolo, il cavolo cappuccio, il cavolfiore, ricchissime di sali minerali (fosforo, potassio e calcio e ferro) e vitamine del gruppo C e B;
  • frutta secca: noci, mandorle, arachidi, nocciole apportano i grassi cosiddetti "buoni" e saziano senza appesantire;
  • cereali integrali, come orzo, riso e avena. Contengono un'ottima quantità di energia a lungo rilascio e sono ricchi di sali minerali;
  • yogurt bianco;
  • kefir, un ottimo alleato del nostro benessere gastrointestinale grazie all'alto numero di probiotici contenuti al suo interno;
  • olio extra vergine di oliva di alta qualità. Preferire condimenti leggeri facendo largo uso delle spezie;
  • frutta fresca, anche sotto forma di frullati, spremute e centrifughe. Gli agrumi, particolarmente abbondanti durante la stagione invernale, sono ricchi di vitamina C, utile per aumentare le difese immunitarie, e di antiossidanti;
  • fonti proteiche magre e altamente digeribili, come ad esempio il pesce bianco (orata, branzino, coda di rospo), il pollo e il tacchino;
  • alimenti cotti al vapore;
  • tisane a base di piante depurative.

Quali sono, invece, i cibi da evitare se si vuole intraprendere un percorso di depurazione alimentare dopo le festività?

  • alimenti ricchi di grassi saturi;
  • zuccheri;
  • alimenti trasformati. Ricchissimi di sale e di prodotti conservanti, questa categoria di cibo andrebbe consumata con moderazione e, se si intende osservare un periodo di detox, nettamente evitata;
  • salumi e insaccati;
  • bevande zuccherate;
  • alcol;
  • caffè e tè;
  • carne rossa, soprattutto se molto grassa;
  • formaggi stagionati;
  • un eccesso di sale;
  • condimenti eccessivamente grassi e pesanti da digerire, come lo strutto, il burro e la margarina vegetale;
  • cibi fritti.

Dieta depurativa dopo le feste: i consigli utili

Quali sono, quindi, i consigli da tenere in considerazione se si desidera un percorso di depurazione dopo le abbuffate natalizie?

  • evitare diete eccessivamente rigide. Un regime alimentare sano e bilanciato dovrebbe sempre fornire la quantità di energia sufficiente per supportare il corpo nello svolgimento di tutte le sue attività. Saltare i pasti non è un'idea fattibile sul lungo periodo, anzi, se protratta nel tempo, può esporre a gravi carenze nutritive;
  • ricordarsi di bere. Una corretta idratazione è un aspetto fondamentale che migliora il benessere fisico e la funzionalità di numerosi organi. Chiunque desideri iniziare una dieta disintossicante dovrebbe bere almeno due litri di acqua al giorno, in modo da stimolare l'eliminazione delle tossine;
  • non dimenticare lo sport. L'attività fisica è essenziale per aiutare il fisico a smaltire i liquidi e a ridurre le calorie in eccesso;
  • sfruttare il potere disintossicante delle piante. Alcune specie vegetali, come ad esempio il finocchio, il tarassaco, il carciofo, lo zenzero e il cardo mariano, sono molto utili per aiutare il corpo a depurarsi. Si possono utilizzare come ingrediente per preparare tisane e infusi da sorseggiare durante la giornata.

Dieta disintossicante dopo le feste: il menù tipo

Osservare di tanto in tanto qualche giornata nella quale si riduce l'apporto calorico e si consumano cibi particolarmente leggeri e ricchi di sostanze nutritive, limitando al massimo zuccheri e grassi, è utile per stimolare il fisico a depurarsi. Diverso è, tuttavia, se si intende iniziare una vera e propria dieta dopo le feste natalizie: in questo caso è preferibile evitare il fai da te e ricorrere all'aiuto di un nutrizionista esperto, il quale saprà indicare un menù perfettamente bilanciato e sostenibile sul lungo periodo.

Qualora l'intenzione fosse semplicemente quella di introdurre gradualmente un'alimentazione più light e depurativa, ecco un esempio di menù giornaliero da seguire per incentivare il proprio fisico a intraprendere un percorso di disintossicazione:

  • colazione: uno yogurt bianco magro + una macedonia di frutta di stagione mista + due fette biscottate;
  • spuntino: 30 grammi di noci o un frutto di stagione;
  • pranzo: insalata composta da valeriana e radicchio + 50 grammi di riso integrale + 100 grammi di pesce bianco al vapore;
  • spuntino: macedonia di frutta mista o uno yogurt greco con miele e 20 grammi di noci;
  • cena: vellutata di zucca e patate + 50 grammi di pane integrale + 80 grammi di ricotta magra;
  • dopo cena: una tisana a base di finocchio e tarassaco oppure un infuso preparato mettendo a bollire un pezzetto di radice di zenzero con la scorza di un limone non trattato.
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr.ssa Irené Matichecchia
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Diete

986 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Irené Matichecchia
Contenuti correlati
kefir
Kefir: scopri tutte le controindicazioni e gli effetti collaterali

Kefir controindicazioni ed effetti collaterali, ecco quando è bene limitare, o eliminare, questa bevanda nota per i suoi tanti benefici per la salute.

insalata di quinoa con verdure
Quinoa e glutine: è vero che la quinoa è gluten free?

Qual è il rapporto tra quinoa e glutine? Scopriamo se è vero che questo pseudocereale può essere consumato anche da chi è celiaco perché non contiene glutine.