icon/back Indietro Esplora per argomento

Pranzo di Pasquetta: il menù da provare

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 22 Marzo, 2024

Pranzo di Pasquetta_il menù da provare

Il giorno dopo Pasqua, ovvero il cosiddetto Lunedì dell'Angelo, è una ricorrenza molto sentita, in cui si organizzano spesso gite fuori porta, picnic con gli amici o ritrovi in famiglia. Cosa cucinare per il pranzo di Pasquetta che sia, al tempo stesso, sfizioso ma non troppo impegnativo?

Ecco un esempio di menù tipo da mettere subito in pratica.

Cosa cucinare per il pranzo di Pasquetta

Dopo aver festeggiato la Pasqua, il menù di Pasquetta è, in genere, più leggero, e sfrutta le numerose primizie che abbondano nell'orto.

A seconda di come si trascorre questa giornata, si possono proporre diverse idee: chi farà un picnic nella natura potrà cucinare, ad esempio, una comoda torta salata da portare con sé, mentre chi passerà il Lunedì dell'Angelo in casa si può sbizzarrire preparando risotti e secondi piatti a base di carne.

In generale, ciò che non dovrebbe mai mancare sulle tavole in questa occasione sono i piatti tipici della tradizione e quelli che si avvalgono di ingredienti di stagione.

Un antipasto perfetto da cucinare proprio in occasione del menù di Pasqua e Pasquetta è, ad esempio, la Torta Pasqualina, che, a seconda di come la si serve, può anche fungere da secondo piatto. A seguire, alcune idee di primi piatti sono il risotto con gli asparagi oppure la pasta con i carciofi, che utilizzano due verdure molto presenti sulle tavole primaverili.

Come secondo, invece, non può mancare un grande classico del periodo, ovvero arrosto di agnello. Infine, per concludere un'ottima pastiera napoletana è il dolce giusto per chiudere in bellezza (e in bontà!) il pranzo di Pasquetta.

Cosa cucinare a pasquetta? Ecco qualche ricetta.

Primi piatti: le ricette per Pasquetta

Risotto con gli asparagi

Ingredienti

  • 500 grammi di asparagi verdi
  • 350 grammi di riso Carnaroli
  • 70 grammi di burro
  • mezza cipolla
  • brodo vegetale caldo
  • grana padano grattugiato
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Cuocere gli asparagi a vapore con un pizzico di sale fino a che non risulteranno abbastanza croccanti. Tagliare le punte e fare sciogliere 15 grammi di burro in una padella.

Lasciarvi insaporire le punte degli asparagi per 5 minuti e tenere da parte. Tagliare il resto degli asparagi a rondelle. In una casseruola fare fondere 30 grammi di burro con 2 cucchiai di olio e farvi appassire la cipolla tritata.

Unire il riso, farlo tostare brevemente, quindi aggiungere gli asparagi a rondelle. Mescolare con un cucchiaio di legno ,quindi bagnare con un paio di mestoli di brodo ben caldo.

undefined

Portare a cottura il risotto cuocendolo come di consueto, aggiungendo un mestolo di brodo mano a mano che il precedente è stato assorbito.

Al termine della cottura regolare di sale, unire le punte di asparagi e mantecare con il burro rimasto e il formaggio grattugiato.

Mescolare con molta delicatezza e fare riposare coperto per un paio di minuti, servire quindi il risotto agli asparagi ben caldo. 

Pasta con carciofi, pecorino e guanciale

Ingredienti

  • 320 grammi di mezzi paccheri
  • 80 grammi di pecorino grattugiato
  • 4 carciofi
  • 120 grammi di guanciale
  • 2 spicchi di aglio
  • un ciuffo di prezzemolo

Per prima cosa occorre pulire i carciofi: con un coltellino affilato recidere di netto tutta la parte superiore del carciofo, ovvero la parte più coriacea delle foglie e le spine. Eliminarne il gambo, tenendolo da parte pulito e in ammollo nell’acqua acidulata con il succo di limone. Tagliare la testa dei carciofi a metà per il lungo e con uno scavino rimuovere completamente la barbetta interna. Tagliare ora le parti a metà, per ottenere quindi dei quarti.

Affettare finemente i carciofi. Tagliare il guanciale a fette, poi a listarelle e successivamente in cubetti. Farlo saltare in padella a fuoco medio facendo sciogliere bene il grasso.

Quando il guanciale sarà rosolato, aggiungere in padella l’aglio assieme ai carciofi e farli saltare fino a renderli teneri, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda o coprendo con il coperchio per accelerare la cottura. Eliminare l’aglio, aggiustare di sale e di pepe e unire il prezzemolo tritato.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla in una padella capiente e aggiungervi i carciofi, il pecorino grattugiato, pepe a piacere e qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta Mantecare bene fino a formare un condimento cremoso, impiattare e servire.

I secondi piatti del menù per Pasquetta

Queste due ricette del pranzo per Pasquetta si adattano con facilità sia a chi mangia la carne, sia a chi, invece, preferisce un secondo vegetariano.

Torta Pasqualina

Ingredienti

  • 2 confezioni di pasta sfoglia rotonda già pronta
  • 1 kg di bietole da taglio
  • 500 grammi di ricotta
  • 5 uova
  • mezza cipolla tritata
  • formaggio grattugato q.b.

Mondare le bietole conservandone soltanto la parte verde, lavarle in abbondante acqua corrente, tagliarle a striscioline sottili e scottarle per due o tre minuti in acqua salata portata a ebollizione.

Una volta scottate, scolarle e lasciarle raffreddare. Rosolare la cipolla in una padella con due cucchiai d'olio extravergine d'oliva, poi unire le bietole strizzate e farle insaporire per qualche minuto.

Quando queste ultime saranno insaporite, metterle dentro una ciotola e mescolarle insieme con la ricotta e un po' di formaggio grattugiato, due uova sbattute, un cucchiaio di maggiorana, il sale e il pepe. Infine, amalgamare il tutto per ottenere un composto omogeneo.

undefined

A operazione conclusa, ungere d'olio una tortiera a bordi alti e svasati di 22 centimetri di diametro, infarinarle e foderarla con la sfoglia tonda precedentemente assottigliata con il mattarello, avendo cura di lasciare che la pasta debordi un po' dalla teglia. Versare al suo interno il ripieno.

A questo punto, rompete le uova (è importate mettere sempre un uovo in ogni fossetta) e adagiatevi sopra un fiocchetto di burro. Concludere la torta pasqualina preparando un altro disco di pasta e coprire il ripieno.

Quindi, chiudere la torta appena preparata usando i bordi del disco di sfoglia inferiore, cioè quello della base, e pigiandoli con la rispettiva porzione di pasta messa a chiusura. Dopodiché, spennellare d’olio tutta la superficie della torta. Infornare 180° e cuocere per un’ora circa. A cottura raggiunta, sfornare e lasciar riposare leggermente.

Arrosto di agnello

Ingredienti

  • 1 cosciotto d'agnello grande
  • 1,5 kg di patate
  • 3 spicchi d'aglio
  • 1 cucchiaino di paprika piccante
  • qualche rametto di timo
  • burro q.b.

Lavare e asciugare bene l'agnello. Dopodiché, pelare, lavare, asciugare le patate e tagliarle a spicchi. Ad operazione terminata, sistemarle formando uno strato uniforme sopra il fondo di una teglia capiente. Distribuirvi sopra ua noce di burro a fiocchetti, gli spicchi d'aglio tritati insieme e il timo.

Prendere la carne, salarla leggermente, cospargerla di paprika, adagiarla sul letto di patate e infornare in forno preriscaldato a 210° per 15 minuti. Trascorso il tempo indicato, girare l'agnello arrosto e lasciarlo cuocere per 15 minuti ancora. Dopodiché, abbassare la temperatura del forno fino a 180° e cuocere il tutto ancora 40 minuti.

Dolci: le ricette di Pasquetta

Tra le ricette del menù di Pasquetta non può mancare un dolce simbolo di questo periodo, ovvero la Pastiera napoletana che, con il suo aroma delicato di fiori d'arancio, costituisce un fine pasto prelibato.

Pastiera per i pranzi di pasquetta

Ingredienti

  • 350 grammi di farina
  • 175 grammi di burro
  • 140 grammi di zucchero
  • 2 uova intere
  • scorza di un'arancia
  • 350 grammi di ricotta vaccina
  • 250 grammi di zucchero
  • 300 grammi di grano precotto
  • 200 ml di latte
  • 2 uova intere
  • 1 tuorlo
  • 150 grammi di canditi (cedro e arancia)
  • 2 cucchiaini di acqua di fiori d’arancio
  • scorza di due arance
  • scorza di un limone
  • 1 pizzico di sale

Ecco un'altra ricetta per i pranzi di pasqua: cuocere il grano con il latte, la scorza di un'arancia e un cucchiaio di zucchero. Mescolare continuamente finché il latte non si sarà completamente assorbito. Lasciare raffreddare e in una ciotola capiente lavorare la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido e senza grumi.

Aggiungere le uova, il tuorlo, un pizzico di sale e la scorza grattugiata di un'arancia e di un limone. Aggiunger anche anche i canditi a cubetti piccoli e l’acqua di fiori d’arancio. Infine, unire il grano freddo e mescolare fino ad ottenere una crema omogenea.

Lasciare riposare in frigo e, nel frattempo, preparare la pasta frolla: lavorare burro e zucchero, quindi unire le uova con la scorza d’arancia e successivamente la farina. Impastare fino ad ottenere un panetto compatto, quindi avvolgere il tutto nella pellicola e riporre in frigo.

Appena la pasta frolla sarà ben fredda, stenderne 2/3 e rivestire una tortiera antiaderente. Versare il ripieno all’interno, quindi stendere la frolla restante e ricavarne delle strisce. Decorare formando dei rombi e cuocere la pastiera in forno caldo a 180° per circa 1 ora e 20 minuti. Sfornarla, farla raffreddare per alcune ore e poi servire.

Condividi
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Ricette

896 articoli pubblicati

Contenuti correlati
come-cucinare-il-polpo
Cottura del polpo: come cucinarlo alla perfezione

La cottura del polpo non è un'operazione difficile, ma quali sono i trucchi per rendere squisito questo pesce? Scopriamo insieme come cucinare il polipo.

Ecco come si cucina una frittata senza albumi
Frittata di Albumi: Ipocalorica e Proteica, ecco come farla

Frittata di Albumi, ricetta semplice da preparare, ma che richiede qualche accorgimento. Ecco come fare una frittata perfetta, proteica e ipocalorica.

icon/chat