Come studiare velocemente con le tecniche giuste

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 07 Settembre, 2023

Scopriamo i metodi per studiare velocemente

Quali sono i metodi efficaci per studiare e per memorizzare gli argomenti scolastici? Esistono delle tecniche apposite che riescono a rendere più rapido il processo di apprendimento? Vediamo come studiare velocemente e bene con le strategie giuste.

I migliori metodi per studiare velocemente

Ogni studente ha il suo metodo di studio per apprendere e memorizzare i concetti nel minor tempo possibile, tuttavia molto dipende anche dalla mole di pagine che ci si trova a dover imparare e al livello di istruzione. Esistono delle tecniche che aiutino a studiare meglio e rapidamente?

In genere gli step principali di ogni processo di apprendimento prevedono:

  1. Leggere. Il primo passo è quello di leggere con calma (e dedicando la giusta attenzione) le prime pagine di un capitolo. In questa fase l'obiettivo è quello di capire i concetti principali del testo;
  2. Sottolineare. Una volta letto il primo slot di pagine, procedere a sottolineare il testo evidenziandone i concetti chiave. Come imparare a studiare bene è strettamente legato all'apprendimento di quali sono le nozioni da tralasciare e quali, invece, quelle da tenere a mente. Non bisognerà, quindi, sottolineare tutte le parole, ma solo quelle che permettono di apprendere i concetti più importanti di un paragrafo;
  3. Schematizzare. La schematizzazione è un'altra operazione fondamentale e può essere fatta in molti modi. C'è chi utilizza le mappe mentali, chi preferisce scrivere dei riassunti in forma discorsiva e chi, invece, predilige gli elenchi puntati. In ogni caso questo step assicura il fissaggio delle nozioni nella memoria ed è un passaggio praticamente obbligato per chiunque voglia capire come si fa a studiare;
  4. Sottolineare ed evidenziare gli schemi;
  5. Leggere attentamente gli schemi elaborati e ripeterli più e più volte per imprimerli nella memoria;
  6. Ripetere a voce alta. Tra i metodi per studiare e memorizzare più efficaci vi è sicuramente quello che prevede di fingere di spiegare l'oggetto di studio a una persona sconosciuta, rigorosamente a voce alta. In questa fase l'obiettivo è quello di introiettare i concetti e di riuscire ad esporli senza dimenticarli;
  7. Affinare il linguaggio. L'ultimo step prevede un lavoro di rifinitura del linguaggio: una volta memorizzate le nozioni, infatti, non rimane che esporle in maniera chiara e utilizzando dei termini tecnici che facciano capire al professore che si possiede una perfetta padronanza della materia.

Una volta compreso come riuscire a studiare con il metodo base, esistono delle tecniche leggermente più raffinate che possono essere utili qualora ci si trovasse a memorizzare una grande mole di pagine in poco tempo.

Una delle strategie più conosciute è quella della mnemotecnica, ovvero la capacità di trasformare ogni concetto o nozione che si desidera apprendere, in un’immagine, per poi associarla a luoghi familiari (ad esempio stanze, strade, piazze o qualsiasi altro luogo si voglia).

Sembra che questa fosse la tecnica preferita da Cicerone, il quale, quando doveva pronunciare le sue famose orazioni a memoria, era solito associare ogni parte del discorso a un'immagine che aveva precedentemente creato nella sua mente.

Come studiare più velocemente

Quando il tempo stringe e ci si ritrova a dover studiare centinaia di pagine in poche settimane, è opportuno elaborare un piano d'attacco preciso e ben congegnato per farcela. Come studiare bene e velocemente quando sembra un'impresa disperata? In questo caso il trucco è quello di dedicare impegno all'elaborazione di un programma rigoroso e preciso, per poi attenervisi senza sgarrare. 

In primo luogo occorre partire dall'analisi dell'indice del libro da memorizzare, suddividendo già i vari capitoli in base ai giorni che si hanno a disposizione prima dell'esame. Poi, per ogni capitolo selezionare i concetti principali, leggendoli ed evidenziandoli in velocità. Procedere infine ad elaborare delle mappe mentali e dedicarsi alla loro ripetizione ad alta voce, cercando di evitare qualunque distrazione e riservando la quantità di tempo stabilita per ciascun argomento.

Sembra che per apprendere velocemente sia utile utilizzare il metodo dei cicli. Come studiare in poco tempo, quindi, servendosi di questa tecnica? Il trucco consiste dell'effettuare dei cicli di studio da 40 minuti l’uno, per poi fare una pausa di 10 minuti in cui staccare del tutto il cervello dallo studio, per dare il tempo alle informazioni di sedimentarsi nella mente. Prima di riprendere il successivo ciclo da 40 minuti, dedicare altri 10 minuti ad un ripasso degli argomenti affrontati nel ciclo precedente.

Come apprendere velocemente con il ripasso

Un altro aspetto fondamentale legato all'apprendimento di come studiare meglio, è rappresentato dalla gestione dei ripassi. La fase in cui si ripassa, ovvero in cui si fissano i concetti nella mente, è fondamentale, e non dovrebbe mai essere trascurata. Quando la mole di studio è tanta, però, ripassare tutte le informazioni può essere difficile, se non impossibile.

Bambina che studia

Come fare, allora, per riassumere efficacemente quanto appreso nelle precedenti sessioni di studio? Il trucco è quello di ripassare le nozioni per tempo e un po’ alla volta, distribuendo quest'operazione nel corso dei giorni e non ritrovandosi a effettuare un mega ripasso a ridosso dell'esame.

I consigli per studiare meglio

Al di là del singolo metodo per studiare scelto dallo studente, vi sono sicuramente dei consigli utili che è possibile mettere in pratica per massimizzare l'impegno e studiare veloce e bene. Ecco qualche indicazione fondamentale:

  • eliminare le fonti di distrazione. Questo consiglio di primaria importanza può veramente fare la differenza in una sessione di studio: togliere ogni possibile oggetto di distrazione (dallo smartphone al computer, passando per tv e social network) può aiutare ad immergersi in modo totale nell'apprendimento e, di conseguenza, a metterci molto meno. Evitare di guardare lo smartphone ogni cinque minuti e, se dovesse essere necessario, lasciarlo in un'altra stanza della casa;
  • fare attenzione all'illuminazione, che dovrebbe essere preferibilmente naturale;
  • prediligere le prime ore del mattino per studiare, quando il cervello è più riposato ed energico;
  • prima di una lunga sessione di studio, mangiare adeguatamente, ricordandosi di assumere alimenti ricchi di vitamine e di sali minerali in grado di fornire energia al corpo;
  • studia in un ambiente ordinato;
  • prendere appunti a mano. Un semplice metodo per studiare velocemente è quello di prendere gli appunti a mano e non scrivendoli sulla tastiera di un computer. È stato dimostrato, infatti, che scrivere a mano aiuta a fissare i concetti nella mente e supporta la memoria;
  • studiare in compagnia. Creare un gruppo di studio con cui condividere l'impegno dello studio e le fatiche dell'apprendimento aiuta a sentire meno la fatica e allevia lo stress mentale legato all'ansia pre- esame;
  • prevedere delle pause fra una sessione di studio e l'altra;
  • non andare a letto troppo tardi: il cervello, per apprendere al meglio, dev'essere riposato e nel pieno delle sue facoltà, mentre una mancanza di sonno può seriamente compromettere la capacità di ricordare i concetti appresi durante il giorno.
Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Mental health

943 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Giusy Messina
Contenuti correlati
donna-derisa-da-un-gruppo-di-persone
Due persone su tre hanno subìto episodi di bullismo, l’indagine di Pazienti.it

In occasione della giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo, Pazienti.it ha condotto un indagine di una settimana in cui 1,178 persone hanno risposto ad un questionario sul bullismo, focalizzandosi sul percepito che gli individui hanno in merito e l'evoluzione del fenomeno. Ecco cosa abbiamo scoperto.

Sessione di terapia tra terapista e paziente donna che sorride
Bonus psicologo 2024: ecco le direttive per la richiesta

Le modalità per richiedere il Bonus psicologo nel 2024 sono state rese note: scopri maggiori dettagli su come presentare la domanda nel modo corretto. 

icon/chat