Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Fagocitosi

Fagocitosi

Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Medicina generale

Che cos’è la fagocitosi?

Il fagocita può essere un organismo unicellulare libero, come un'ameba o una delle cellule del corpo, come un globulo bianco. In alcune forme di vita animale, come le amebe e le spugne, la fagocitosi è un mezzo di alimentazione. Negli animali, uomo compreso, la fagocitosi è principalmente una reazione difensiva contro le infezioni e l'invasione del corpo da sostanze estranee (antigeni).

I fagociti, le cellule spazzine, specializzate nella fagocitosi, come i globuli bianchi presenti nel sistema immunitario, vengono rappresentate dai macrofagi (che derivano dai monociti) e dai leucociti neutrofili. Ingeriscono e distruggono i microrganismi patogeni, cellule morte, cellule danneggiate, trombi, etc.

Quali sono i tipi di fagociti?

Le particelle comunemente fagocitate dai globuli bianchi includono batteri, cellule di tessuto morto, protozoi, particelle di polvere, pigmenti e altri piccoli corpi estranei. Negli esseri umani e nei vertebrati in generale, i fagociti più efficaci sono due tipi di globuli bianchi: i macrofagi (cellule fagocitarie grandi) e i neutrofili. I macrofagi si trovano soprattutto nei polmoni, nel fegato, nella milza e nei linfonodi. 

La loro funzione è quella di liberare le vie respiratorie, il sangue, altri tessuti e la linfa dai batteri e altre particelle. I fagociti sono principalmente neutrofili che vengono trasportati lungo il sangue fino a raggiungere una zona di tessuto infetto, dove poi passano attraverso la parete dei vasi sanguigni verso quel tessuto. Entrambi i macrofagi e i neutrofili sono attratti verso la zona di infezione o infiammazione mediante sostanze che vengono emanate dai batteri e dal tessuto infetto.

Come avviene il processo di fagocitosi?

Prima che la fagocitosi avvenga, il fagocita e la particella di tessuto devono aderire l'una all'altra. Nel caso dei batteri, se il fagocita non riesce ad aderire direttamente intervengono i componenti proteici del sangue noti come opsonine che formano una pellicola sulla superficie dei batteri in un processo noto come opsonizzazione. I fagociti aderiscono alle opsonine e avviene la fagocitosi. In assenza di anticorpi specifici che riconoscono i batteri, l’opsonizzazione non può verificarsi. 

Quanto dura il processo di fagocitosi?

La velocità con cui una cellula ingerisce una particella varia con la dimensione della particella. Piccole particelle, come batteri o grani di polvere, sono ingeriti quasi istantaneamente. Oggetti più grandi, come ciuffi di batteri o cellule di tessuto, vengono fagocitati più lentamente. L'oggetto che viene inghiottito è racchiuso all'interno di una membrana chiamata fagosoma. Il fagocita digerisce la particella ingerita con gli enzimi idrolitici che sono contenuti all'interno di sacchi membrana chiamati lisosomi e presenti all'interno della cellula. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

RNA
L’acido ribonucleico (RNA) è un acido nucleico presente nel citoplasma delle cellule procariote ed eucariote e anche nel nucleo delle sec...
Impronte digitali
Le impronte digitali sono composte da minuscole creste, spirali e motivi a valle presenti sulla punta di ogni dito. Si formano dalla pres...
Feromoni
I feromoni (o ferormoni) sono sostanze chimiche, prodotte da un animale, che modificano il comportamento di un altro animale della stessa...