Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Daltonismo

Daltonismo

Daltonismo
Curatore scientifico
Dr. Domenico De Felice
Specialità del contenuto
Oculistica

Cos'è

Il daltonismo è un'anomalia visiva che comporta un'alterata percezione dei colori.

Quali colori vedono i daltonici

Molte persone pensano che i "daltonici" vedono solo in bianco e nero. Si tratta di un grande equivoco e non è vero. Ѐ estremamente raro il totalmente daltonismo (monocromasia, cioè la completa assenza di qualsiasi percezione del colore). Ci sono diversi tipi e gradi di daltonismo - più correttamente chiamato deficienza visiva del colore.

Le persone con coni normali e pigmenti sensibile alla luce sono in grado di vedere tutti i diversi colori e le sfumature utilizzando coni sensibili a una delle tre lunghezza d'onda della luce - rosso, verde e blu. Una delicata carenza di colore è presente quando uno o più dei tre pigmenti sensibili alla luce non funzionano bene e la loro sensibilità viene alterata. Una carenza di colore più grave è presente quando uno o più dei pigmenti è sbagliato.

Quanti daltonici ci sono al mondo

Dal 5% all'8% degli uomini e il 0,5% delle donne di tutto il mondo sono nati daltonici.

Cause

Il daltonismo congenito è causato da un'anomalia dei fotorecettori, molecole che percepiscono il colore, localizzate nei coni. Il tipo più comune di daltonismo è quello ereditario, ma tale condizione può essere anche dovuta a danni fisici o chimici su occhio, nervo ottico e sulle parti del cervello che processano le informazioni dei colori.

Tipi

Esistono vari tipi di daltonismo, che includono: 
  • Protanomalia – La protonomalia è indicata come una carenza di sensibilità al colore rosso. Qualsiasi variante di questo colore è vista più debolmente sia in termini di "potere colorante" (saturazione, o profondità di colore) che di luminosità. Rosso, arancione, giallo, e giallo-verde appaiono un po’ spostati  verso il verde e tutto appare più chiaro di quanto non sia per l'osservatore normale. Il componente rosso che un osservatore normale vede in un colore viola o lavanda è così indebolito per chi ha protonomalia che potrebbe non riuscire a rilevarlo, vedendo solo la componente blu. Quindi, per lui, il colore che chiamato "violetto" può apparire solo come un’altra tonalità di blu. In condizioni di visione povere, come ad esempio quando si guida abbagliati dalla luce del sole, sotto la pioggia o in mezzo alla nebbia, è facilmente possibile per gli individui affetti da protonomalia scambiare per errore un semaforo rosso lampeggiante con un giallo lampeggiante o un color ambra, o non riuscire a distinguere un semaforo verde dalle varie luci "bianche" in vetrine, cartelli e insegne che fiancheggiano la strada.
  • Deuteranomalia – La persona deuteranomalica è considerata "debole al verde". Simile alla persona protanomalica, non riesce a individuare le differenze di tonalità del rosso, dell’arancione, del giallo e del verde. Una differenza molto importante tra gli individui protanomalici e gli individui deuteranomalici è che questi ultimi non perdono la sensibilità verso la luminosità. Da un punto di vista pratico, molte persone protanomaliche e deuteranomaliche attraversano la vita con poche difficoltà nei compiti che richiedono una visione normale dei colori. Alcuni non possono nemmeno essere consapevoli del fatto che la loro percezione del colore è diversa dal normale.
  • Dicromasia – Può essere divisa in protanopia e deuteranopia. Questi individui di solito sanno di avere un problema di visione dei colori. Non vedono alcuna differenza percettibile tra rosso, arancio, giallo e verde. Tutti questi colori che sembrano così diversi allo spettatore normale sembrano essere lo stesso colore per questo 2% della popolazione.
  • Protanopia – Per il protanope, la luminosità di rosso, arancione, giallo è molto ridotta rispetto al normale. Si può imparare a distinguere i rossi dai gialli e dai verdi principalmente sulla base della loro luminosità, non su qualsiasi differenza percepibile di tonalità. Violetto, lavanda e viola sono indistinguibili da varie tonalità di blu, perché i loro componenti rossastri sono così oscurati da risultare invisibili. Per esempio i fiori rosa, che riflettono sia la luce rossa che la luce blu, possono apparire solo blu al protanope.
  • Deuteranopia – Il deuteranope soffre gli stessi problemi di discriminazione del protanope, ma senza l'oscuramento anormale. Rosso, arancio, giallo, verde e significano veramente molto poco per lui.

In conclusione

Dovrebbe essere ovvio che ci sono diversi tipi e gradi di deficienze visive e colore differenti. Individui protanomalici o deuteranomalici di solito affrontano normalmente le attività quotidiane. Possono fare errori occasionali nei nomi dei colori o incontrare difficoltà nel distinguere piccole differenze, ma di solito non vivono in modo molto diverso dal normale.

protanope e deuteranope, invece, possono essere gravemente carenti nel colore. Il vero problema è che ci sono troppi nomi (nomi di tonalità di colore) utilizzati dalla maggior parte delle persone senza alcuna base oggettiva per utilizzarne uno al posto di un altro. Perché chiamare qualcosa "arancione", quando non sembra in alcun modo diverso da qualcos'altro chiamato verde, marrone, beige, o uno dei tanti altri nomi di colori?

Trattamento

Non esiste nessun tipo di cura per il daltonismo, tuttavia chi è affetto da daltonismo rosso-verde può utilizzare delle speciali lenti che gli permettono di percepire i colori in modo più accurato. Inoltre, esistono delle applicazioni per iPad e iPhone in grado di aiutare i daltonici a distinguere i colori. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Neuropatia ottica di Leber
La neuropatia ottica di Leber è una patologia ereditaria che porta a un calo della vista; il primo sintomo di questa rara malattia è infa...
Nictalopia
La nictalopia, da non confondere con la emeralopia, indica la capacità di una persona di vedere meglio nelle ore notturne e una sua diffi...
Cicloplegia
Con il termine cicloplegia si intende la paralisi del muscolo cicliare oculare, con una compromissione della messa a fuoco, e quindi dell...