Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Prestazioni
  4. Amniocentesi Base

Amniocentesi base

Amniocentesi base
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è l'amniocentesi base?

L'Amniocentesi base è un'esame attraverso il quale viene prelevata una piccola quantità di liquido amniotico che circonda il feto.Si tratta di una metodica diffusa per effettuare una diagnosi prenatale.Tale esame viene consigliato, in linea di massima a:

  • donne con più di 35 anni di età
  • donne con una storia familiare di anomalie cromosomiche
  • donne con positività dell'ecografia genetica (translucenza nucale) e del bitest, perchè hanno rischi particolarmente elevati di avere figli con anomalie cromosomiche.

L'amniocentesi è consigliabile nel periodo compreso tra la quindicesima e diciannovesima settimana, cioè quando una delle due membrane del sacco amniotico che avvolge il feto ha raggiunto dimensioni sufficienti affinchè la pratica non costituisca un rischio per il nascituro.Il rischio di aborto spontaneo connesso all'amniocentesi è compreso tra lo 0.3% e l'1%.

A cosa serve l'amniocentesi base?

L'Amniocentesi base esamina le cellule contenute nel liquido che sono di origine fetale, al fine di accertare la presenza di eventuali difetti cromosomici che danno origine a diverse patologie come:

  • sindrome di Down (o trisomia 21)
  • fibrosi cistica, che è una malattia genetica che causa al bambino affetto gravi problemi respiratori e digestivi poiché tutte le secrezioni mucose dell'organismo sono molto dense.
  • altre anomalie riscontrabili come la Sordità congenita, il Ritardo mentale presente nei maschi (cosiddetta sindrome dell'X fragile) e la Distrofia muscolare di Duchenne che è una malattia genetica degenerativa dei muscoli.

Come si svolge l'Amniocentesi base?

L'Amniocentesi base avviene sotto guida ecografica, inserendo un ago molto sottile all'interno della cavità amniotica, prelevando una piccola quantità di liquido amniotico.L'utilizzo della ecografia consente di inserire l'ago in uno spazio lontano dal feto, non facendo correre rischi allo stesso.Dopo il prelievo la paziente è tenuta in osservazione su un lettino per circa 30 minuti.Essendo un'analisi sicura, non è necessario il riposo a letto dopo l'esame.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Fecondazione assistita
La fecondazione assistita è la tecnologia utilizzata per raggiungere la gravidanza tramite procedure come la fecondazione in vitro. È u...
ICSI
L'ICSI è molto simile all'IVF in quanto i gameti (uova e sperma) sono raccolti da ciascun partner. La differenza tra le due procedure è i...
IUI
L'inseminazione intrauterina(IUI) è un trattamento di fertilità che consiste nel posizionare lo sperma all'interno dell'utero per facilit...