Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Spirale

Spirale

Spirale
Curatore scientifico
Dr. Marco Siccardi
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos’è la spirale?

La spirale è un piccolo dispositivo, a forma di T, che viene inserito nell’utero e svolge funzione:

  • contraccettiva, impedendo agli spermatozoi di entrare in contatto con gli ovociti;
  • intercettiva, impedendo l’impianto dell’embrione se la fecondazione è avvenuta.

L’IUD è un metodo di contraccezione a lunga durata: una volta inserito viene sostituito dopo diverso tempo. Esistono due tipologie di spirale:

  • di rame, costituiti da una struttura di plastica su cui è avvolto un filo di rame, dura da 5 a 10 anni;
  • ormonale, costituito da una struttura di plastica che rilascia progesterone, dura da 2 a 5 anni.

Una volta inserita, la spirale è subito funzionante. È opportuno ricordare che la spirale non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Come viene inserita la spirale?

La spirale viene inserita dopo la visita ginecologica, in qualsiasi momento, anche se è preferibile farlo durante il flusso mestruale poiché il collo dell’utero è maggiormente dilatato. Il dispositivo viene inserito attraverso la cervice uterina, talvolta può essere doloroso o provocare crampi successivamente. Per tale ragione, è possibile utilizzare un antidolorifico o un anestetico locale. La pratica richiede 15-20 minuti, e controlli dopo tre e sei settimane.

Nel caso di parto, la spirale può esser inserita dalle quattro alle sei settimane successive. Alcuni dispositivi possono essere inseriti anche prima, dopo qualche giorno dal parto. Non vi sono controindicazioni per l’allattamento.

Poiché esistono spirali di diverse dimensioni e con diverse caratteristiche, il ginecologo consiglierà la scelta migliore per ciascuna paziente. Per funzionare correttamente, la spirale deve essere adeguatamente inserita e non spostarsi (qualsiasi spostamento determina l’inefficacia del dispositivo).

Inoltre, se durante la procedure di inserimento la paziente ha dolore e sente “toccare in fondo alla pancia” e deve usare antidolorifici è probabile che la spirale potrà causare dolore e crampi nei giorni e settimane successive per cui è controindicato inserirla. Se provoca dolore o mestruazioni troppo abbondanti che sono mal tollerate dalla paziente vuol dire che altera la normale vita sessuale e quindi va rimossa.

Come viene rimossa la spirale?

Anche per la rimozione, non si può procedere autonomamente, ma occorre rivolgersi al medico. Occorre ricordare che, nei giorni precedenti la rimozione della spirale, in caso di rapporti sessuali è bene utilizzare il preservativo, poiché gli spermatozoi sono in grado di sopravvivere per alcuni giorni nell’apparato riproduttivo femminile e, nel momento in cui il dispositivo viene rimosso, la contraccezione non avviene. La fertilità è normalmente ripristinata dopo la rimozione della spirale.

Come funziona la spirale?

La spirale di rame rilascia ioni rame che impediscono agli spermatozoi di sopravvivere e di muoversi, in modo che anche quelli sopravvissuti non possano entrare nelle tube e fecondare l’ovocita. Inoltre, l’endometrio uterino si modifica rendendosi inospitale per l’impianto di un eventuale embrione.

La spirale ormonale, invece, rilascia piccole quantità di progesterone, rendendo l’endometrio non idoneo all’annidamento dell’ovulo fecondato.

Quali problemi possono insorgere con la spirale?

Con l’inserimento della spirale possono presentarsi alcuni problemi, quali:

  • irregolarità del ciclo mestruale (che possono interessare l’intervallo fra i cicli, la lunghezza delle mestruazioni e la quantità del sanguinamento) o spotting, nei primi tre-sei mesi dall’inserimento dello IUD, ma solitamente la situazione si risolve spontaneamente;
  • infezione nei 20 giorni successivi all’inserimento del dispositivo, e conseguente febbre (per tale ragione, si preferisce prescrivere una terapia antibiotica dopo l’inserimento);
  • espulsione della spirale o spostamento;
  • crampi o fastidi;
  • rischio di gravidanza ectopica, nel caso di fallimento del dispositivo.

Le complicanze sono rare, e si manifestano nell’arco del primo anno di utilizzo. In casi rarissimi il dispositivo può provocare una perforazione dei tessuti, ed è necessario un intervento per rimuoverlo.

Chi può utilizzare la spirale?

La spirale intrauterina può essere utilizzata da donne che cercano un sistema contraccettivo stabile, e per valutare se si è idonee è opportuno richiedere il parere del ginecologo, in quanto esistono alcune condizioni per le quali è sconsigliabile il suo utilizzo:

  • infezioni non trattate, o predisposizione alle infezioni;
  • patologie o affezioni della cervice uterina;
  • sanguinamento vaginale tra i cicli mestruali, o mestruazioni abbondanti;
  • pregressa gravidanza ectopica;
  • aborto recente dopo più di 24 settimane (nel caso in cui l’aborto sia avvenuto prima delle 24 settimane, è possibile inserire l’IUD dopo alcuni giorni);
  • valvole cardiache artificiali;
  • possibile gravidanza in atto.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cerotto anticoncezionale
Il cerotto contraccettivo è un cerotto transdermico applicato sulla pelle che rilascia ormoni sintetici e ormoni progestinici per preveni...
Lavande vaginali
Le lavande vaginali sono un metodo per pulire la vagina dall’interno e possono essere acquistate in farmacia o fatte in casa. Le lavande ...
Pessario
Il pessario è uno strumento da inserire all'interno della vagina per sostenere le sue pareti; viene usato nel caso di prolasso vaginale.