Mascarpone in gravidanza: si può mangiare o no?

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 08 Marzo, 2024

Una ciotola di mascarpone

Il mascarpone in gravidanza si può mangiare oppure no? È vero che presenta dei rischi per la salute del feto o, invece, può essere consumato tranquillamente anche da una donna incinta?

Scopriamolo insieme.

Mascarpone in gravidanza: sì o no?

Quando si aspetta un bambino sono molti i motivi di dubbio, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di mangiare o meno alcuni alimenti.

Esiste, infatti, la possibilità che determinati cibi possano essere rischiosi per la salute del feto, pertanto è consigliabile evitarli per tutti i nove mesi di gestazione.

Il mascarpone rientra fra questi o, invece, può essere inserito nella propria dieta anche se si è incinte?

Il mascarpone è un formaggio fresco cremoso di origine italiana che trova largo impiego nella tradizione culinaria nazionale, infatti rappresenta un ingrediente base di molte preparazioni famosi.

Il tiramisù, ad esempio, è una di queste, tuttavia questo formaggio si presta ad essere consumato anche al naturale.

Si tratta di un prodotto che viene realizzato usando il latte crudo, pertanto esso può costituire un rischio per la possibilità che al suo interno siano presenti dei batteri pericolosi per lo sviluppo del bambino.


Potrebbe interessarti anche:


Il latte crudo che si utilizza per fare il mascarpone, infatti, potrebbe essere potenzialmente nocivo e causare l’insorgenza di infezioni legate alla contaminazione di batteri, come ad esempio la Listeria, l'Escherichia coli, gli stafilococchi e gli streptococchi.

Qualora una donna incinta dovesse contrarre un'infezione batteriologica di questo tipo, può subentrare un rischio molto concreto per il feto in quanto questi agenti patogeni hanno la capacità di oltrepassare la barriera costituita dalla placenta e di provocare problematiche anche molto gravi allo sviluppo del bambino.

Il mascarpone pastorizzato si può mangiare?

Sebbene la ricetta originale del mascarpone preveda l'utilizzo del latte crudo, in realtà i prodotti industriali sono obbligati per legge a usare solo latte pastorizzato.

La pastorizzazione è un processo chimico che, grazie alla cottura ad altissime temperature, fa in modo che tutti i batteri vengano uccisi.

I preparati realizzati con il latte pastorizzato (fra cui, quindi, anche il mascarpone), sono considerati sicuri e possono essere consumati anche dalle donne che aspettano un bambino.

Qualora non si fosse certi dell'origine del mascarpone, e non si fosse a conoscenza del metodo utilizzato per prepararlo, è preferibile non mangiarlo, in quanto potrebbe fungere da veicolo per pericolosi batteri.

La pastorizzazione, invece, che in Italia è obbligatoria per i prodotti confezionati fin dal 1998, prevede il riscaldamento del latte a 72° per circa 20 secondi.

I batteri vengono distrutti già a 65°, pertanto consumare prodotti pastorizzati mette al riparo da possibili complicazioni.

Un tiramisù con il mascarpone

È importante tenere presente, inoltre, le corrette modalità di conservazione del prodotto.

Il mascarpone, anche quello di tipo industriale, va conservato in frigorifero e mangiato entro la data di scadenza indicata dalla confezione.

Da chiuso, questo formaggio si conserva per circa tre settimane, mentre se viene aperto va mangiato molto rapidamente.

Come mangiare il mascarpone in gravidanza

Il mascarpone è un formaggio cremoso che contiene più del 75% di grasso.

Sebbene possa essere consumato anche al naturale, è molto più diffuso come ingrediente da usare all'interno di altre preparazioni, sia dolci che salate.

Ad esempio, trova impiego per realizzare ripieni, dessert, risotti e vellutate, in quanto ha la capacità di aggiungere cremosità e piacevolezza alle ricette.

Se si aspetta un bambino, è possibile mangiare il mascarpone pastorizzato, tuttavia è importante non eccedere con le quantità in quanto si tratta di un alimento estremamente grasso.

Ricco di calorie e, appunto, di lipidi, esso apporta circa 400 kcal per ogni 100 grammi, pertanto il suo consumo può avvenire solo sporadicamente e senza esagerare con le porzioni. 

Mascarpone e tiramisù in gravidanza

Il mascarpone è un ingrediente fondamentale per la preparazione del famoso dessert tiramisù.

Spesso proprio il tiramisù è al centro dei dubbi delle donne incinte, le quali non sanno se possono o meno mangiare questo buonissimo dolce. In realtà i rischi per quanto riguarda il mascarpone presente nel tiramisù sono praticamente nulli, in quanto anche le preparazioni casalinghe prevedono l'utilizzo di mascarpone confezionato.

Basta quindi servirsi del prodotto pastorizzato per evitare ogni possibile rischio.

Il problema sorge, tuttavia, se al mascarpone si abbinano delle uova crude: in questo caso può esserci la concreta possibilità che l'uovo contenga dei batteri (fra cui quello della Salmonella) decisamente pericolosi per il feto.

Per ovviare alle possibili conseguenze negative, è quindi opportuno servirsi solamente di uova già pastorizzate oppure ripiegare su preparazioni industriali. 

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Gravidanza

943 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
icon/chat