Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 7 Piu Importanti Benefici Del Miele

I 7 più importanti benefici del miele

Roberto Pisani | Studente di medicina

Ultimo aggiornamento – 18 Aprile, 2017

I 7 più importanti benefici del miele

Il miele è un alimento gustoso e un ottimo dolcificante naturale prodotto dalle api, che presenta numerosi benefici noti sin dall’antichità. Il miele può rafforzare le difese immunitarie, favorire la digestione e la perdita di peso. Ma ha anche proprietà battericide e questo è, forse, uno degli elementi che ha fatto del miele un importante rimedio naturale.

Cosa è il miele?

Il miele è costituito per il 17% da acqua, mentre la restante parte è costituita da due zuccheri, fruttosio e glucosio, entrambi idrosolubili. Date le sue caratteristiche, si presenta come una sostanza viscosa e gelatinosa, che per la scarsa presenza di acqua costituisce un ambiente sfavorevole allo sviluppo di batteri e altri microrganismi.

Ma non è soltanto lo zucchero a renderlo un ottimo alimento per contrastare le infezioni batteriche; le api infatti aggiungono una sostanza nota come glucosio ossidasi, che porta alla produzione di perossido di idrogeno, che distrugge la parete batterica.

Inoltre, il miele contiene anche una sostanza chiamata defensina 1, che si è rivelata efficace contro le infezioni cutanee.

Tuttavia il miele non è solo un ottimo alleato nel contrasto delle infezioni batteriche, i suoi benefici coprono uno spettro ben più ampio. Vediamoli insieme.

7 benefici del miele

Ecco 7 ragioni per cui gustare un po’ di miele:

  1. Aiuta a prevenire il cancro: per la presenza di flavonoidi e altri antiossidanti, il miele riduce i rischi di cancro e di malattie cardiache.
  2. Riduce le ulcere e gli altri disordini gastrointestinali: grazie alla sua azione antibatterica, il miele è efficace contro ulcere e infezioni gastrointestinali.
  3. Migliora le prestazioni fisiche: sin dall’antichità, gli atleti e i soldati erano soliti mangiare del miele per ottenere risultati migliori nelle gare e in battaglia. Studi recenti confermano tali proprietà, tanto da considerare il miele un’ottima fonte di energia utile a recuperare la forza fisica.
  4. Riduce la tosse e il mal di gola: il miele è un ottimo rimedio naturale contro la tosse e le infezioni delle vie aeree superiori. Un cucchiaino di miele sciolto nel latte caldo è molto più efficace dei comuni farmaci.
  5. Favorisce la guarigione delle ferite: applicare del miele su piccole ferite, ne accelera il fisiologico processo di cicatrizzazione, alla pari dei farmaci tradizionali. Si pensa che questo effetto sia legato alle proprietà battericide del miele.
  6. È un probiotico: alcune varietà di miele si sono dimostrate ricche di batteri che fanno bene alla salute del corpo. Tra questi compaiono alcune varietà di lattobacilli e bifidobatteri, che potrebbero così spiegare i numerosi benefici del miele.
  7. Contrasta l’invecchiamento della pelle: le proprietà battericide del miele sono particolarmente utili per la pelle. Il miele può essere tranquillamente usato per la preparazione di composti simili a creme da applicare sulla pelle.

In quali casi è meglio evitare il miele?

Dati questi benefici, sembrerebbe che il miele sia adatto a tutti. In realtà, pur essendo un ottimo rimedio naturale, è sconsigliabile darlo ai bambini al di sotto dell’anno di vita. Il miele può infatti contenere tracce di spore botuliniche. Il botulino è l’unico batterio presente nel miele e può essere pericoloso per i bambini, il cui sistema immunitario non è ancora del tutto sviluppato.

Inoltre, anche gli adulti devono consumarlo con moderazione dal momento che si tratta di un alimento ricco di zuccheri che potrebbe quindi alterare i livelli di glicemia.

Mostra commenti
La celiachia potrebbe essere provocata da un virus?
La celiachia potrebbe essere provocata da un virus?
Bufale su allattamento e svezzamento: i consigli dei pediatri alle mamme
Bufale su allattamento e svezzamento: i consigli dei pediatri alle mamme
Articoli più letti
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
Come calcolare le settimane di gravidanza
Come calcolare le settimane di gravidanza
Sideremia bassa: come accorgersi? Cosa fare?
Sideremia bassa: come accorgersi? Cosa fare?
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia