Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 8 rimedi naturali per ridurre il colesterolo cattivo

8 rimedi naturali per ridurre il colesterolo cattivo

Ultimo aggiornamento – 31 agosto, 2017

colesterolo alto: i rimedi naturali
Indice

Ricorrere ai rimedi naturali come cure alternative può avere sia dei vantaggi che degli svantaggi. Tra i primi figurano principalmente il fatto che questi sono facilmente accessibili a tutti e acquistabili senza prescrizione medica. Di contro, bisogna sempre tenere a mente che la loro efficacia è relativa e non sostituiscono un farmaco in caso di necessità. Per quanto riguarda il colesterolo alto, alcuni alimenti e alcune erbe naturali possono però realmente aiutarci a ridurne il livello.

Vediamoli insieme:

  1. Le uova

uova e colesterolo

 

Le uova sono sempre state sconsigliate a chi soffre di colesterolo altro, poiché ne incrementerebbero la quantità presente nel nostro sangue. Questo non è del tutto scorretto: esistono due tipi di colesterolo, uno “buono” (HDL) e uno “cattivo” (LDL). Recenti studi hanno dimostrato che le uova contengono colesterolo buono, quindi non dobbiamo eliminarle dalla nostra dieta.

Diana DiMarco, dottorando nel Dipartimento di Scienze Naturali dell’Università del Connecticut, ha completato questo studio clinico e ne ha riportato i risultati.

Ai partecipanti all’indagine è stato chiesto di non mangiare uova per due settimane e, successivamente, di assumere un uovo al giorno per 4 settimane. Gli esami del sangue hanno testato HDL e LDL, trigliceridi, glucosio, gli antiossidanti luteina e zeaxantina, colina libera e TMAO (trimilammina-N-ossido), un metabolita che deriva dai batteri intestinali. È stata monitorata anche la pressione sanguigna.

I risultati hanno dimostrato che le uova non aumentano il livello generale di colesterolo nel sangue: le concentrazioni di LDL sono leggermente diminutite, compensate da un incremento del HDL.

Quindi, se avete il colesterolo alto, mangiare le uova può aiutarvi a sostituire il vostro colesterolo cattivo con quello considerato buono.

  1. Astragalo

Astragalo: effetti sui trigliceridi

L’astragalo è un’erba usata nella medicina tradizionale cinese per rinforzare il sistema immunitario, grazie alle sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. Può avere benefici anche per il cuore, anche se ancora non si sa bene che tipo di impatto abbia sui livelli di colesterolo.

  1. Biancospino

biancospino: i benefici

Il biancospino è un arbusto legato alla rosa, le cui bacche, foglie e fiori vengono utilizzati per problemi cardiaci sin dai tempi dell’Imepro Romano.

Alcuni studi hanno riscontrato in questa pianta delle proprietà che la renderebbero un trattamento efficace per le forme più lievi di insufficienza cardiaca. Tuttavia, i risultati della ricerca sono contrastanti e non esistono abbastanza prove scientifiche che dimostrino l’efficacia del biancospino anche per altri problemi cardiaci.

  1. Semi di lino

semi di lino e colesterolo

Sia l’olio di lino che i suoi semi contengono alti livelli di acido alfa-linoleico (ALA), un acido grasso omega-3 che può contibuire a ridurre il rischio di malattie cardiache.

Alcuni studi suggeriscono che i semi di lino possano contribuire a ridurre il colesterolo, in particolare tra le persone con alti livelli di LDL e le donne in post-menopausa.

  1. Pesce con omega-3

omega 3: benefici

Gli acidi grassi omega-3 si trovano anche in oli di pesce e nel pesce stesso. Salmone, tonno, trota di lago, aringhe, sardine e altri pesci grassi sono la fonte principale di omega-3. Secondo gli esperti, questo tipo di acidi grassi ridurrebbe il rischio di malattie cardiache e la probabilità di infarto.

  1. Aglio

aglio e colesterolo

L’aglio è utilizzato, oltre che in cucina, anche in medicina da migliaia di anni. Alcune ricerche suggeriscono che l’aglio può aiutare a ridurre la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo, e a rallentare il processo di aterosclerosi.

Tuttavia, anche in questo caso come con molte terapie alternative, gli studi hanno dato risultati contrastanti. Secondo alcuni, l’aglio avrebbe effetto sul colesterolo a breve termine, ma non se assunto per lunghi periodi di tempo.

  1. Lievito di riso rosso

riso rosso: gli effetti sul colesterolo

Il lievito di riso rosso viene usato nella medicina tradizionale cinese e contiene notevoli quantità di monacolina k, una sostanza identica al principio attivo che agisce nei farmaci ipocolesterolemizzanti. Quindi il lievito di riso rosso aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

Bisogna però fare attenzione perché in alcuni casi può essere presente della citrina, un contaminante che può causare insufficienza renale.

  1. Stanoli e steroli vegetali

steroli e colesterolo

Gli steroli e gli stanoli vegetali sono sostanche che si trovano in molti frutti, nella verdura, nei semi, nei cereali e in alcune piante.

Una ricerca suggerisce che steroli e stanoli vegetali possono contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache. Questi aiutano a evitare che l’intestino tenue assorba il colesterolo, abbasando il livello di LDL nel sangue.

Insomma, è bene rimpinzarci di queste sostanze, per mantenere il colesterolo in salute. Avete già provato qualcosa?

Mostra commenti
Perché le bambine credono che i maschi siano più intelligenti
Perché le bambine credono che i maschi siano più intelligenti
15.000 passi al giorno: il nuovo obiettivo da fissarsi per mantenersi in forma
15.000 passi al giorno: il nuovo obiettivo da fissarsi per mantenersi in forma
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?