Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Alcolismo dopo i 50 anni: un fenomeno in crescita

Alcolismo dopo i 50 anni: un fenomeno in crescita

Ultimo aggiornamento – 06 agosto, 2015

Secondo uno studio condotto dal professor José Iparraguirre, che si occupa di ricerche sull’età nel Regno Unito, le persone di mezza età, in buona salute, con un titolo di studio elevato, un maggior reddito e buoni rapporti sociali, sono quelle più a rischio di un consumo di alcol eccessivo. I loro coetanei di minor successo hanno un rischio minore.

L’indagine, condotta in Inghilterra e pubblicata sulla rivista BMJ Open, dimostra come la propensione al consumo di alcool delle persone over 50 sia un problema sanitario molto concreto, seppur nascosto.

I ricercatori, infatti, sostengono che sarebbe opportuno sviluppare una guida per il consumo di alcool per questa fascia di popolazione.

Il punto di partenza

Il team di ricercatori è partito da dati molto chiari: circa 16,6 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un disturbo dall’uso di alcol. Ogni anno, più di 88.000 americani muoiono per questi motivi, rendendo il consumo di alcol la terza principale causa evitabile di morte negli Stati Uniti.

Lo studio

Il consumo eccessivo di alcool è stato valutato come 22-50 unità settimanali per gli uomini e 15-35 unità per le donne. Un consumo superiore alle 50 unità settimanali per gli uomini e alle 35 unità settimanali per le donne è stato considerato comportamento ad alto rischio.

Mediante un sondaggio è stato chiesto ai volontari di rispondere non solo circa il loro consumo di alcool, ma anche su fattori che possono influenzare le loro abitudini di consumo:

  • stato civile
  • responsabilità che si trovano a gestire
  • il livello di istruzione
  • se sono o meno fumatori
  • la dieta che seguono
  • i livelli di attività fisica
  • la solitudine o la depressione
  • lo stato occupazionale e l’impegno sociale

I risultati

Lo studio ha scoperto che il rischio di abuso maggiore è intorno ai 60 anni per gli uomini, mentre nelle donne diminuisce con l’età. Un reddito elevato è associato a un rischio crescente per il sesso femminile, mentre il fumo, grado di istruzione alto e buona salute generale comportano un aumento del rischio per entrambi i sessi.

Coloro che seguono una dieta sana sono tendenzialmente meno inclini al consumo di bevande alcoliche.

Il professore Iparraguirre ha quindi concluso, sulla base dei risultati ottenuti, che il consumo nocivo di alcool dopo i 50 anni sia tipicamente un “fenomeno della classe media” e che le persone ricche e di successo siano quelle più predisposte al rischio di abuso da alcool.

Mostra commenti
Come vivere al meglio la propria età
Come vivere al meglio la propria età
Dagli USA un nuovo farmaco contro il colesterolo
Dagli USA un nuovo farmaco contro il colesterolo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Il frutto che fa bene al fegato e alla vista? È piccolo e arancione
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Convulsioni o crisi epilettiche? Impariamo a distinguerle
Come favorire la digestione
Come favorire la digestione
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?
Quali cibi prevengono la formazione dell’emicrania?