Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’asciugamani elettrico Dyson è una fonte di batteri!

L’asciugamani elettrico Dyson è una fonte di batteri!

Ultimo aggiornamento – 22 aprile, 2016

Indice

Ormai lo troviamo nella maggior parte dei bagni pubblici che frequentiamo, tra ristoranti, stazioni, aeroporti, uffici e così via.

Stiamo parlando dell’asciugamani elettrico Dyson, che prende il nome dal suo inventore: James Dyson.

Asciugamani elettrico Dyson: allarme della scienza sulla diffusione di germi!

Bene, secondo una ricerca, condotta dall’Università di Westminster e pubblicata sul Journal of Applied Microbiology, questo asciugamani diffonde 1300 volte più germi rispetto alla carta e 60 volte più degli altri asciugamani elettrici.

Gli autori della ricerca ritengono che sia fondamentale prestare attenzione a questi dati per evitare l’aumento di germi in determinati ambienti, come, ad esempio, ristoranti o ospedali.

James Dyson ha risposto alle “accuse”, dichiarando che sono dei tentativi delle industrie che producono salviette di carta, di creare allarmismi. Dyson ha, inoltre, citato altre ricerche che dichiarano che gli asciugamani elettrici sono igienici tanto quanto le salviette di carte.

I batteri presenti nei bagni pubblici

Che questi dati siano reali o no, la certezza è che i bagni pubblici sono tra i luoghi in cui è più semplice prendere infezioni, a causa dell’enorme quantità di germi presenti.

Lo sappiamo bene e, infatti, li utilizziamo soltanto se non vi sono altre soluzioni e cercando di prendere tutte le precauzioni possibili.

A confermare i nostri timori, ci ha pensato uno studio, condotto da Gliberto Flores e Noah Fierer dell’Università del Colorado e pubblicato sulla rivista PLoS One, che ha analizzato tutti i batteri presenti nei bagni pubblici.

I ricercatori hanno “studiato” 12 bagni pubblici e hanno stilato la lista dei batteri presenti.

Attenendosi alla ricerca, i germi presenti nei bagni si trovano su:

  • pavimenti: sono, per lo più, batteri derivanti dalla strada e trasmessi dalle nostre scarpe;
  • water: contiene tantissimi microrganismi, derivanti da feci e urine. La quantità maggiore di batteri derivanti dalle urine è risultata presente nei bagni femminili;
  • rubinetti;
  • maniglie.

La pelle è risultata essere il principale veicolo di trasmissione dei batteri, come enterobatteri o Stafilococco aureo.

Piccole precauzioni

Certo, tutto è peggiorato dalla scarsa efficienza delle pulizie dei bagni, ma è comunque molto difficile riuscire a igienizzare al massimo bagni frequentati da migliaia di persone al giorno. E, inoltre, considerato che trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate fuori casa, non possiamo neanche evitare di usufruirne.

Cosa fare allora? Basta prendere delle piccole precauzioni per evitare di essere colpiti da infezioni.

Ad esempio, evitare di appoggiarsi sul water, lavare bene le mani, magari con detergenti antibatterici, non toccare maniglie, rubinetti e superfici varie dopo aver lavato le mani, sono piccoli gesti che ci permettono di evitare una grande diffusione di batteri!

Non lasciamo che l’ossessione per i germi diventi patologica, ma contribuiamo a diffondere piccole abitudini che possono migliorare le pratiche igieniche!

Mostra commenti
Dedicata a Rita Levi Montalcini la prima Giornata nazionale per la salute della donna
Dedicata a Rita Levi Montalcini la prima Giornata nazionale per la salute della donna
Perché alcune persone hanno le lentiggini e come combatterle
Perché alcune persone hanno le lentiggini e come combatterle
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione