Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Bambini pigri oggi, adulti con patologie cardiache domani

Bambini pigri oggi, adulti con patologie cardiache domani

Ultimo aggiornamento – 07 ottobre, 2015

Indice

Secondo uno studio recente, il primo che analizza gli effetti della sedentarietà sui giovanissimi, obbligare i bambini a stare seduti potrebbe essere un messaggio controproducente. Lunghi periodi di inattività possono causare gravi problemi di circolazione anche nei più piccoli, aumentando il rischio di sviluppare malattie cardiache in futuro.

Come si è svolto lo studio?

I ricercatori hanno lavorato su un campione molto semplice, misurando la circolazione sanguigna nelle gambe di bambine tra i 7 e i 10 anni, prima e dopo tre ore passate stando sedute, guardando film e giocando con gli iPad. Lo studio prevedeva anche la misurazione dei cambiamenti della circolazione in una situazione diversa: tre ore di inattività intervallate da dieci minuti di esercizi fisici, ogni 60 minuti.

Cosa è stato scoperto?

I risultati sono stati chiari sin da subito. Dopo una sessione di totale inattività, la flessibilità dell’arteria nella coscia era diminuita del 33%, lo stesso risultato ottenuto in uno studio simile negli adulti. Per contro, non è stata osservata nessuna differenza di flessibilità dopo la sessione intervallata dagli esercizi fisici. Alison McManus, capo dell’indagine e professore associato di fisiologia pediatrica alla University of British Columbia, ha affermato che nessuno si aspettava dei risultati così lampanti, perché si pensava che i bambini fossero più resistenti alla vita sedentaria.

Perché sono importanti i risultati ottenuti?

Secondo lo studio, l’irrigidimento dell’arteria della coscia potrebbe aumentare il rischio di problemi cardiovascolari del 25%, almeno fino al recupero della flessibilità. Infatti, sembra che l’arteria ritorni ad essere flessibile molto velocemente, così come la circolazione sanguigna. Tuttavia, le arterie possono perdere la loro flessibilità, se lo stile di vita permane inattivo e sedentario per molto tempo, causando infarti e ictus in futuro.

Sono stati eseguiti studi simili sugli adulti?

Alcune ricerche più ampie, sugli adulti, hanno dimostrato che uno stile di vita sedentario potrebbe aumentare i livelli di zuccheri e di colesterolo nel sangue, aumentando il rischio di insorgenza di obesità, malattie cardiache e morti premature.

Cosa consigliano gli esperti?

La ricerca ha messo in evidenza che i bambini non sono poi così differenti dagli adulti, in termini fisiologici. Infatti, lo stare seduto comprime i vasi sanguigni sia nei giovani che negli anziani. Lo studio ha tuttavia reso evidente che, per contrastare lo stile di vita sedentario, sempre più diffuso, e apportare dei benefici al corpo, basterebbero dieci minuti di esercizio fisico ogni mezzora, per mantenere ossa e muscoli sempre sani.

Le istituzioni possono intervenire?

Gli insegnanti e la scuola potrebbero aiutare a contrastare la sedentarietà facendo alzare in piedi i bambini ogni mezzora o ogni ora, mentre i genitori devono stare attenti a non far passare troppo tempo i bambini davanti alla televisione o al computer o a qualunque dispositivo che li faccia stare semplicemente seduti.

Mostra commenti
Pensava di parlare con spiriti maligni, ma aveva un ragno nell’orecchio
Pensava di parlare con spiriti maligni, ma aveva un ragno nell’orecchio
Gravidanza isterica: ecco i sintomi
Gravidanza isterica: ecco i sintomi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Sclerosi multipla: la qualità di vita e le speranze per i pazienti colpiti
Sclerosi multipla: la qualità di vita e le speranze per i pazienti colpiti
La dieta da seguire in caso di pancreatite
La dieta da seguire in caso di pancreatite
Giornata Mondiale delle Malattie Rare: riflettori puntati su ciò che non si conosce
Giornata Mondiale delle Malattie Rare: riflettori puntati su ciò che non si conosce
Cannabis e adolescenti: esistono rischi a lungo termine?
Cannabis e adolescenti: esistono rischi a lungo termine?