Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Blu: il colore per combattere la malattia del sonno

Blu: il colore per combattere la malattia del sonno

Ultimo aggiornamento – 10 Luglio, 2015

Gli scienziati che stanno cercando di debellare l’insetto che diffonde la malattia del sonno nell’Africa sub-sahariana hanno scoperto che la mosca tse-tse ha un debole per il colore azzurro e questa potrebbe essere la chiave per far scomparire la malattia.

Le acque del fiume Anyau, nel nord dell’Uganda, appaiono belle nel sole del pomeriggio, mentre i bambini giocano a riva, ma agiscono anche come un terreno fertile per la piccola mosca che diffonde la malattia mortale.

Lungo le rive del fiume, ogni 50 metri circa, si vedono piccoli pezzi rettangolari di materiale blu attaccati ai pali di legno nel terreno, che contrastano con il verde circostante. Queste sono trappole insetticida per le mosche tse-tse  e, negli ultimi sei mesi, 35.000 di queste sono state messe lungo gli argini nella regione del nord Uganda e lungo il Nilo occidentale, come parte di un progetto sviluppato dai ricercatori della Liverpool School of Tropical Medicine.

L’obiettivo è quello di ridurre il numero di mosche tse-tse.

Sensazione di debolezza

Se la malattia non viene individuata e trattata presto – cosa che è difficile perché i segni non sono immediatamente evidenti – allora diventa spesso fatale.

Mark Ojoma, padre di sei figli, che vive in riva al fiume a Arua, tempo fa si rese conto che di essere stato colpito appena in tempo. “Avevo mal di testa, gonfiore delle articolazioni e il mio peso corporeo era diminuito. Mi sentivo debole e dormivo tanto. Anche durante il giorno mi capitava di dormire“.

Mark è stato fortunato ed è sopravvissuto, ma molti non hanno avuto la stessa fortuna.

Al culmine della più recente epidemia africana negli anni Novanta, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che circa 300mila persone siano state infettate ogni anno. La maggior parte di loro sono morti perché pochi sono stati diagnosticati e curati.

Di conseguenza, l’OMS ha fatto della malattia del sonno, o tripanosomiasi umana africana, una priorità di salute pubblica come una delle 17 malattie tropicali trascurate. Nel 2009, i casi di malattia del sonno sono scesi al di sotto di 10.000 per la prima volta in 50 anni – e il calo continua fino ad oggi.

Puntare al blu

Il prof. Mike Lehane, capo progetto della Scuola di Medicina Tropicale di Liverpool, che sta lavorando anche con i ricercatori francesi di Montpellier, dice che le trappole blu “sono l’occasione per liberarsi della malattia, un problema di salute pubblica per la popolazione“.

Il suo collega, il dottor Richard Selby, dice che il nuovo metodo di lotta contro la malattia, andando a cercare la mosca tse-tse vicino ai fiumi, laghi e paludi costa poco ed è efficace. “Le mosche sono attratte dal materiale blu, volano intorno e atterrano su una rete nera che non possono vedere e che è collegata al materiale blu. La parte blu è coperta da insetticidi, quindi raccolgono le sostanze chimiche, volano via e muoiono entro tre minuti”.

Un monitoraggio precoce sul successo delle trappole suggerisce che stanno avendo un “impatto enorme“, dice il dottor Selby, “riducendo la presenza di circa il 90%”. Questo è possibile perché la mosca tse-tse è molto sensibile all’insetticida e si riproduce molto lentamente, producendo un solo insetto ogni nove giorni.

Le zanzare, al contrario, producono centinaia di uova e nuovi insetti nello stesso lasso di tempo. La cosa più impegnativa è raggiungere i luoghi in cui le mosche vivono, perché tendono a essere remoti e di difficile accesso. Ma sono le comunità rurali dell’Africa sub-sahariana, che dipendono da agricoltura, pesca e caccia, che sono più a rischio per la malattia.

‘Lavato via’

Nel nord Uganda, il dottor Selby dice che la gente locale ha appoggiato l’idea delle trappole azzurre, permettendo al team di ricerca di ricevere l’aiuto dei funzionari del governo locale per piazzarle. Questo significa che il team del progetto può iniziare a fare un passo indietro e lasciare che le squadre locali gestiscano la lotta alla mosca tse-tse. Le trappole non dureranno per sempre, però. “Se posizionate bene, dureranno circa cinque mesi. Visto che hanno bisogno di essere posizionate in prossimità dell’acqua, di solito i prodotti chimici sono lavati via durante le forti piogge. Quindi dobbiamo metterle nuovamente durante la stagione secca“.

A pochi chilometri da Arua, in Omugu, la squadra di Liverpool ha testato il sangue degli abitanti dei villaggi per valutare con precisione l’attuale scala di malattia del sonno e faranno di nuovo gli stessi test tra 18 mesi per vedere quanto efficaci le trappole siano state. Trovare la presenza del parassita nel sangue è difficile nelle fasi iniziali della malattia.

Ma se  la malattia è lasciata sviluppare, il parassita si moltiplicherà e arriverà nel cervello per infettare il sistema nervoso centrale, causando: confusione, cambiamenti nel comportamento e disturbi nei ritmi del sonno. A questo punto, in assenza di trattamento, la malattia del sonno normalmente termina con la morte.

Altri obiettivi

Un nuovo farmaco per il trattamento della malattia del sonno è in sviluppo e visto che viene assunto per via orale piuttosto che per via endovenosa, è molto promettente e dovrebbe salvare diverse vite umane.

La combinazione di screening e il trattamento per il controllo della popolazione della mosca sembra essere il modo migliore per cercare di eliminare la malattia e il team inglese ha in programma di istituire progetti simili in altri paesi subsahariani.

Con il finanziamento da parte della Fondazione Bill & Melinda Gates si vogliono mettere le trappole blu in Kenya, Ciad, Tanzania, Repubblica Democratica del Congo e la Guinea.

Ci sono molte mosche tse tse da uccidere nelle località più remote prima che la malattia possa davvero essere eliminata per bene, ma le trappole blu sono la speranza che un malattia tropicale trascurata possa essere controllata una volta per tutte.

 

Mostra commenti
La caffeina: una soluzione contro lo stress
La caffeina: una soluzione contro lo stress
Bibite zuccherate: ecco perché evitarle
Bibite zuccherate: ecco perché evitarle
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia