Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Cellule Fetali Nel Cervello Per Combattere Parkinson

Cellule fetali nel cervello per combattere il Parkinson

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 01 Giugno, 2015

Cellule fetali nel cervello per combattere il Parkinson

Diverse sono le strade intraprese dalla scienza per individuare la più efficace soluzione terapeutica per la cura del morbo di Parkinson. Tra queste, una possibile direzione pare possa essere rappresentata dall’iniezione di cellule cerebrali fetali nel cervello dei pazienti.

Lo studio

La notizia arriva dall’Università di Cambridge, dove un uomo di 55 anni ha ricevuto il trattamento sperimentale, con l’obiettivo di consentirgli un recupero delle funzionalità motorie. Lo studio, pubblicato sul giornale New Scientist, riprende un protocollo sperimentato 28 anni fa in Svezia, senza un apparente successo.

La ragione del fallimento del trattamento è stata però chiarita. Alle cellule fetali, infatti, occorrono diversi anni per agire nel cervello del ricevente. Molti pazienti che si erano sottoposti alla cura, infatti, sono migliorati dopo 3 anni.

Come agiscono le cellule fetali?

Le cellule fetali iniettate, a poco a poco cominciano a produrre dopamina, che abbassa la presenza del morbo. Il paziente in cura, presso l’ospedale Addenbrooke di Cambridge dallo scorso 18 maggio, non è stato però ancora trattato in maniera completa, mancando le cellule fatali, che devono essere donate dalle donne alla fine della gravidanza.

Servono, infatti, almeno le cellule di 3 feti per un solo cervello da trattare. La speranza, ora, è di poter concludere quanto prima la terapia iniziata per valutare i miglioramenti delle condizioni del paziente nel tempo. Gli scienziati ricordano, infatti, che i benefici massimi sono previsti tra 3-5 anni con una durata di un decennio. Diciannove è il numero dei prossimi pazienti che si sottoporranno alla cura in via sperimentale.

Mostra commenti
Un pesce di ferro per combattere l’anemia
Un pesce di ferro per combattere l’anemia
Igiene intima femminile: lavarsi spesso fa male
Igiene intima femminile: lavarsi spesso fa male
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Cosa mangiare quando si soffre di bradicardia
Cosa mangiare quando si soffre di bradicardia
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla