Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Cellulite: come scegliere il trattamento più efficace

Cellulite: come scegliere il trattamento più efficace

Ultimo aggiornamento – 06 maggio, 2021

Cellulite: come Trattarla
Indice

SOS cellulite? Non sentitevi sole! Con l’arrivo dell’estate, infatti, moltissime fanno i conti con questo antiestetico problema cutaneo che, ahimè, colpisce 9 donne su 10.

Già, i dati parlano chiaro: durante periodi particolari della vita di una donna – come i mesi della gravidanza o dopo la menopausa – si è maggiormente soggette alla comparsa della cellulite (o della pelle a “buccia d’arancia”) generata da un accumulo eccessivo di liquidi sotto la cute, che alterano il tessuto ricco di grasso (il pannicolo) e provocano uno squilibrio del sistema venoso e linfatico, con un conseguente rallentamento del flusso sanguigno.

Ed è così che cosce, fianchi e glutei diventano le zone critiche contro cui combattere e non solo per chi ha qualche chilo in più. La cellulite, infatti, si manifesta anche nelle persone in peso-forma o magre (addirittura!), proprio perché legata a un ristagno dei liquidi e dei materiali di scarto per la cattiva circolazione venosa e linfatica. Certo è che se l’ago della bilancia sale non aiuta di certo!

L’eccesso di cellule adipose compromette l’elasticità della pelle: le fibre di collagene si comprimono e si rompono, rendendo visibili i famosi cuscinetti.

Altri fattori di rischio? Non solo il peso, ma anche la familiarità, gli ormoni, la cattiva abitudine a indossare indumenti stretti, il fumo, l’eccessivo consumo di alcol e la sedentarietà.

Come fare a contrastare la comparsa della cellulite e a ridurne l’evidenza?

Per prima cosa, mai piangersi addosso! La cellulite è un disturbo che può e deve essere trattato. In che modo? Seguendo qualche semplice consiglio e modificando – in meglio! – il proprio stile di vita.

Partiamo con ordine, iniziando con l’alimentazione. La prima domanda da porsi è “bevo abbastanza”? L’idratazione è un elemento chiave; almeno due litri di acqua al giorno sono importanti per consentire una corretta eliminazione delle tossine. Anche il tè verde ha effetti benefici, limitando l’assorbimento dei grassi e dei glucidi e contrastando così la ritenzione idrica.

Gli alimenti e le sostanze amici del proprio corpo? Il pesce, ricco di Omega 3 ad azione antinfiammatoria; il potassio che favorisce il drenaggio linfatico e consente di decongestionare il tessuto adiposo. Ancora, i cibi integrali che assorbono le tossine e danno un senso di sazietà. La vitamina C che rinforza le pareti dei vasi sanguigni e, non ultima, la vitamina P (frutti rossi) che migliora la circolazione.

Secondo punto da considerare è poi lo sport. Il nuoto è sicuramente l’attività fisica più completa. Aiuta a tonificare e ha un’azione benefica sulla circolazione. Per chi non è amante delle piscine, una buona alternativa è rappresentata da: camminata veloce, kickboxing e jumping fitness. Come sceglierli? A seconda delle proprie inclinazioni e del tempo a disposizione. Il consiglio è di svolgere una attività divertente che migliori anche l’umore e renda la lotta alla cellulite un buon modo per prendersi cura di sé.

I prodotti anticellulite

Arriviamo, poi, alla scelta più ardua: quella che ci mette difronte a una serie di prodotti – cosmetici o farmaceutici – da selezionare.

Vista la difficoltà della selezione, il primo interrogativo da porsi (e porre a uno specialista) è quella relativa alla gravità del disturbo. I prodotti cosmetici, infatti, sono spesso in grado di agire sull’inestetismo (sempre se combinati a uno stile di vita più sano e dinamico), ma non vanno al cuore del disturbo.

E’ per questa ragione che una figura esperta potrà consigliare l’utilizzo di prodotti farmaceutici, in grado di lavorare non solo sugli effetti, ma anche – e soprattutto – sulle cause.

La loro azione è molteplice:

  • Potenziano i capillari, rendendoli meno permeabili e limitando la fuoriuscita dei “liquidi” dal plasma.
  • Migliorano la circolazione sanguigna.
  • Accelerano l’azione di drenaggio dei liquidi in eccesso.
  • Diminuiscono l’infiammazione dei tessuti.
  • Riducono lo stress ossidativo.

I prodotti da farmacia e i prodotti topici ad azione mirata possono includere:

  • ormoni tiroidei: attivano il processo di combustione dei grassi e riducono la produzione di fibre che determinano l’aspetto a buccia d’arancia. La loro sicurezza (anche per chi soffre di patologie alla tiroide) è stata dimostrata da molti studi clinici.
  • molecole lipolitiche: favorendo l’eliminazione dei grassi dal tessuto adiposo;
  • iodio: molecole simili agli ormoni tiroidei che velocizzano il metabolismo cellulare e la mobilizzazione dei grassi;
  • polifenoli e altri antiossidanti, per contrastare lo stress ossidativo e l’infiammazione.

I prodotti anticellulite: saper leggere l’INCI…

Insomma, tanta, tantissima attenzione alla scelta del prodotto giusto. Per questa ragione, saper leggere l’INCI di una crema, gel o olio – ma non solo! – può fare la differenza.

Cosa è l’INCI? Snocciolando la sigla si ha: International Nomenclature of Cosmetic Ingredients.

Si tratta, dunque, di un vero e proprio elenco degli ingredienti di un cosmetico. Dal 1997 è stato introdotto in Europa per “identificare le sostanze con la stessa denominazione in tutti gli Stati membri e permettere ai consumatori di riconoscere facilmente le sostanze che è stato loro consigliato di evitare (ad esempio a causa di allergie), indipendentemente dal luogo in cui il prodotto viene acquistato nell’Unione europea”.

L’elenco è in ordine di “peso”. Il primo ingrediente è quello maggiormente presente. Alla fine, però, ingredienti in quantità inferiore all’1% sono in ordine sparso.

La nomenclatura? E’ bene sapere che i nomi sono in inglese; le scritte in latino fanno riferimento ai componenti vegetali. I composti aromatizzati sono riportati, solitamente, con nomi generici “parfum”. I coloranti artificiali seguono la lista internazionale nota come Colour Index International con sigla CI seguita da un codice numerico di 5 cifre. Si trovano quasi sempre alla fine dell’INCI.

Infine, gli ingredienti naturali derivati da agricoltura biologica sono segnati con un asterisco (*).

Concludendo…

Una volta ben chiari tutti gli aspetti, la scelta dello sport, della dieta migliore e del prodotto giusto sarà certamente più semplice! Non esitate a parlarne al vostro medico di fiducia o al farmacista, che sapranno darvi i consigli mirati per il raggiungimento dei vostri obiettivi.

Infine, non demordete. I risultati si fanno evidenti solo grazie alla costanza, ripetendo senza timori di controindicazioni il trattamento che fa al caso vostro, ricordando sempre che la cellulite è un disturbo e, per questa ragione, come tale non va sottovalutato.

Se non lo avete già fatto, iniziate subito: prendervi cura del vostro corpo farà bene anche allo spirito. Provare per credere!

Mostra commenti
Caduta dei capelli durante la chemio: impatto emotivo e gestione pratica
Caduta dei capelli durante la chemio: impatto emotivo e gestione pratica
L’olfatto sta calando? Di certo, non è un buon segno
L’olfatto sta calando? Di certo, non è un buon segno
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Perché chi ha il diabete dovrebbe fare colazione (molto) presto
Perché chi ha il diabete dovrebbe fare colazione (molto) presto
In estate, proteggi la pelle con l’alimentazione!
In estate, proteggi la pelle con l’alimentazione!
Aviazione e gestione del rischio in ambito sanitario: cosa c’entrano?
Aviazione e gestione del rischio in ambito sanitario: cosa c’entrano?
Perché la Vitamina C è davvero fondamentale dopo i 50 anni
Perché la Vitamina C è davvero fondamentale dopo i 50 anni