Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Fai attività fisica? Forse anche a te serve il certificato medico sportivo!

Fai attività fisica? Forse anche a te serve il certificato medico sportivo!

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Certificato medico sportivo: chi e quando richiederlo
Indice

A cura di sanita_informazione

Il certificato rilasciato dal medico per poter praticare attività sportive è da sempre richiesto da palestre e piscine. Ma il certificato medico sportivo è obbligatorio? E per quali attività sportive è richiesto? È gratuito o a pagamento? Chi può rilasciarlo? In particolare, quali sono le certificazioni richieste a minori e persone disabili? Cerchiamo di rispondere a queste domande e fare quindi chiarezza su un tema oggetto spesso di dubbi e domande.

Il certificato per praticare attività sportiva è obbligatorio?

Se si pratica attività sportiva presso società o centri sportivi non affiliati al Coni e non si svolgono attività parascolastiche, il certificato medico sportivo non è obbligatorio.

Il certificato è tuttavia richiesto agli alunni che svolgono attività fisico-sportive parascolastiche, organizzate cioè dalle scuole e al di fuori dall’orario di lezione; agli atleti non agonisti che fanno sport presso società affiliate alle Federazioni sportive nazionali e al Coni; a chi partecipa ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.

Sono inoltre obbligatori i certificati medici per poter praticare attività sportive agonistiche, attività che richiedono un particolare ed elevato impegno cardiovascolare (gare podistiche di lunghezza superiore ai 20 Km, gran fondo di ciclismo, di nuoto, di sci di fondo o altre tipologie analoghe) e attività agonistiche praticate da persone disabili.

Il certificato è invece facoltativo e non obbligatorio per poter svolgere attività ludiche e amatoriali; tuttavia la certificazione viene comunque spesso richiesta da parte di palestre o altri impianti a fini assicurativi.

Chi può rilasciare il certificato medico sportivo?

Il certificato medico per attività non agonistiche può essere rilasciato dal proprio medico di famiglia, dal pediatra del minore, da un medico specialista in medicina dello sport o dai medici della Federazione medico-sportiva italiana del Coni.

Il certificato per attività ludiche e amatoriali può essere invece rilasciato da tutti i medici iscritti all’Ordine.

Che validità ha il certificato e quali sono gli esami che vengono effettuati per il rilascio?

Certificato medico sportivo: tutto quello che c'è da sapere

Il certificato medico sportivo  ha validità annuale con decorrenza dalla data di rilascio. Gli esami sono diversi in base all’attività sportiva che si intende praticare e in base alla tipologia di certificato necessaria.

In generale, il medico richiederà l’anamnesi del paziente, gli misurerà la pressione ed effettuerà un elettrocardiogramma.

A coloro che soffrono di patologie in grado di comportare un maggior rischio cardiovascolare verrà richiesto un elettrocardiogramma basale refertato ogni anno e, in ogni caso, il medico certificatore, qualora lo ritenga necessario, può richiedere esami e visite diagnostiche più approfondite.

La certificazione per svolgere attività sportive di particolare ed elevato impegno cardiovascolare avverrà dopo la rilevazione della pressione arteriosa, l’ecg basale, step test o un test ergometrico con monitoraggio dell’attività cardiaca e altri eventuali accertamenti ritenuti utili.

Qual è il costo del certificato medico sportivo?

I certificati sono gratuiti per minori e disabili, nelle strutture pubbliche e private accreditate secondo le varie norme regionali. Per gli adulti non disabili, invece, il certificato di attività sportiva non agonistica costa circa 40 euro.

Quanto sono importanti queste certificazioni?

Oltre ad evidenziare eventuali incompatibilità con lo sport specifico che si intende praticare, i certificati per attività sportive sono anche validi strumenti di prevenzione, essendo degli screening efficaci, soprattutto per i giovani, che potrebbero evidenziare la presenza di piccole patologie allo stato iniziale e quindi permettere una diagnosi, un intervento e una terapia precoci e maggiormente efficaci.

Mostra commenti
Dall’Italia una speranza per rallentare la SLA
Dall’Italia una speranza per rallentare la SLA
Cosa accade quando la pressione si abbassa? 10 consigli per evitare uno svenimento
Cosa accade quando la pressione si abbassa? 10 consigli per evitare uno svenimento
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La dieta per prevenire l’osteoporosi
La dieta per prevenire l’osteoporosi
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Interventi agli occhi per la correzione dei disturbi visivi: le innovazioni terapeutiche
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Fibrosi cistica: una nuova cura tutta italiana
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi