Come aumentare le proprie difese immunitarie

Come aumentare le proprie difese immunitarie

L’inverno è in arrivo e, purtroppo, sul susseguirsi delle stagioni non abbiamo alcuna possibilità di intervento. Ciò, però, non significa arrendersi a influenza, raffreddori, bronchiti e tosse cronica.

Certo, possiamo sempre correre ai ripari con medicinali e farmaci da banco.

Ma, in realtà, si potrebbe cercare di prevenire i malanni stagionali, rafforzando le proprie difese immunitarie, impedendo a virus e batteri di avere – ancora una volta! – la meglio su di noi. Come fare? Eccolo spiegato.

Difese immunitarie: i rimedi naturali per rafforzarle

Il cibo si conquista il primo posto sul podio nell’esercitare un’azione benefica contro i malanni di stagione.

Questo perché il 70% del nostro sistema immunitario si trova nell’intestino. Più è in equilibrio, più è in grado di supportare le difese dell’organismo, nei bambini così come negli adulti. Attenti, non si tratta solo di consumare arance e miele.

Vediamo insieme gli alimenti amici delle nostre difese…:

  1. Patate dolci – In padella o al forno, fate il pieno di patate, ricche di beta-carotene, un precursore delle vitamina A. Questa sostanza si è rivelata fondamentale nel difenderci dagli starnuti invernali, perché stimola lo sviluppo del sistema immunitario, oltre a neutralizzare le sostanze nocive. Se le patate fossero state bandite dalla vostra dieta, optate per le carote, le zucche o i tuorli d’uovo, altrettanto efficaci e ricchi di beta-carotene.
  2. Tè verde – Concedetevi una tazza di tè verde al mattino e, magari, anche per accompagnare lo spuntino di metà giornata. È ricco di antiossidanti, che sappiamo essere attivi nella protezione dalle infiammazioni. Sono numerosi gli studi, condotti perlopiù oltreoceano, che affermano che le epigallocatechin gallate (EGCG), contenute nelle foglie di tè, abbiano la capacità di stimolare la formazione delle cellule T, potenziando dunque le barriere immunitarie.
  3. Cioccolato – Se siete alla ricerca di una buona scusa per concludere il pasto con del cioccolato, ve la diamo noi. Anzi, è il British Journal of Nutrition a fornircela, dopo aver confermato che la versione fondente sarebbe in grado di aumentare le risposte immunitarie. Il cacao, infatti, potenzia un particolare gruppo di linfociti che lavora per migliorare l’adattamento delle nostre difese al mutare delle infezioni.
  4. Aglio – Fate uno sforzo e insaporite i vostri piatti con alcuni spicchi di aglio. Il loro contenuto di allicina mostra, infatti, spiccati effetti antibiotici, antimicrobici e antifungini. Uno scudo contro i raffreddori stagionali, un alleato per recuperare le forze dopo un malanno stagionale.
  5. Funghi – Forse non ve l’hanno mai detto, ma i funghi contengono betaglucani, carboidrati capaci di migliorare l’attività del sistema immunitario, oltre a proteggerci dalle infezioni. Sono, inoltre, molto ricchi di selenio, un valido aiuto per l’azione dei nostri globuli bianchi contro i virus. Se proprio i funghi non dovessero piacervi, dirigetevi sulla crusca di avena e sull’avena integrale, ricche di betaglucani.
  6. Salmone – Tenete d’occhio i livelli di vitamina D, soprattutto quando l’inverno è alle porte. Sembrerebbe, infatti, che qualora fossero bassi, il rischio di contrarre affezioni alle vie respiratorie aumenterebbe notevolmente. Il rimedio? Il salmone fresco, perché ricco – appunto – di Vitamina D (oltre che di Omega 3 che, indipendentemente dalla stagione, non fanno di certo male).
  7. Yogurt – Sono proprio i batteri buoni di cui è ricco lo yogurt a contribuire al mantenimento dell’equilibrio intestinale che, come sappiamo, rappresenta una fondamentale barriera immunitaria.
  8. Mandorle – Anche le mandorle agiscono sulla nostra flora batterica, riducendo la sensibilità ai malesseri di stagione, grazie all’alto contenuto di vitamina E. Mi raccomando, non sbucciatele. Nella buccia, infatti, vi è la presenza di polifenoli, capaci di potenziare l’efficienza dei globuli bianchi, bloccando così il diffondersi dei virus. La porzione consigliata? 80 grammi sono sufficienti.
  9. Papaya – Sono ormai note le proprietà antiossidanti ed energizzanti di questo frutto dal sapore tropicale. Meno famose, invece, sono le sue virtù immunostimolanti, che aiutano l’organismo a rispondere con efficienza agli stimoli esterni degli agenti patogeni.
  10. Fermenti lattici vivi – Sì a una dieta bilanciata, dunque. In alcuni casi, però, la soluzione migliore è ricorrere anche ai fermenti lattici vivi, meglio ancora se con azione probiotica. Nella scelta, fate attenzione ai componenti: sì alla vitamina D3, allo zinco e al betaglucano, che potranno assicurare un’adeguata integrazione, soprattutto quando è necessario favorire le naturali difese immunitarie dei bambini.

In ultimo, praticate attività fisica, concedetevi otto ore di sonno giornaliere e, soprattutto, state lontani dallo stress. È vero, si tratta di consigli sempre validi, che talvolta possono perdere di efficacia, ma risultano davvero fondamentali per vincere la lotta contro influenza, raffreddori e affini.

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

comments powered by Disqus