Come prevenire gli acari della muffa e eliminarli

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 21 Maggio, 2024

Una persona che pulisce una parete con della muffa

Gli acari della muffa, o psocotteri, sono organismi microscopici appartenenti alla classe degli aracnidi.

Si nutrono di muffa, ovvero un fungo, e si possono trovare in ambienti umidi e bui, come cantine, bagni o zone che hanno subìto danni da acqua.

Questi acari possono contribuire alla diffusione di allergeni e possono causare problemi di salute nelle persone sensibili, come allergie respiratorie o peggioramento dell'asma.

Scopriamo, insieme, come prevenirne la comparsa e – nel caso – eliminarne la presenza.

Psocotteri bianchi o moscerini della muffa: come riconoscerli?

La presenza degli acari della muffa può essere individuata attraverso diversi segni.

Ecco alcuni indicatori comuni:

  • muffa visibile: se si nota la presenza di muffa su superfici come pareti, soffitti, mobili, tessuti o cibo, potrebbero essere presenti piccoli acari bianchi. Questi organismi si nutrono di muffa e spesso si trovano nei luoghi dove la muffa stessa è presente;
  • puntini in movimento: gli acari da muffa sono molto piccoli e difficili da vedere a occhio nudo ma, se si osserva con attenzione, si potrebbero notare dei piccoli puntini che si muovono;
  • sintomi allergici: i soggetti sensibili agli allergeni prodotti dagli acari della muffa potrebbero sperimentare sintomi come starnuti, prurito agli occhi, congestione nasale o peggioramento dell'asma, quando si trovano in ambienti con una presenza elevata di questi organismi;
  • odore di muffa: se c'è una presenza significativa di acari della muffa, si potrebbe notare anche un odore di muffa nell'ambiente. Questa puzza può essere associata alla decomposizione della materia organica, dove i pidocchi della muffa trovano il loro nutrimento.

Potrebbe interessarti anche:


I segnali di presenza di un acaro della muffa possono variare a seconda della zona in cui compaiono.

Ecco alcuni suggerimenti su come riconoscerli:

  • in casa: gli insetti della muffa, come detto, possono essere presenti in ambienti umidi e bui. In questi casi, si potrebbe notare la presenza di acari bianchi in casa, piccoli puntini marroni o neri sulla muffa o sulle superfici umide;
  • negli alimenti: gli acari della muffa possono infestare anche alimenti contaminati da questi funghi;
  • nei tessuti e nell'arredamento: in tappeti o imbottiture che sono stati esposti a umidità e muffa si potrebbero notare piccole macchie scure o un aspetto polveroso (che riconduce a acari bianchi visibili), così come acari bianchi sui mobili;
  • all'aperto: in ambienti esterni, questi insetti bianchi della muffa possono essere presenti in composti, letti di foglie o detriti organici umidi. Può essere difficile individuarli a occhio nudo, ma la presenza di muffa o umidità può suggerirne la possibile presenza.

Se si sospetta la presenza di acari della muffa, potrebbe essere utile consultare un professionista per un'ispezione e per determinare le migliori strategie di controllo e prevenzione.

Insetti della muffa: come prevenirli?

Per prevenire la comparsa degli acari della muffa e la crescita stessa dei funghi, è possibile adottare diverse misure preventive.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • controllo dell'umidità: mantenere un livello di umidità relativa tra il 30% e il 50% all'interno della casa per ridurre le condizioni favorevoli alla crescita di muffa e psocotteri. Utilizzare umidificatori o deumidificatori, se necessario, e assicurarsi che luoghi umidi come bagni e cucine siano ben ventilati;
  • riparazione delle perdite d'acqua: riparare tempestivamente tutte le perdite d'acqua, comprese le tubature, i rubinetti o i tetti che perdono, per prevenire la formazione di ambienti umidi;
  • aerazione: assicurarsi che la casa sia ben aerata, aprire le finestre e utilizzare ventilatori per favorire la circolazione dell'aria e ridurre l'umidità accumulata;
  • isolamento termico: un buon isolamento può contribuire a ridurre il rischio di condensa e umidità nelle pareti e nei soffitti, riducendo così le condizioni favorevoli allo sviluppo degli acari della muffa;
  • pulizia regolare: pulire regolarmente la propria casa per rimuovere la polvere, i detriti e gli allergeni che possono favorire la crescita dei moscerini della muffa. Una buona igiene dell’ambiente è sempre un’ottima arma contro questi patogeni;
  • utilizzo di prodotti antifungini: usare prodotti antifungini o antimuffa per trattare le superfici suscettibili, come pareti, soffitti, pavimenti e piastrelle;
  • monitoraggio costante: utilizzare un igrometro per monitorare regolarmente i livelli di umidità all'interno della casa e adottare tutte le misure necessarie se i livelli superano il limite consigliato.

Seguendo queste pratiche preventive, sarà possibile ridurre significativamente il rischio di comparsa degli acari della muffa e la crescita della muffa all'interno della casa.

Acari della muffa: come eliminarli

Per eliminare gli psocotteri bianchi, è importante adottare un approccio mirato che coinvolga la rimozione della muffa stessa e la gestione degli acari.

Ecco alcuni passaggi che può essere utile seguire:

  • rimozione della muffa: utilizzare una soluzione di acqua e detergente delicato per pulire le superfici colpite dalla muffa. Assicurarsi di indossare guanti e mascherina per evitare il contatto diretto con la superficie fungina e questi acari bianchi piccolissimi. Se la muffa è diffusa o difficile da rimuovere, si potrebbe ricorrere a prodotti specifici antimuffa;
  • aspirazione: utilizzare un’aspirapolvere dotata di un filtro HEPA per aspirare gli acari della muffa e i detriti associati ad essi. Assicurarsi, poi, di aspirare accuratamente tutte le superfici colpite, compresi tappeti, tessuti, mobili e angoli nascosti.

Una persona che pulisce un soffitto con della muffa

  • deumidificazione: utilizzare deumidificatori per ridurre l'umidità relativa all'interno della casa. Gli insetti della muffa sui muri prosperano in ambienti umidi, quindi mantenere un livello di umidità inferiore al 50% può contribuire a controllarne crescita;
  • utilizzo di acaricidi: in casi gravi di infestazione da acari dell'umidità, si potrebbe dover ricorrere all'uso di acaricidi, prodotti chimici progettati per uccidere i pidocchi della muffa. Assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni sull'etichetta e prendere precauzioni per proteggere sé stessi e gli altri membri della famiglia durante l'applicazione;
  • controllo delle fonti di umidità: identificare e risolvere eventuali fonti di umidità all'interno della casa come perdite d'acqua, infiltrazioni o condense. Ridurre l'umidità è essenziale per prevenire la crescita degli acari della muffa;
  • manutenzione regolare: effettuare una manutenzione regolare, controllando periodicamente aree soggette a muffa e umidità, come cantine, bagni e soffitti.

Se l'infestazione da acari della muffa è particolarmente grave o persistente, si potrebbe considerare l’idea di consultare un professionista per ottenere un trattamento più completo e efficace.

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Christian Raddato
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Volto di donna riflesso in un pezzo di specchio
Ikigai: cos'è la via giapponese per la felicità

"Ikigai" è una parola giapponese che indica il proprio scopo nella vita. Scopriamo di più su questa filosofia che mira a rendere l'uomo più felice e consapevole.

Ragazza che guarda il PC con una maschera sul viso e mentre sfoglia un libro
Si parla di glow up, anche in riferimento all'estate: ma ne abbiamo davvero bisogno?

"Ecco come fare un glow up": analizziamo questo fenomeno non solo social, ma anche sociale, che si riscontra soprattutto a ridosso del periodo estivo.