Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come si invecchia (inesorabilmente)

Come si invecchia (inesorabilmente)

Ultimo aggiornamento – 21 luglio, 2016

Invecchiamento: cause
Indice

Invecchiare è un fatto della vita e non c’è via di scampo, dato l’aumento della fatica, le ossa che si indeboliscono e la cattiva salute che in genere accompagnano l’invecchiamento.

In effetti, l’età è il fattore di rischio numero uno per innumerevoli malattie, tra cui il morbo di Alzheimer, il cancro, la cataratta e la degenerazione maculare. Mentre i ricercatori stanno facendo progressi nella comprensione e nel trattamento di ciascuno di questi disturbi, rimangono però enormi lacune nella comprensione del processo di invecchiamento in sé.

Noi invecchiamo in così tanti modi diversi“, afferma il biologo cellulare Derrick Rossi dell’Università di Harvard. “Siamo tutti programmati per morire“.

Il processo di invecchiamento può essere ricondotto al livello delle cellule, che muoiono o entrano nello stato di senescenza, ma anche a livello genomico. L’accumulo di mutazioni e alterazioni nei processi di riparazione del DNA sono fortemente associati a sintomi di invecchiamento. In realtà, i disturbi che causano l’invecchiamento precoce sono in genere causati da mutazioni dei geni coinvolti nel mantenimento del nostro DNA.

Il vero obiettivo sarebbe quello di aumentare la durata della salute, non della vita“, continua Rossi. “Non c’è niente di divertente nel vivere ed essere vecchio, se la salute diminuisce a tal punto che non si desidera più essere vivi“.

Controllo dei danni

Ogni volta che il DNA si replica, il macchinario cellulare coinvolto nel processo crea errori, portando a cambiamenti nella sequenza del DNA. La maggior parte del tempo, i meccanismi di riparazione del DNA riparano il danno, ma gli errori si accumulano, andando avanti con l’età.

Una volta che il DNA è diventato troppo danneggiato, le cellule si uccidono o entrano in uno stato in cui non si replicano più, un processo chiamato senescenza. La perdita di cellule può portare ad atrofia dei tessuti e disfunzioni varie. Le cellule senescenti, anche se in gran parte dormienti, possono effettivamente accelerare il processo di invecchiamento, secernendo citochine infiammatorie.

Mentre è non chiaro esattamente come i danni al DNA contribuiscano all’invecchiamento, ciò che è certo è che i danni e le mutazioni contribuiscono allo sviluppo del cancro”, afferma Jan Vijg, genetista presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York City. “C’è un aumento esponenziale del rischio di cancro durante l’invecchiamento, quindi non è affatto improbabile che l’accumulo di danni al genoma sia davvero un fattore importante“, continua.

I problemi dei telomeri

Una forma particolarmente influente di danni al DNA avviene ai telomeri, le sequenze ripetitive che si trovano in cima ai cromosomi e che si accorciano con l’età. Se i telomeri si restringono troppo o sono danneggiati, le cellule subiscono apoptosi o entrano in senescenza.

I danni dei telomeri hanno effetti evidenti in materia di invecchiamento. I topi di laboatorio con i telomeri corti hanno la durata della vita diminuita. Negli esseri umani, la telomerasi è associata a disturbi che coinvolgono disfunzioni varie e il rischio di cancro.

Corretto piegamento delle proteine

La vita dipende dalla corretta funzione della proteina e le proteine ​​dalla forma alterata sono spesso inutili e possono aggregarsi con altre proteine ​​mal ripiegate all’interno delle cellule. Non è ancora chiaro se la proteina mal ripiegata porta all’invecchiamento, ma sembra che si tratta di una realtà fisiologica quasi inevitabile.

La grande questione aperta è se l’accumulo di aggregati proteici mal ripiegati sia la causa o la conseguenza del processo di invecchiamento“, afferma Claudio Soto, un neuroscienziato presso l’Università del Texas a Houston, che studia gli effetti delle aggregazioni di proteine ​​nel cervello. “L’ipotesi è che forse un accumulo diffuso di aggregati proteici mal ripiegati colpisce tutte le cellule del corpo e produce la progressiva disfunzione delle cellule nel corpo che conduce all’invecchiamento“.

Soto afferma che i problemi con il ripiegamento delle proteine ​​potrebbero essere fondamentale per la moltitudine di carenze molecolari che caratterizzano l’invecchiamento del corpo.

Cellule staminali contro l’invecchiamento

Gli adulti sani producono circa 200 miliardi di nuovi globuli rossi ogni giorno per sostituire lo stesso numero rimosso dalla circolazione del sangue ogni 24 ore. Ma il tasso di produzione di globuli diminuisce con l’età. Per questa e altre ragioni, circa il 10 per cento delle persone dai 65 anni in su sono anemici.

Sicuramente è un mistero il motivo per cui queste cellule, che di solito si auto-rinnovano, smettano di funzionare in diversi tessuti”, dice il genetista Norman Sharpless della University of North Carolina.

Comunicazioni tra le cellule

Le cellule staminali e le altre cellule che subiscono danni non invecchiano in isolamento. I ricercatori stanno scoprendo che alcuni processi di invecchiamento influenzano il rilascio di regolatori che circolano nel sangue. “Un tempo, si pensava che le cellule invecchiassero e morissero”, afferma Paul Robbins del Scripps Research Institute. “Ma le cellule fanno di più che morire, iniziano a fare cose negative e persistono a farlo“.

Alcuni scienziati si stanno concentrando sul fattore NF-kB, un attivatore dell’infiammazione, come pilota per l’invecchiamento. L’iperattivazione del fattore NF-kB può portare le cellule senescenti a rilasciare citochine che stimolano l’infiammazione e che porta a un’ulteriore degenerazione, anche in parti lontane del corpo.

Insomma, invecchiare è inesorabile… capirlo è accettarlo serve a comprendere meglio il naturale ciclo della vita.

Mostra commenti
Estate e acne: 10 regole per liberarsi dei brufoli
Estate e acne: 10 regole per liberarsi dei brufoli
Come migliorare i sintomi dell’artrite reumatoide
Come migliorare i sintomi dell’artrite reumatoide
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Memoria e attività fisica
Memoria e attività fisica