Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Combattere l’ansia è possibile: ecco come fare

Combattere l’ansia è possibile: ecco come fare

Ultimo aggiornamento – 14 dicembre, 2017

Combattere l'ansia: ecco i rimedi
Indice

Il più delle volte quando pensiamo allo stress, pensiamo alla sua accezione negativa, quindi allo stress inteso come reazione dell’organismo ad ansia, tensioni e difficoltà della vita.

Accanto a questa accezione però dobbiamo considerare l’ansia e lo stress anche come fattori potenzialmente positivi, in grado di fornirci una spinta ad agire e reagire, sia sulla base di stimoli interni che di stimoli esterni.

Ed è quello che ci riproponiamo di fare attraverso questo articolo: rivedere il nostro concetto di ansia e passare in rassegna alcuni validi strumenti per riuscire a tenerla a bada. Ecco, dunque, come combattere l’ansia (o, almeno, provare a farlo!)

Tre validi alleati per combattere l’ansia

Prima di tutto è importante sapere che abbiamo a portata di mano 3 alleati in grado di aiutarci a tenere a bada i sintomi dell’ansia e lo stress:

  • Biochimica, che vede tra i suoi rimedi principali per contrastare l’ansia, una corretta alimentazione, l’assunzione di farmaci o di rimedi erboristici
  • Interventi strutturali, mirati a manipolare la struttura fisica attraverso tecniche di respirazione e l’esercizio fisico
  • Biofisica, che comprende l’agopuntura, le pratiche yoga e la meditazione

Essenziale per il nostro percorso di liberazione dell’ansia è cominciare a considerare la mente e il corpo con un’unica cosa. Per arrivare a divorziare dall’ansia e dallo stress, è infatti necessario considerare la mente e il corpo come un unicum e quindi prendersi cura di entrambi senza trascurare nell’uno e nell’altro aspetto.

Proseguiamo andando a vedere come gli approcci basati sulla forza del pensiero e sugli aspetti biochimici possono aiutarci a contrastare gli effetti dell’ansia sul nostro corpo e sulla nostra salute psichica.

Lo stress di per sé, non è né buono né cattivo. Infatti lo stress può essere inteso come forza propulsiva in grado di muovere gli eventi oppure può diventare cronico e quindi portare a conseguenze negative. Lo stesso vale per l’ansia. Quando l’ansia oltrepassa un certo livello diventa paralizzante e il soggetto che si trova bloccato in una spirale negativa dalla quale sembra impossibile riuscire a uscire. Queste situazioni d’emergenza portano ad un innalzamento dei livelli di cortisolo, definito come l’ormone dello stress, in grado di scatenare direttamente gli stati ansiosi.

Ma come facciamo a capire se l’ansia ci attanaglia? Se lo stress quotidiano ci sta logorando dall’interno? La risposta è più semplice di quanto non pensiate. Basta domandare a noi stessi se ci sentiamo bene o al meglio delle nostre possibilità. Se ci sentiamo bene vuol dire che l’ansia che a volte proviamo è un’ansia positiva, quindi propulsiva che ci spinge all’azione, senza per questo dominarci.

E quando gli attacchi di ansia ci pervadono…

Prima di tutto dobbiamo riuscire a dire «no» alle cose che ci fanno sentire male. È fondamentale riuscire a focalizzarsi sulle cose che ci fanno stare bene. Allenandoci a fare solo ciò che ci fa stare bene, alleneremo anche il nostro cervello a ricercare quelle stesse sensazioni di gioia e di piacere, facendo in modo che queste possano ripetersi.

Scegliere ciò che ci fa stare bene è una delle conseguenze del libero arbitrio, ovvero la facoltà che ognuno di noi ha di scegliere tra diverse alternative. Tutto questo però rispettando due condizioni fondamentali:

  1. 
Non ferire gli altri
  2. Domandatevi se quello che state già facendo per contrastare l’ansia stia funzionando davvero

Mettere in atto questi semplici passaggi basterà a farci rendere conto che l’ansia che proviamo spesso deriva dal fatto che cerchiamo inconsciamente di scegliere quello che pensiamo gli altri vorrebbero che noi scegliessimo. Questo è quanto di più sbagliato si possa fare: è un comportamento tossico che va assolutamente evitato, che non ci permette di dare seguito a quelle che sono le nostre volontà.

Ribilanciare la biochimica del nostro corpo

Chi soffre di stati ansiosi e stress è più soggetto ad ammalarsi, andando incontro a diverse problematiche di salute, come:

  • Ipertiroidismo – Si verifica quando i valori di FT4 sono al di sopra del ventesimo percentile
  • Livelli bassi di progesterone nel sesso femminile – Il progesterone può essere considerato una sorta di valium naturale, va da sé che bassi livelli di questo ormone aumentano gli stati ansiosi e i livelli di stress percepiti
  • Livelli bassi di testosterone negli uomini – Livelli al di sotto del quindicesimo percentile rendono gli uomini più vulnerabili ad ansia e stress

Controllare questi valori di riferimento è dunque un passo importante per comprendere se alla base dell’ansia vi è una patologia specifica e quindi curabile attraverso un trattamento farmacologico.

Dal punto di vista biochimico, per aiutare a combattere l’ansia, un altro fattore da tenere in debita considerazione è l’alimentazione, che deve essere ricca di magnesio e vitamina B. Qualora ci fosse una carenza di questi due elementi è consigliabile integrarli alla propria dieta anche sottoforma di integratori alimentari.

Anche i rimedi erboristici possono darci una mano nella nostra lotta contro gli attacchi di ansia. Diversi sono gli estratti e le radici utili a ridurre la tensione e gli stati ansiosi, tra questi:

  • Camomilla
  • Valeriana
  • Passiflora
  • Estratto di radice di echinacea angustifoliae

Ritrovare la tranquillità grazie ad interventi strutturali e alla biofisica

Per rilassare la mente e il corpo, la respirazione yogica è una delle tecniche più efficaci. Questa permette di imparare a controllare il ritmo del respiro, fondamentale per alleviare gli stati d’ansia o panico.

Allo stesso modo, la meditazione e altre tecniche di respirazione come la respirazione buteyko, si sono rivelate strategie molto valide nel coadiuvare il trattamento dell’ansia, andando a ridurre l’attivazione fisiologica tipica dell’ansia quindi l’iperventilazione e l’accelerazione del battito cardiaco.

Anche un regolare esercizio fisico, correre e passeggiare all’aperto in particolare nelle giornate di sole, sono tutti rimedi utilissimi a combattere una volta per tutte l’ansia e lo stress. Provare per credere!

Mostra commenti
L’Europa dice sì al Niraparib, il farmaco per la cura del tumore all’ovaio
L’Europa dice sì al Niraparib, il farmaco per la cura del tumore all’ovaio
5 problemi che potresti avere se trascuri il diabete
5 problemi che potresti avere se trascuri il diabete
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Autismo e schizofrenia: esiste davvero un legame?
Autismo e schizofrenia: esiste davvero un legame?
Infarto: le cause che non ti aspetti!
Infarto: le cause che non ti aspetti!
La polmonite può essere una complicanza dell’influenza?
La polmonite può essere una complicanza dell’influenza?
Migliori abilità visive potrebbero essere un primo sintomo di autismo
Migliori abilità visive potrebbero essere un primo sintomo di autismo