Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Donazione Alimentazione

Cosa mangiare prima e dopo una donazione di sangue

Redazione

Ultimo aggiornamento – Luglio 08, 2019

Cosa mangiare prima e dopo una donazione di sangue
In collaborazione con

A cura del dr. Giovanni Franco, specialista in Ematologia.

Siete donatori di sangue e desiderate affrontare al meglio il pre e post donazione? Ecco alcuni validi consigli su cosa mangiare per avere il massimo delle energie!

Cosa mangiare (e non) prima della donazione

Liquidi, liquidi e ancora liquidi: l’idratazione è, infatti, molto importante, così come l’assumere cibi leggeri e poveri di grassi.

Il perché di questa scelta? Semplice! Per non alterare in alcun modo le componenti ematiche. Il consiglio è di fare colazione con succhi di frutta (senza zucchero), tè, caffè, pane e fette biscottate. Insaccati, salse e fritture sono da bandire.

Cosa mangiare, invece, dopo la donazione?

Anche in questo caso, è meglio evitare grassi, perché sono di difficile digeribilità; al contrario, è bene consumare alimenti ricchi di nutrienti e minerali, per reintegrare i componenti persi con il prelievo.

Sì, quindi, a zuppe, minestre, verdura e frutta, in grado di far recuperare i liquidi… In linea generale, non è il caso di esagerare con la quantità di cibi solidi, che porterebbero a una maggiore afflusso di sangue nello stomaco per la digestione, col rischio di causare mal di testa e nausea…

Altri consigli? Scopriteli sul portale di AVIS Nazionale. Basta un click 👇

CONTINUA A LEGGERE SUL PORTALE AVIS NAZIONALE

Mostra commenti
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Perché è così importante respirare bene dal naso?
Perché è così importante respirare bene dal naso?
Articoli più letti
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
Come calcolare le settimane di gravidanza
Come calcolare le settimane di gravidanza
Sideremia bassa: come accorgersi? Cosa fare?
Sideremia bassa: come accorgersi? Cosa fare?
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia