Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Donne Infarto

Perché le donne sottovalutano il rischio dell’infarto

Andrea Salvadori | Blogger

Ultimo aggiornamento – 18 Marzo, 2015

Perché le donne sottovalutano il rischio dell’infarto

Secondo una recente indagine dell’Università di Yale, le giovani donne hanno un rischio maggiore degli uomini di sottovalutare i sintomi dell’infarto e, quindi, una probabilità più alta di essere colpite da attacchi di cuore. Ogni anno, negli Stati Uniti più di 15.000 donne sotto i 55 anni muoiono a seguito di malattie cardiache, conferendo a queste patologie il triste primato di principale causa di morte per le donne in questa fascia d’età.

La ricerca

È da questo dato che la ricercatrice Judith Lichtman, professoressa associata e presidente del dipartimento di epidemiologia delle malattie croniche alla Yale University, è partita per impostare lo studio. Sono state esaminate le esperienze di donne di età compresa tra i 30 e i 55 anni, ricoverate per infarto del miocardio, per capire, dopo averle intervistate, come avessero reagito ai primi e significativi sintomi che indicavano la presenza di un infarto in corso (come vertigini e dolore) e che le avevano spinte a chiedere aiuto.

I 5 esiti principali

Il team di nove studiosi ha intervistato le pazienti per capire fino a che punto abbiano aspettato prima di cercare aiuto e perché. Le principali motivazioni sono 5:

  1. i sintomi iniziali delle donne sono molto variabili sia per la natura sia per la durata;
  2. le donne valutano in modo sbagliato il rischio di essere colpite da infarto;
  3. fattori esterni (come lavoro e famiglia) possono influenzare la decisione di cercare aiuto in caso di emergenza;
  4. non tutte le pazienti ricevono un controllo immediato o una diagnosi formale;
  5. le donne non accedono abitualmente alle cure primarie, comprese quelle preventive per le malattie cardiache.

L’indagine della dottoressa Lichtman ha dimostrato, inoltre, come i rischi esistano anche per le donne più giovani, specialmente se hanno una predisposizione genetica con le malattie cardiache.

Imparare a riconoscere i sintomi

Ciò che appare evidente da questo studio è l’importanza di una giusta e tempestiva autodiagnosi: “I risultati dello studio suggeriscono che c’è ancora molto da fare per educare le donne a riconoscere i primi segnali di un attacco di cuore e a cambiare il modo in cui le pazienti e gli operatori sanitari rispondono ai sintomi”, dichiara Leslie Curry, ricercatrice e co autrice dello studio.

A queste indicazioni va naturalmente aggiunto l’invito alla prevenzione mediante visite ed esami periodici che aiutino a tenere sotto controllo lo stato di salute generale.

 

 

 

Mostra commenti
Stampa 3d: grandi risultati e sfide future
Stampa 3d: grandi risultati e sfide future
Chi possiede la più grande scoperta biotech del secolo?
Chi possiede la più grande scoperta biotech del secolo?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Carenza di ferro? Quando la conseguenza è l’ipocromia
Cosa fare in caso eosinofili alti
Cosa fare in caso eosinofili alti