Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Eiaculazione femminile: è reale?

Eiaculazione femminile: è reale?

Ultimo aggiornamento – 05 marzo, 2020

Eiaculazione femminile
Indice

Ci sono due tipi di persone al mondo: coloro che si chiedono che cosa sia l’eiaculazione femminile e chi mente a riguardo. Si tratta di una questione scientifica come un’altra, quindi non dovrebbe essere una sorpresa che ci siano un sacco di scienziati che hanno trascorso parte della loro carriera a studiare questo argomento delicato.

Quindi, cosa hanno da dire in proposito?

Prima di tutto, l’eiaculazione non avviene senza un orgasmo. Sia gli uomini che le donne possono eiaculare quando raggiungono l’orgasmo, ma la versione maschile è molto diversa dall’equivalente femminile.

Mentre la parte maschile è sempre abbastanza semplice nei meccanismi (bastano pochi minuti di stimolazione), ci sono diversi modi per far raggiungere un orgasmo a una donna.

Alcune impiegano tempi brevi per raggiungere l’orgasmo, mentre altre ci mettono più tempo; la psicologia, l’umore e la comodità emotiva giocano un ruolo enorme in molti casi. Spesso, si apre un dibattito su quanti tipi di orgasmo una donna possa avere, ma gli scienziati in genere sono concordi sulle due maggiori tipologie: quella causata dalla penetrazione, che stimola l’intero clitoride e il complesso vaginale, e un’altra causata dalla stimolazione esterna del clitoride.

Ancora non si sa di preciso da cosa dipenda il fatto che una donna possa avere secrezioni abbondanti mentre un’altra possa avere un orgasmo del tutto privo di secrezioni. La scienza ha ancora molto da scoprire a riguardo per comprendere le dinamiche, le tipologie e lo svolgimento del rapporto sessuale.

Il mistero dell’orgasmo femminile

Consideriamo l’orgasmo femminile. JD Salinger una volta ha scritto che “il corpo di una donna è come un violino; ci vuole un musicista formidabile per suonarlo nel modo giusto“. Bisogna premere o accarezzare le parti che possono far andare la donna in estasi, in un momento in cui il resto del mondo cessi di esistere. Si tratta di un netto contrasto con l’esperienza di un uomo, che dopo pochi minuti di stimolazione può arrivare all’eiaculazione.

Perché gli orgasmi sono così intensamente piacevoli? Come mai le donne possono sperimentare orgasmi multipli? Questi sono alcuni dei misteri più famosi della medicina. “Siamo in grado di andare sulla luna, ma non capiamo abbastanza i nostri corpi“, afferma Emmanuele Jannini presso l’Università di Roma Tor Vergata, uno di quei medici che ha trascorso la sua carriera a cercare ogni segreto del corpo umano.

Anatomia del piacere

Il pene ha un solo percorso per portare le sensazioni al cervello, il tratto genitale femminile ne ha tre o quattro. La parte più importante della sessualità femminile è il clitoride, che può avere varie forme.

Fino al XVI secolo, il clitoride non era mai stato descritto come una struttura fisica diversa, comune a tutte le donne, con la funzione di indurre piacere. Nel suo libro, il De re anatomica, pubblicato nel 1559, Realdo Colombo descrisse il clitoride come “la sede di gioia di una donna“.

Eppure, nei secoli successivi, il clitoride è stato in gran parte dimenticato, almeno dagli anatomisti e dai medici, per poi riapparire nel XX secolo, ma tuttora è ancora considerato da molti meno rilevante di altre parti nella sfera sessuale di una donna. Anche se Sigmund Freud aveva riconosciuto che le donne possono sperimentare l’orgasmo, credeva che la funzione del clitoride fosse sostituita dall’orgasmo vaginale nelle donne mature.

L’incapacità di provare l’orgasmo vaginale è associata con l’immaturità psicosessuale, aveva scritto.

Il punto G

Il famoso “punto G” è stato, per lungo tempo, il primo obiettivo nel rapporto sessuale. Il termine è stato coniato nei primi anni ’80 dall’ostetrico e ginecologo tedesco Ernst Gräfenberg. Nel 1950, ha descritto una zona erogena sulla parete anteriore della vagina, correlata con la posizione dell’uretra sull’altro lato della parete.

Alcuni studi successivi hanno rivelato un complesso di vasi sanguigni, di terminazioni nervose e di resti della prostata femminile nella stessa zona. Tutto questo ha suggerito che in alcune donne, in particolare quelle dotate di una muscolatura forte nel pavimento pelvico, la stimolazione di quest’area potrebbe innescare orgasmi potenti e il rilascio di una piccola quantità di fluido dall’uretra.

Word presto cominciò a trapelare su questo pulsante magico sulla parete anteriore della vagina. Coppie investito tempo, e – spesso inutile – lo sforzo in trovarlo. Alcune femministe, nel frattempo, hanno affermato che la pubblicità che circonda il punto G è stato un tentativo da parte di uomini di recuperare l’importanza della penetrazione vaginale, dopo i riflettori si era spostato al clitoride durante la rivoluzione sessuale degli anni ’60 e ’70.

E voi donne, che ne pensate?

Mostra commenti
La classifica dei killer della concentrazione
La classifica dei killer della concentrazione
La sindrome di Dumping: quando mangiare diventa un incubo
La sindrome di Dumping: quando mangiare diventa un incubo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Soffrite di psoriasi? Tenete d’occhio la pressione (e viceversa)
Soffrite di psoriasi? Tenete d’occhio la pressione (e viceversa)
Reflusso gastrico: c’è un motivo ben preciso per cui gli anziani dovrebbero curarlo
Reflusso gastrico: c’è un motivo ben preciso per cui gli anziani dovrebbero curarlo
Il deodorante fa male alla salute?
Il deodorante fa male alla salute?
Gli ingredienti giusti per perdere peso!
Gli ingredienti giusti per perdere peso!