Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come favorire la digestione

Come favorire la digestione

Ultimo aggiornamento – 10 febbraio, 2017

come aiutare la digestione? Con i probiotici

I probiotici contengono organismi viventi – principalmente batteri e un tipo di lievito – che aiutano la digestione. Questi supplementi sono usati per trattare alcuni problemi gastrointestinali e per la salute dell’apparato digerente generale. Alcuni tipi di probiotici possono fornire sollievo da diarrea e possono anche alleviare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Qual è la differenza tra probiotici e prebiotici?

I probiotici sono organismi vivi che somministrati in quantità adeguata apportano diversi benefici per la salute. Yogurt e kefir ne sono un esempio.

I prebiotici, invece, non sono organismi vivi, ma sono il nutrimento dei probiotici, stimolandone l’attività nell’apparato digerente. Tra questi, le vitamine del gruppo B.

Quali altri alimenti aiutano la digestione?

Esistono molti supplementi alimentari che aiutano a digerire meglio, tra questi:

  • Liquirizia: è stata a lungo utilizzata per trattare i sintomi di indigestione, come bruciore di stomaco e reflusso acido. Tuttavia, nella sua forma non purificata, la liquirizia può anche avere effetti collaterali, come per esempio innalzamento della pressione sanguigna. Le donne in gravidanza non devono assumere composti a base di liquirizia, senza aver consultato il medico.
  • Camomilla: è ampiamente utilizzata per molteplici disturbi, come problemi digestivi quali mal di stomaco, coliche, e nausea, così come l’ansia e l’insonnia. Soggetti allergici ad alcuni vegetali, come l’ambrosia, potrebbero risultare allergici anche alla camomilla.
  • Zenzero: la medicina asiatica lo utilizza per curare il mal di stomaco. In Occidente, lo zenzero è usato per alleviare la nausea e il vomito durante la gravidanza. Lo zenzero è disponibile come polvere, in capsule o compresse.
  • Glutammina: è un amminoacido che si trova naturalmente nel corpo. Supporta l’intestino e altri organi. Alcuni esperti ritengono che il supplemento di L-glutammina può aiutare ad alleviare la diarrea indotta da un intervento chirurgico, infezioni, o stress. Può aiutare alcune persone meglio assorbire le sostanze nutritive.
  • Psyllium: è usato come lassativo. A causa del suo alto contenuto di fibre, è in grado di assorbire acqua nell’intestino. Ciò permette il transito delle feci nell’intestino. Le persone allergiche al polline inglese potrebbero avere una reazione allergica grave durante l’assunzione di psyllium.
  • Carciofo: l’estratto di foglie di carciofo può alleviare i sintomi di indigestione. Riduce la nausea e contrasta la formazione di gas intestinale. Potrebbe anche contribuire a trattare i sintomi del colon irritabile e ridurre crampi e dolori addominali. Sono note interazioni con alcuni farmaci, inoltre l’estratto può causare reazioni allergiche in persone che sono allergiche a pollini di ambrosia e connessi.

Gli integratori alimentari non sono strettamente regolati dalla FDA. Ciò significa che non vi è alcuna garanzia della loro qualità, efficacia e sicurezza. È importante leggere sempre le etichette e parlare con il proprio medico prima di iniziare qualsiasi nuovo integratore, soprattutto nelle donne in gravidanza, soggetti affetti da patologie croniche o in trattamento con farmaci o altri integratori alimentari.

Mostra commenti
5 consigli per affrontare le demenze senili
5 consigli per affrontare le demenze senili
Come attenuare le rughe d’espressione
Come attenuare le rughe d’espressione
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
27 lenti a contatto negli occhi: la donna non se ne era mai accorta
27 lenti a contatto negli occhi: la donna non se ne era mai accorta
Tutti i rischi del latte pastorizzato
Tutti i rischi del latte pastorizzato
Morbo di Alzheimer: come prevenirlo
Morbo di Alzheimer: come prevenirlo
Non solo Coronavirus: rischio di nuovi focolai di morbillo, se si tarda con le vaccinazioni
Non solo Coronavirus: rischio di nuovi focolai di morbillo, se si tarda con le vaccinazioni