Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Meno persone colpite da demenza negli ultimi 4 decenni

Meno persone colpite da demenza negli ultimi 4 decenni

Ultimo aggiornamento – 23 febbraio, 2016

Indice

Uno studio con un periodo di ricerca molto lungo ha scoperto che i tassi di demenza sono diminuiti costantemente nel corso degli ultimi quattro decenni, molto probabilmente a causa del calo delle malattie cardiache.

Anche se il Framingham Heart Study ha coinvolto solo 5.200 persone, i risultati probabilmente riflettono una tendenza globale”, ha detto uno degli autori, Sudha Seshadri, professore di neurologia presso il Boston University School of Medicine. Anche altre ricerche suggeriscono che i tassi di demenza sono in calo nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti.

Secondo il nuovo studio, pubblicato online sul New England Journal of Medicine, il tasso di demenza è diminuito dal 3,6% della fine degli anni ‘70 al 2% della fine degli anni 2000 e dei primi anni dal 2010, un calo quindi del 44%, .

Si tratta di una buona notizia“, ha affermato Dallas Anderson, un epidemiologo del National Institute on Aging, che ha finanziato lo studio. “Stiamo vedendo come il rischio stia diventando sempre più basso, una generazione dopo l’altra“.

I ricercatori hanno riscontrato che il calo più significante riguarda in particolare un tipo di demenza, chiamato “demenza vascolare”, che è causata da un danno ai vasi sanguigni che portano ossigeno al cervello.

Quando i partecipanti allo studio hanno sviluppato la demenza, i ricercatori hanno notato che si è manifestata più tardi rispetto alla media. L’età media delle persone a cui è stata diagnosticata è aumentata da 80, nel corso dei primi anni dello studio, a 85 nel periodo più recente.

Con il progredire dello studio, i ricercatori hanno notato anche che un minor numero di partecipati soffrivano di malattie cardiache, che insieme all’ictus sono legati a un aumento del rischio di demenza.

Abbiamo predicato per anni che ciò che è buono per il cuore è buono per il cervello“, ha detto Ronald Petersen, che dirige il Disease Research Center. “Forse i nostri sforzi per migliorare la dieta e promuovere l’esercizio fisico stanno avendo un effetto di ricaduta, che porta a meno demenza“.

I tassi di rischio di demenza però non sono calati per tutti i partecipanti allo studio. Il tasso di rischio in realtà è diminuito solo tra le persone che avevano almeno un diploma di scuola superiore, secondo lo studio.

L’istruzione influenza la salute di una persona in innumerevoli modi”, ha affermato Seshadri. “Le persone che sono più istruite hanno maggiori probabilità di trovare un buon lavoro con un’assicurazione sanitaria e sicuramente conosce i modi per rimanere in buona salute, come ad esempio con l’esercizio o evitare il fumo. Le persone più istruite inoltre possono rimanere mentalmente più attivi in ​​pensione”.

Il miglioramento visto nel nuovo studio però potrebbe essere fragile”, ha detto Seshadri, notando che l’obesità e il diabete sono aumentati nel corso del tempo. “Entrambe le condizioni danneggiano il cuore e potrebbero portare a un aumento della demenza in futuro”.

Seshadri ha affermato, infine, di sperare che il suo studio motivi le persone a mantenere il cuore e il cervello sani il più a lungo possibile.

Mostra commenti
Sindrome di Down: diagnosi precoce in gravidanza
Sindrome di Down: diagnosi precoce in gravidanza
Quanto cibo metti nel piatto? Misuralo con le mani!
Quanto cibo metti nel piatto? Misuralo con le mani!
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Ectrodattilia: le mani a chela di granchio
Ectrodattilia: le mani a chela di granchio
Come combattere il dolore cronico o acuto
Come combattere il dolore cronico o acuto
Vaccini: dosi rinforzate per la prossima stagione influenzale
Vaccini: dosi rinforzate per la prossima stagione influenzale
Cosa fare o non fare se un cane mostra aggressività
Cosa fare o non fare se un cane mostra aggressività