Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas

L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas

Ultimo aggiornamento – 27 Giugno, 2012

Circa cinquantamila morti all’anno. Undici milioni le persone infette e difficoltà di cure e di diagnostica che le sono valse la definizione di AIDS del ventunesimo secolo: la Malattia di Chagas.

Si tratta di una malattia parassitaria dovuta al Trypanosoma cruzi, che infetta il corpo umano tramite degli insetti infetti.

La malattia di Chagas  si sviluppa in una fase acuta, con sintomi che ne rendono difficile la diagnosi, come febbre, cefalee e disturbi gastrointestinali.

Dopo una fase detta indeterminata, asintomatica, si passa poi ad una fase cronica, caratterizzata da gravi problemi intestinali e cardiaci, come:

Il rischio è dunque quello di morte improvvisa da fibrillazione ventricolare o tachicardia o eventi tromboembolici.

La malattia di Chagas non condivide con l’AIDS solo la difficoltà di diagnosi, ma anche il fatto che l’epidemia si sviluppi prevalentemente in zone rurali con scarso accesso alle cure farmacologiche.

Nell’America Latina, la malattia di Chagas colpisce cinque volte di più rispetto al virus dell’HIV, dato tristemente destinato a salire.

Mostra commenti
Alloggio, ma non vitto
Alloggio, ma non vitto
Le diete iperproteiche ed i pasti sostitutivi: Intervista alla dott.ssa Subacchi
Le diete iperproteiche ed i pasti sostitutivi: Intervista alla dott.ssa Subacchi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti