Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. L’avocado per calmare i dolori dell’osteoporosi

L’avocado per calmare i dolori dell’osteoporosi

Ultimo aggiornamento – 28 novembre, 2017

osteoporosi: come l'avocado e la vitamina D possono aiutare

L’avocado è un tipo di frutto piuttosto unico nel suo genere. Mentre la maggior parte della frutta contiene principalmente un alto tasso di carboidrati, l’avocado è molto ricco di grassi buoni. Inoltre, ha diversi effetti benefici sull’organismo, in particolar modo legati al suo alto contenuto di vitamina D, che lo rende ideale per chi soffre di osteoporosi.

Vediamo le proprietà e i benefici dell’avocado e perché vale la pena introdurre questo frutto della salute nella propria dieta.

Avocado: un alleato contro l’osteoporosi

L’avocado può essere considerato un vero e proprio integratore naturale, in quanto contiene diverse vitamine essenziali per la salute delle ossa, per contrastare i dolori dell’artrosi e l’avanzata dell’osteoporosi. Infatti, contiene alti livelli di vitamina D, che gioca un ruolo cruciale nell’irrobustire le ossa e nel prevenire di conseguenza fratture e cadute.

Altre vitamine essenziali per la salute del sistema scheletrico, contenute nell’avocado, sono:

  • vitamina K, che lavora in sinergia con la vitamina D per regolare la produzione di osteoclasti, che favoriscono la rigenerazione del tessuto osseo;
  • vitamina C, un potente antiossidante, importante per la produzione di collagene, una vitamina che promuove sia la salute delle ossa, che quella della cartilagine;
  • boro, un minerale coinvolto nel metabolismo delle ossa e nell’attività della vitamina D, che riduce le quantità di calcio urinario e secrezioni di magnesio;
  • rame, un minerale multifunzionale che permette la produzione di collagene ed elastina;
  • acido folico, appartenente al gruppo della vitamina B.

Quanto è importante la vitamina D?

La comunità medica si è resa conto dell’importanza della vitamina D in seguito all’aumento dei casi di rachitismo infantile, causato dalla crescente abitudine dei più giovani di preferire lo schermo di un computer alle attività all’aria aperta. Infatti, la vitamina D è una sostanza ormonale prodotta spontaneamente dal corpo solo in seguito all’esposizione ai raggi solari e solo in parte assimilata con l’alimentazione.

La vitamina D ha un ruolo cruciale nell’assorbimento del calcio attraverso reni e fegato e agisce direttamente sulle cellule ossee, favorendo la rigenerazione del sistema scheletrico. La sua mancanza provoca un peggioramento della salute delle ossa, oltre a una maggiore incidenza di fratture e cadute.

In sostanza, una mancanza di vitamina D rende le ossa più inclini a spezzarsi e quindi più deboli, inasprisce i dolori artritici e favorisce lo sviluppo dell’osteoporosi, molto comune nelle persone anziane. Questo deperimento non può essere risolto esclusivamente con gli integratori di calcio e vitamina D, perché non sempre si riesce a definire le quantità di calcio da somministrare. Inoltre, tali integratori presentano degli effetti collaterali da non sottovalutare. L’ideale sarebbe esporsi al sole per mezzora al giorno e assumere una dose adeguata di vitamina D attraverso l’alimentazione.

Proprietà e benefici dell’avocado e apporto calorico

avocado: proprietà e benefici

Spesso ci si riferisce all’avocado come a un superfood, ossia un alimento che contiene nutrienti come vitamine, fibre, minerali e acidi grassi essenziali.

Negli ultimi tempi, l’avocado è diventato incredibilmente popolare proprio grazie alle sue proprietà. Innanzitutto, il suo apporto calorico per cento grammi è intorno alle 160 calorie e 15 grammi di grassi, il 77% dei quali sono di acido oleico, un monoinsaturo contenuto anche nell’olio d’oliva, i cui effetti benefici comprendono una riduzione delle infiammazioni e un’azione benefica sui geni contro i problemi legati al cancro.

Le fibre sono sostanze nutritive contenute in grande quantità nell’avocado, che contribuiscono in gran parte alla perdita peso, alla riduzione degli zuccheri nel sangue e del rischio di molte patologie. Una porzione di 100 grammi di avocado contiene il 27% di fibre della dose giornaliera consigliata.

Le proprietà dell’avocado non finiscono qui. Il loro consumo è legato alla riduzione dei livelli di colesterolo e dei trigliceridi, le cui alte concentrazioni sono strettamente connesse al rischio di patologie cardiache. Infatti, diversi studi hanno dimostrato che l’avocado:

  • riduce i livelli di colesterolo totale in modo significativo;
  • riduce i trigliceridi nel sangue fino al 20%;
  • abbassa il colesterolo LDL del 22%;
  • aumenta il colesterolo HDL, ossia quello buono, fino all’11%.

L’avocado contiene più potassio delle banane, circa il 14% del fabbisogno giornaliero su 100 grammi, contro il 10% di quello che viene considerato il frutto a più alto contenuto di potassio. Diversi studi hanno dimostrato che un adeguato consumo di potassio è legato alla riduzione della pressione, uno dei principali fattori di rischio di infarti, ictus e insufficienza cardiaca.

Una ricerca ha evidenziato che chi consuma regolarmente avocado è più sano rispetto alle persone che non lo mangiano. I benefici dell’avocado infatti si riflettono direttamente sul metabolismo, riducendo l’incidenza della sindrome metabolica, delle malattie cardiache e del diabete.

Le proprietà antiossidanti dell’avocado migliorano la salute degli occhi. Infatti, è stato dimostrato che il suo consumo regolare diminuisce l’incidenza di cataratta e degenerazione maculare, molto comuni negli anziani.

Per concludere, l’avocado è un frutto dalle proprietà e dai benefici eccezionali, senza eccessive calorie. Inoltre, aiuta a perdere peso e a mantenere in salute cuore e ossa. Senza dimenticare il suo sapore, esotico e delicato allo stesso tempo.

L’unico problema dell’avocado è che non si consegna a casa da solo, quindi a questo punto non rimane che uscire da casa e andare a comprarlo dal fruttivendolo più vicino!

Mostra commenti
Occhi secchi e lenti a contatto: ecco cosa fare
Occhi secchi e lenti a contatto: ecco cosa fare
Perdite di sangue in menopausa: è tutto normale?
Perdite di sangue in menopausa: è tutto normale?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Lupus, artrite e psoriasi: quando usare i farmaci immunosoppressori
Lupus, artrite e psoriasi: quando usare i farmaci immunosoppressori
Il mito dei grassi saturi che ostruiscono le arterie
Il mito dei grassi saturi che ostruiscono le arterie
Cos’è il piede torto congenito e come si cura?
Cos’è il piede torto congenito e come si cura?
Vaccino antinfluenzale 2015-2016: tutto quello che è importante sapere
Vaccino antinfluenzale 2015-2016: tutto quello che è importante sapere