Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Linfociti Troppo Bassi E Vertigini Ecco Cosa Mangiare Per Aumentarli Cmp 015

Linfociti troppo bassi e vertigini? Ecco cosa mangiare per aumentarli

Redazione

Ultimo aggiornamento – 15 Novembre, 2018

Linfociti troppo bassi e vertigini? Ecco cosa mangiare per aumentarli

SOS linfociti bassi? Le cause possono essere diverse: anomalie della funzionalità del midollo, farmaci, infezioni o infiammazioni, virus. In ogni caso, i sintomi della linfopenia – questo il nome scientifico – sono solitamente sempre gli stessi, ovvero:

  • debolezza eccessiva;
  • facilità ad ammalarsi;
  • vertigini;
  • pallore o ittero;
  • perdita di peso;
  • mal di testa e delle ossa.

In alcuni soggetti, invece, non compaiono segni e questa assenza di campanelli d’allarme, ahimè, non è proprio un bene.

Ma partiamo con ordine, cercando di capire – in primis – cosa sono i linfociti.

Cosa sono i linfociti?

Potremmo chiamarli globuli bianchi e sono, certamente, cellule importantissime per la difesa dell’organismo contro batteri e virus.

Entrando nel dettaglio, i linfociti sono leucociti agranulociti mononucleati, con un nucleo rotondo e nessun granulo nel citoplasma.

I linfociti possono dividersi in:

  • Linfociti B, ovvero plasmacellule, hanno il compito di produrre anticorpi e azionare i linfociti T. Si chiamano B perché maturano nel Bone Marrow, ovvero il midollo osseo.
  • Linfociti T, perché prendono vita nel Timo, dividendosi poi in linfociti T Helper (Th), linfociti T citotossici (Tc), linfociti T regolatori, tutti implicati nel corretto funzionamento della risposta immunitaria.
  • Linfociti NK, noti come cellule Natural Killer, con un alto potenziale citotossico.

Quando i linfociti sono bassi: i valori

Si parla di linfociti bassi quando i valori sono minori di 1,5*10^9/l, meno di 1,5 miliardi di linfociti ogni litro di sangue. Normalmente, invece, sono compresi nel range tra 1.000 e 4.800 linfociti/ml negli adulti, 3.000-9.000 linfociti/ml nei bambini. Sono bassi nei più piccoli quando scendono al di sotto di 3,0 miliardi.

Le cause?

Come già detto, possono essere diverse. Tra queste:

  • Tumori del sangue, che alterano la funzionalità midollare (leucemie, mieloidi – linfatiche – linfoidi).
  • Mielodisplasie, ovvero malattie del sangue originate da alterazioni di cellule staminali del midollo osseo.
  • Tumori.
  • Mielofibrosi: ovvero la graduale sostituzione del midollo osseo con materiale fibrotico.
  • Infezioni o virus (malaria, HIV, Dengue, tubercolosi, epatite B, cytomegalovirus, sepsi).
  • Anemia aplastica, con una maggiore circolazione di cellule nel sangue.
  • Farmaci, come antibiotici, antidepressivi, antiepilettici, antitiroidei, chemioterapia, cortisoni, immunosoppressori.
  • Artrite reumatoide.
  • Lupus.
  • Carenze vitaminiche, come quella di folati e vitamina B12 (cianocobalamina).
  • Carenze di oligoelementi; la carenza di sostanze, come zinco e rame, può dare riduzione dei linfociti.
  • Stress.

Quando, in particolare, le cause sono da attribuire a questi ultimi tre fattori, è possibile intervenire anche con l’alimentazione.

Cosa mangiare quando i linfociti sono bassi?

Per reintegrare minerali e vitamine e rafforzare il sistema immunitario può essere utile scegliere alcuni particolari alimenti. Ecco quali:

  • Ginseng, famoso – soprattutto in USA – come immunostimolatore naturale.
  • Agrumi, ricchi di vitamina C, caro vecchio rimedio della nonna.
  • Echinacea, una pianta – ottima come infuso – con proprietà immunostimolanti e anitivirali.
  • Aglio, permette la moltiplicazione delle cellule che contrastano le infezioni.
  • Shiitake, maitake e reishi, ovvero funghi che stimolano il sistema immunitario e facilitano l’eliminazione dei radicali liberi.
  • Carote, grazie al betacarotene, consentono l’accrescimento del numero delle cellule in grado di combattere le infezioni.
  • Fermenti lattici, che aiutano il sistema immunitario, riequilibrando – e quindi rafforzando – la flora batterica. Inoltre, il contenuto di germi prebiotici e probiotici favorisce l’aumento delle difese immunitarie.

Provare per credere: quando l’aiuto può venire dalla buona tavola e dalle migliori abitudini alimentari, perché non tentare?

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

Mostra commenti
Quando è il momento migliore per farlo (il test di gravidanza)
Quando è il momento migliore per farlo (il test di gravidanza)
Malattia di Crohn: invia la tua domanda e scopri la risposta dei massimi esperti 👇
Malattia di Crohn: invia la tua domanda e scopri la risposta dei massimi esperti 👇
Articoli più letti
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Ecografia alla tiroide, quando e perché farla
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci