Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Lo sport, la migliore medicina per le malattie renali

Lo sport, la migliore medicina per le malattie renali

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Indice

Sport e attività fisica creano i presupposti per uno stile di vita sano. Sono innumerevoli le prove scientifiche sugli effetti positivi dello sport per la prevenzione di diverse malattie croniche, tra cui: disturbi cardiovascolari, diabete, ipertensione, obesità e malattie renali.

L’attività fisica contribuisce, infatti, a sviluppare la salute delle ossa, a mantenere il cuore e la funzione polmonare efficienti, nonché a mantenere una migliore capacità motoria e cognitiva. L’attività fisica può aiutare a prevenire le fratture dell’anca tra le donne e a ridurre gli effetti dell’osteoporosi.

Esercizio fisico: la migliore scelta per chi è in dialisi

Le condizioni annesse a insufficienza renale cronica portano a una riduzione del benessere fisico e della massa muscolare.

I pazienti in dialisi, troppo spesso, hanno una vita sedentaria, sia per le condizioni di debolezza e per gli stati depressivi, sia perché molti soggetti sono anziani. La sedentarietà cammina a braccetto con disordini catabolici, che possono causare la perdita di massa muscolare. Alcune entità patologiche accessorie contribuiscono a peggiorare la situazione, come:

  • Uremia
  • Anemia
  • Obesità
  • Diabete mellito
  • Disordini del metabolismo osseo
  • Disordini del metabolismo minerale

Gli uremici sedentari accusano spesso debolezza muscolare e affaticamento. Molti studi confermano che l’esercizio fisico ha, invece, effetti positivi nei pazienti dializzati, anche migliorando il loro trofismo muscolare.

I danni della sedentarietà e i benefici dell’esercizio

La sedentarietà, associata all’anemia, all’insufficienza renale cronica e alla dialisi, incoraggia lo sviluppo di patologie, quali il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa, la depressione, che, in aggiunta alla malattia renale cronica e all’uremia, determinano una condizione infiammatoria e un incremento dello stress ossidativo. Una regolare attività fisica può essere utile per diminuire i rischi sopra citati.

L’esercizio dovrebbe essere parte integrante della quotidianità dei pazienti sottoposti a dialisi.

L’esercizio fisico va adattato al paziente?

Età, stati fisici, psichici e clinici sono condizioni da valutare quando si consiglia a un paziente dializzato di fare esercizio. In generale, un po’ di sano movimento è adatto a chiunque (tranne a pazienti con problemi di deambulazione): parliamo di una passeggiata di circa 15, 20 minuti al giorno. Chi non è abituato può iniziare con un tempo minore e incrementarlo gradualmente. L’attività fisica leggera, nota anche come “ginnastica dolce”, è consigliata alla maggior parte dei pazienti.

L’esercizio fisico garantisce:

  • migliori livelli di funzione fisica;
  • una migliore qualità del sonno;
  • un aumento del senso dell’appetito;
  • il miglioramento dei dolori articolari.

Perché non provare? L’ideale è parlarne con il proprio specialista e affidarsi a un centro medico in grado di studiare un piano ad hoc per il paziente, così da consentire di riscoprire quelle sane abitudini che mai nessuna malattia dovrebbe far trascurare!

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

Mostra commenti
Fibre in eccesso: ecco perché non dovresti esagerare con la frutta e la verdura
Fibre in eccesso: ecco perché non dovresti esagerare con la frutta e la verdura
La scienza è dalla parte dei carciofi: “proteggono dai tumori”
La scienza è dalla parte dei carciofi: “proteggono dai tumori”
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Perché le malattie autoimmuni colpiscono di più le donne?
Perché le malattie autoimmuni colpiscono di più le donne?
Diverticolite: i cibi sì e quelli no
Diverticolite: i cibi sì e quelli no
Il caffè: un lassativo naturale
Il caffè: un lassativo naturale
In arrivo InsulCheck, per non dimenticarsi dell’insulina
In arrivo InsulCheck, per non dimenticarsi dell’insulina